[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/06/2024 - 06:09:12
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.64.76 - Sid: 119353687 - Visite oggi: 30968 - Visite totali: 67.065.326

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 La follia dell’Egoismo 2
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24397 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24530 Messaggi

Inserito il - 07/06/2024 : 10:21:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La follia dell’Egoismo 2

(Paramhansa Yogananda)

- Parte 2 di 2

L'ipersensibilità

L'emotività è dovuta alla mancanza di controllo sul sistema nervoso. A volte un pensiero attraversa la mente e i nervi si ribellano contro quel pensiero. Anche se c'è una ragione per essere sconvolti, non bisogna farsi prendere dalle emozioni o dall'agitazione. Se senti che c'è una ragione per essere turbato e riesci lo stesso a controllarti, allora sei padrone di te stesso.

Non bisogna essere suscettibili o autocommiserarsi, perché così si accresce la propria ipersensibilità. Forse provi risentimento verso qualcosa e nessuno sa cos'è. Guarda dentro te stesso e rimuovi la causa di quella sensazione.

Molte persone pensano di doversi commiserare e che l'autocommiserazione porti un soffio di sollievo, ma in realtà è una droga come l'oppio. Ogni volta che l'oppiomane assume la droga, diventa sempre più dipendente. Sii forte come l'acciaio contro l'autocommiserazione.

Devi essere in grado di controllare il tuo umore all'istante. Se il fuoco dell'emotività corrode il tuo cuore e gli permetti di dimorare dentro di te, brucerà le fibre della tua pace. Devi essere in grado di controllarti, riconoscendo che l'ipersensibilità non è altro che un agente di Satana che cerca di distruggere la tua pace. Ogni volta che l'emotività visita il tuo cuore, essa crea un'interferenza nella radio della tua anima e ti scollega dalla canzone divina della pace, quella canzone che risuonerebbe dentro di te se tu non fossi ipersensibile. Ogni volta che sopraggiunge l'emotività, cerca di vincere le tue emozioni e non dare la colpa agli altri. Assumiti le tue responsabilità: è l'unico modo per liberarsi dell'ipersensibilità.

La critica distruttiva

Ci sono due tipi di critica: costruttiva e distruttiva. Se le critiche sono indirizzate a persone che si risentono per il giudizio ricevuto, allora è un caso di critica distruttiva. La critica costruttiva consiste nel dare consigli illuminanti agli amici che vogliono il tuo aiuto e l'hanno richiesto. La critica costruttiva è data con amore.

Non è facile criticare gli altri con esattezza e gentilezza, se prima non sai di poter criticare te stesso alla perfezione. Se riesci a individuare con chiarezza i difetti degli altri e a considerarli con compassione, come se fossero i tuoi, allora la tua è una critica costruttiva.
La critica silenziosa è molto più dannosa della critica espressa a parole. È molto sciocco criticare gli altri dentro di sé, in silenzio. Ripulisci la tua mente da tutte le critiche ostili nei confronti degli altri.

Se gli altri hanno chiesto il tuo giudizio, esprimi le tue critiche con uno sguardo benevolo o un accenno amorevole, con il minor numero di parole possibili. Non ripetere i tuoi consigli più di due volte. Lascia che la tua critica amorevole germogli come un seme nel terreno delle anime che la ricevono. Se vogliono coltivare quei semi, è un loro privilegio. Non puoi costringere gli altri a fare quello che vuoi. Con la critica giusta al momento giusto, puoi essere di grande aiuto agli altri.

Quando i veli dell'ignoranza cadranno dagli occhi della tua anima, sarai in grado di valutare con esattezza i pregi e i difetti degli altri. Non imparerai soltanto a essere tollerante, ma anche a venerare soltanto il bene e a provare totale indifferenza per ciò che è psicologicamente malsano.

Perdoniamo noi stessi in ogni circostanza. Perché allora non dovremmo perdonare anche gli altri in ogni circostanza? Quando commettiamo un errore, non vogliamo mai rendere pubbliche le nostre colpe, ma quando sbagliano gli altri, ci piace sparlare subito dei loro errori. Quando l'amore divino possiede il tuo cuore, allora diventi un giudice divino. Un giudice divino è un guaritore che ha il coraggio di prendersi la spiacevole responsabilità di correggere i suoi stessi figli con un unico scopo in mente: migliorarli.

(fine)
  Discussione Precedente Discussione n. 24397 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina