[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
09/08/2020 - 19:46:41
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 54.160.19.155 - Sid: 5931494 - Visite oggi: 2661 - Visite totali: 38.801.713

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Jet più silenziosi
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 1605 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


22532 Messaggi

Inserito il - 15/11/2003 : 21:17:35  Mostra Profilo
Jet più silenziosi

di: Donata Allegri - Ecplanet.net


Non appena ci si avvicina alla velocità del suono, a circa 1.120 km/h si verifica un boom sonico che potrebbe mandare in frantumi i vetri di centinaia di case al di sotto. Alle velocità supersoniche, un velivolo genera numerose onde di scossa che derivano da parti di suoi componenti importanti come il naso, il baldacchino, le ali e gli impennaggi verticali. Queste onde di scossa multiple tendono a fondersi in una scossa forte e si propagano attraverso l'atmosfera.

I supercomputer e le gallerie aerodinamiche possono essere utilizzati per predire le strutture di queste onde di scossa, ma soltanto all'interno del corpo del velivolo; per determinare la propagazione e la fusione di queste onde di scossa giù al livello del suolo devono essere utilizzate altre tecniche di calcolo. Sono stati fatti molti esperimenti durante i quali un aeroplano Sr-71, è stato utilizzato per generare onde soniche ed ha volato alle velocità da mach 1,25 a 1,60; sulla terra, sulla pista di volo dello Sr-71 è stato schierato un grande numero di registratori e si è visto che le onde sonore sono influenzate anche dalla temperatura, dal vento, dall'umidità e dalla turbolenza mentre si propagano attraverso l’atmosfera.

Dopo 40 anni di lavoro si è capito che anche la forma del velivolo ha la sua importanza nella formazione del boom. Negli anni settanta Richard Seebass e Albert George della Cornell University, osservando che l’onda d'urto sarebbe stata più debole se si fosse diffusa su un'area più vasta, avevano pensato di arrotondare il naso del Concorde e di riprogettarne le ali in modo da costringere le onde d'urto ad allargarsi a ventaglio più rapidamente. Questa necessità nasceva dal fatto che il boom del Concorde è così rumoroso che all'aereo è proibito volare a velocità supersonica al di sopra della terraferma.

La compagnia aerospaziale Northrop Grumman ha voluto sperimentare questa idea alla base statunitense di Edwards, in California, con un jet fighter F-5E modificato. Ed Haering, fisico del Dryden Flight Research Center della NASA, ha seguito i voli di prova da terra con una serie di microfoni e sensori di pressione, ed ha affermato che la forza delle onde d'urto è stata ridotta a circa 38 pascal, ossia meno della metà di quelle create dal boom del Concorde. Quindi i dati hanno confermato che la figura modificata del velivolo sono la soluzione per ridurre i boom sonici. Questo studio è riportato dalla rivista “New Scientist” e potrebbe aprire la strada a nuovi jet più silenziosi.


Istituzioni scientifiche citate nell'articolo:

Cornell University

NASA Dryden Flight Research Center

Donata Allegri
E-mail: donata.allegri@ecplanet.com
  Discussione Precedente Discussione n. 1605 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2020 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina