[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
21/02/2024 - 03:38:28
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.218.145 - Sid: 544634123 - Visite oggi: 31526 - Visite totali: 64.662.545

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Cosa sono i falsi bisogni e come identificarli?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24270 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24414 Messaggi

Inserito il - 05/02/2024 : 10:04:16  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cosa sono i falsi bisogni e come identificarli?

Abbiamo davvero bisogno di tutto ciò che desideriamo? Tutto ciò che acquistiamo è essenziale ed essenziale? I media e la pubblicità sono decisivi nella creazione di falsi bisogni.

Al giorno d’oggi, in cui viviamo immersi nell’iperconsumo e nelle pressioni sociali, è fondamentale dare uno sguardo critico ai falsi bisogni che influiscono sul nostro benessere. Attraverso di loro acquisiamo cose di cui non abbiamo bisogno per fingere, a volte, ciò che non siamo.

Come possiamo identificarli e cosa possiamo fare prima di loro? In questo articolo impareremo a differenziare un falso bisogno da uno vero e forniremo una serie di linee guida per affrontarlo. Inoltre, spiegheremo quali sono i suoi effetti negativi sulla vita.

Cosa sono i falsi bisogni?

Sono un prodotto delle aspettative sociali e delle richieste del mercato, del consumo e della pubblicità. Sebbene siano sentiti e percepiti come inevitabili ed essenziali, non sono altro che un’imposizione prodotta e diffusa dai media e dai social network.

Attraverso l’interiorizzazione dei valori delle società dell’iperconsumo e dei principi della moda, le persone presumono che i falsi bisogni siano una parte vitale della loro esistenza, che devono soddisfare a tutti i costi. Per questo motivo si sentono tentati e costretti a cambiare ogni anno il cellulare, anche se il precedente è in perfette condizioni.

Questa dinamica dei desideri che lancia gli individui alla costante ricerca di beni e servizi non soddisfa un bisogno autentico né aumenta il benessere a lungo termine. Al contrario, produce un sentimento di vuoto e di insoddisfazione che favorisce ulteriormente i falsi bisogni e il consumo in generale.

Caratteristiche dei falsi bisogni

Per chiarire ulteriormente questo fenomeno, presenteremo una serie di caratteristiche tipiche dei bisogni non essenziali, ma che la maggior parte delle persone ritiene vitali:

Richiedono una soddisfazione costante: la loro soddisfazione è effimera. La persona prova un sollievo momentaneo quando le sue richieste vengono soddisfatte.
Sono artificiali: si basano sulla manipolazione e sono sviluppati dal mercato per aumentare i consumi. Sono a favore degli interessi di pochi e non sono essenziali per la vita.
Hanno un’influenza esterna: sono influenzati da agenti esterni, come la pubblicità, i social network e i media. Vengono impiantati attraverso la persuasione e vengono spacciati per indispensabili.
Influenzano il processo decisionale: come i veri bisogni, i falsi bisogni influenzano le scelte, ma la differenza è che quelli che non sono fondamentali o vitali distolgono le persone dai propri valori personali e dalla propria essenza.
Disconnettono il soggetto dal suo sé autentico: poiché non riflettono i veri bisogni o desideri e si basano sull’idealizzazione, non sono in grado di allineare l’individuo con ciò che realmente è. Piuttosto, lo allontanano dalla sua essenza, da ciò che veramente desidera, sente, brama e sogna.

Origine dei falsi bisogni

Dal punto di vista psicologico, i falsi bisogni compaiono, tra le altre ragioni, a causa dell’accettazione e della riproduzione delle norme e delle aspettative sociali. Questi vengono trasmessi, implicitamente o esplicitamente, attraverso i gruppi di pari, i mass media, l’istruzione, le dinamiche comunitarie, tra gli altri.

Le società sono in grado di delimitare ciò che è necessario e ciò che non lo è, in un dato momento.
Ad esempio, potrebbero stabilire che la ricchezza, il potere e il consumo sono essenziali per la vita comunitaria, l’autorealizzazione e il benessere. Nonostante ciò, si tratta di elementi fondamentali per la riaffermazione dell’iperconsumo e dell’economia di mercato.

La pubblicità e i media sono cruciali per la diffusione e la creazione di falsi bisogni. La continua diffusione di immagini e messaggi attraverso film, serie, libri, riviste e altro consolida un’immagine ideale dell’uomo moderno, che invita le persone a soddisfare i bisogni imposti per raggiungere la migliore versione di se stessi.

I social network intensificano tutto quanto sopra ed esercitano anche una pressione costante sugli utenti di Internet affinché facciano uno sforzo per soddisfare bisogni che, a lungo termine, non sono rilevanti e che li alienano solo. Tutto ciò produce una distorsione nella percezione, dove non si sa cosa è veramente importante e cosa non lo è: cosa è necessario e cosa non è necessario.

Differenze tra bisogni veri e falsi bisogni

L'uomo accarezza un nuovo veicolo che vuole comprare.

Volere sostituire il proprio veicolo con uno nuovo, anche se quello attuale è in perfette condizioni, risponde alla cultura del consumo.

I veri bisogni sono essenziali per la sopravvivenza e il benessere emotivo e fisico. Esempi sono cibo, acqua, riparo, sicurezza e affetto. Sono universali e cruciali per lo sviluppo dell’individuo.

Questi bisogni sono illustrati molto bene nella piramide di Maslow, dove viene data priorità a ciò che è essenziale per gli esseri umani. In esso l’autore pone alla base l’aspetto fisiologico, la sicurezza, i bisogni sociali, l’appartenenza e l’autorealizzazione.

D’altra parte, i falsi bisogni non sono essenziali per la vita e sono il prodotto della pressione sociale e della cultura del consumo. Ad esempio, voler cambiare veicolo ogni tanto, acquistare l’ultimo dispositivo elettronico, seguire la moda e acquistare beni di lusso.

Pertanto, la differenza fondamentale tra i due è la loro origine. Dal canto loro, quelli di base si basano su esigenze intrinseche e vitali del benessere, quelli falsi sono il risultato di costruzioni sociali mediate dal mercato e dalle aspettative sociali.

Come identificare i falsi bisogni

Per fare ciò, devi riflettere sul tuo comportamento, desideri, sentimenti e impulsi. Pertanto, è essenziale sviluppare una maggiore consapevolezza e conoscenza di sé. Allo stesso modo, bisogna avere più autocontrollo psicologico per non cedere alla tentazione di soddisfare questi bisogni. Diamo un’occhiata ad alcuni modi in cui puoi iniziare a riconoscerli.

1. Rifletti sulle tue motivazioni

Pensa al bisogno che senti e chiediti se migliora davvero il tuo benessere o se è solo un modo per rispondere alle aspettative sociali o alla pubblicità. Prima di acquistare quel cellulare, ad esempio, pensa se il tuo desiderio di averlo è dovuto a una tendenza del momento.

2. Distinguere tra “desiderio” e “bisogno”

Molte delle cose di cui pensi di aver bisogno, in realtà le desideri. Un modo molto efficace per distinguere tra i due concetti è fare un elenco delle cose di cui ritieni di aver bisogno e poi chiederti se potresti vivere senza di esse.

3. Imposta i tempi di attesa

La voglia del momento e il desiderio possono trasformare un piacere in una necessità. Prenditi qualche giorno o ora per lasciare che l’eccitazione si plachi. Se si tratta di un falso bisogno, vedrai che col tempo la sua intensità diminuisce e potresti anche non volerlo più soddisfare.

Ciò non accade con i bisogni primari , ad esempio il cibo. Quando hai fame, non smetti di sentirlo finché non mangi. Quelli falsi vanno e vengono.

4. Valutare l’impatto a lungo termine

Un altro modo per identificare questo tipo di bisogni è indagarne gli effetti a lungo termine. Chiediti cosa accadrebbe se lo soddisfacessi immediatamente e che impatto avrà sul tuo progetto di vita e sul tuo benessere fisico e mentale.

I falsi bisogni di solito non generano una maggiore soddisfazione a lungo termine né di solito hanno benefici che si estendono nel tempo. Generano quasi sempre un sollievo momentaneo e donano una felicità temporanea.

5. Conoscere il consumo e il marketing

Acquisire conoscenze su come funziona il mercato e sulle strategie che utilizza per persuadere può aiutarti a evitare di cadere nelle sue dinamiche ed essere più critico nei confronti dei bisogni e dei desideri che provi. Inoltre, conoscendo i suoi trucchi, saprai quali bisogni nascono da lei.

Conseguenze dei falsi bisogni

I suoi effetti negativi possono manifestarsi sia a livello personale che sociale. Diamo un’occhiata ad alcuni di essi, per tenere conto di come influisce sulla salute mentale, sulle finanze personali e persino sul pianeta.

Oneri finanziari eccessivi

Donna preoccupata dopo lo shopping compulsivo.

Gli acquisti eccessivi sono una manifestazione di falsi bisogni, che producono spese inutili.

Generalmente comportano spese inutili e sprechi finanziari. Di conseguenza, la persona finisce per utilizzare il denaro con cui potrebbe coprire i bisogni primari (come il cibo) per soddisfare i suoi falsi bisogni.

Insoddisfazione

Come abbiamo accennato, soddisfare questi bisogni genera maggiore insoddisfazione, poiché con esso non si può acquisire la felicità. La loro essenza è essere effimeri per consentire il consumo di cose ed esperienze nuove. Questa mancanza di soddisfazione costante può stressare le persone e influire sulla loro salute mentale e stabilità finanziaria.

Impatto ambientale

I falsi bisogni portano ad un consumismo eccessivo che può incidere sull’ecosistema. Questo perché lo spreco di beni non necessari può inquinare l’ambiente. Inoltre, esauriamo le risorse naturali per produrre, vendere e acquistare cose che non sono realmente necessarie.

Abitudini malsane

La soddisfazione di falsi bisogni può portare ad abitudini malsane come lo shopping compulsivo, lo spreco di denaro o l’uso eccessivo di sostanze. Può anche produrre dipendenza dall’attenzione ottenuta grazie al lusso o allo status forniti da determinati beni di consumo.

Come affrontare i falsi bisogni

Tenendo conto delle società in cui viviamo, è quasi impossibile liberarsi di questo tipo di bisogni. Quello che puoi fare è affrontarli in un altro modo. Di seguito condividiamo alcuni consigli.

1. Identifica le tue esigenze

Scrivi un elenco di quei bisogni che ritieni falsi e poi mettili in discussione. Analizza ogni elemento dell’elenco e pensa al suo valore funzionale ed emotivo. Allora cerca di lasciarti guidare dal valore d’uso (funzionale) dell’oggetto.

Al giorno d’oggi, ad esempio, è quasi impossibile non avere un cellulare per motivi di lavoro, ma la “necessità” di avere l’ultimo modello è altamente discutibile. Qualsiasi smartphone può aiutarti a rimanere connesso (valore d’uso) senza la necessità di acquistare quello più costoso sul mercato (valore emotivo o simbolico).

2. Definisci le tue priorità

Definire le priorità per affrontare i falsi bisogni.

Identificare le tue vere priorità ti consente di risparmiare e ridurre al minimo l’investimento di risorse in falsi bisogni.

Quando senti il bisogno di acquisire qualcosa di superfluo, cerca di dare maggiore rilevanza ai tuoi veri bisogni. Concentrati sui tuoi obiettivi e risparmia per il fondo di emergenza, ad esempio. Se sai che questo non contribuirà molto al tuo progetto di vita, cerca di non investire in esso e di destinare le tue risorse a ciò che desideri e a ciò che fa più bene alla tua vita.

3. Fai esercizi di respirazione

Accetta ciò che senti e fai un paio di respiri diaframmatici per mitigare leggermente l’impulso di soddisfare quel bisogno. Non combattete né resistete a sentirlo, piuttosto osservatelo e respirate con calma, ma senza arrendervi.

4. Concentra la tua attenzione sulle attività che ti piacciono

Distrarti con qualcos’altro può aiutarti molto nel breve periodo, quando il desiderio è irresistibile. Svolgi un’attività sana che ti piace davvero, come fare una passeggiata, fare jogging o praticare uno sport. Allo stesso modo, puoi scrivere, cantare, ballare, fare teatro o disegnare.

5. Sii grato per ciò che hai

A volte, poiché sei immerso nella lotta per ottenere ciò di cui non hai bisogno, dimentichi ciò che già hai. Tornare alle cose che possiedi e guardarle con gratitudine può aiutarti a respingere l’idea di scambiarle con cose di cui non hai bisogno. Incoraggiare la gratitudine è la chiave per combattere il consumismo dilagante.

Vivi in modo più critico

I bisogni non veri rappresentano una sfida per le persone che cercano di prenderne le distanze. In questo testo abbiamo fornito diverse raccomandazioni che non solo ci consentono di identificarle e differenziarle da quelle essenziali, ma servono anche ad affrontarle.

Saperli affrontare è fondamentale per godere di una migliore salute mentale e fisica, nonché per avere un rapporto più sano con il mondo, con noi stessi e con gli altri. Assumendo un atteggiamento più riflessivo, consapevole e critico, siamo in grado di superare le pressioni del mercato per acquisire cose di cui non abbiamo bisogno e che, a lungo termine, ci allontanano dalla nostra essenza.

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24270 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina