[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/06/2024 - 06:01:10
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.64.76 - Sid: 119353586 - Visite oggi: 30867 - Visite totali: 67.065.225

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Crisi dei 40 negli uomini e nelle donne...
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24389 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24530 Messaggi

Inserito il - 29/05/2024 : 09:14:33  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Crisi dei 40 negli uomini e nelle donne: segnali, cause e come superarla

Alcune persone di mezza età attraversano un periodo caratterizzato da ansia, insoddisfazione, tristezza e senso di vuoto, che si manifesta per diverse ragioni. Scoprite tutto su questa famosa crisi.

Potresti avere paura di invecchiare o di smettere di essere giovane, o entrambe le cose allo stesso tempo. La verità è che la crisi dei 40 colpisce la stragrande maggioranza delle donne e anche molti uomini. Nel caso femminile si aggiunge il fatto di entrare in menopausa e i sintomi che essa comporta, sia fisici che psicologici.

Questa crisi non si manifesta solo il giorno in cui la persona spegne le 40 candeline. Potrebbe svilupparsi un po’ prima o dopo. Quando apparirà, sarà il momento di analizzare quanto è stato fatto finora e le questioni in sospeso che restano da risolvere.

In questo articolo scopriremo, tra le altre cose, come si manifesta, come superarla e se è davvero una crisi supportata dalla ricerca.

Cos’è la crisi dei 40

La crisi dei 40 è un evento psicologico che di solito accade ad alcuni adulti di età compresa tra i 40 e i 60 anni. La sua caratteristica principale è la riflessione sull’esistenza e la rivalutazione dei risultati e degli obiettivi. Spinta dalla consapevolezza della propria finitezza e dal desiderio di vivere un’esistenza piena, la persona si sente spinta a modificare i propri piani per raggiungere i propri obiettivi.

In questo momento di crisi, chi ne soffre comincia a dubitare della direzione che ha preso nella propria vita e degli scopi che si è prefissato. Questo interrogarsi produce ansia e genera cambiamenti drastici nello stile di vita. Sebbene sia un processo disorientante, pieno di emozioni contrastanti dovute ad aspettative non soddisfatte, offre un’impareggiabile opportunità di crescita.

Segni della crisi di mezza età

Il modo in cui si manifesta la crisi di mezza età può variare da persona a persona. Pertanto, non esiste un insieme di “sintomi” approvati dalla scienza o dalle istituzioni ufficiali di salute mentale. Tuttavia, alcuni segnali che si possono notare sono i seguenti:

ansia
nostalgia
irritabilità
impulsivo
noia
insoddisfazione
sensazione di vuoto
mancanza di motivazione
tristezza (depressione)
comportamenti indulgenti
stanchezza di fronte alla solita routine
sogna ad occhi aperti un altro stile di vita
pensieri ricorrenti sul passato
cambiamenti drastici nell’aspetto, nelle relazioni, nello stile di vita o nel comportamento

“E se avessi (scelto un’altra carriera, avuto figli, preso un’altra decisione)” pensieri del tipo…

Uno dei segnali più importanti della crisi di mezza età è senza dubbio il bisogno di essere di nuovo “giovani”, cioè di avere di nuovo 20 anni. Questo porta a ricercare nuove esperienze, a fare cose che prima non erano possibili per vari motivi, vestirsi da adolescente, frequentare bar o discoteche, ecc.

Questo nuovo atteggiamento nei confronti della vita può diventare un nuovo meraviglioso risveglio, una motivazione che ci fa uscire dalla routine e arricchisce la nostra vita. Ma può anche provocare una grande nostalgia paralizzante, che ci porta a pensare troppo a ciò che è stato, dimenticando che abbiamo ancora molte cose da fare.

“Fasi” della crisi di mezza età

È bene chiarire che le seguenti “fasi” che esporremo non sono riconosciute dalla comunità scientifica. L’uso che ne diamo non è ufficiale e non pretendiamo che siano rappresentativi di tutti i casi. Il suo utilizzo è puramente pedagogico, in modo da poter avere un’idea generale dell’evoluzione prevista di questo fenomeno.

Trigger: come ogni crisi, inizia con un evento scatenante, anche se a volte questo non è molto evidente. Alcuni fattori scatenanti sono il divorzio, la morte di una persona cara, la disoccupazione, una malattia mortale, l’insoddisfazione, la mancanza di scopo.
Riflessione: la persona inizia a pensare e valutare la propria vita. Rivedi i tuoi obiettivi, ricorda i tuoi fallimenti e gli obiettivi che non hai mai raggiunto. In questa “fase” nasce una domanda profonda sulle decisioni, sulle relazioni, sulla professione, sul senso della vita e su ogni altro aspetto legato all’innesco.
Crisi: è la fase del conflitto e della tensione interna. È qui che sorgono emozioni come tristezza, rimpianto, rabbia, ansia, paura dell’ignoto, incertezza, ecc.
Esplorazione: spinto dalle sue riflessioni e conflitti, il soggetto inizia a cercare nuovi modi di vivere e cambiare quella dimensione della sua vita in cui si sente insoddisfatto. Ad esempio, puoi partecipare a nuove attività, lasciare relazioni, iniziare nuove relazioni, scoprire altre passioni, ecc.
Ricostruzione: dopo essersi avvicinati a nuovi obiettivi, aver cambiato stili di vita e aver trovato ciò che cercavano, la persona ricostruisce la propria esistenza, prende decisioni in linea con i suoi nuovi obiettivi o valori e si adatta ad essi.
Questo processo non avviene in modo lineare come sembra. Tipicamente, queste “fasi” sono sovrapposte e connesse. L’adulto può andare avanti e indietro da un’istanza all’altra e sperimentare varie emozioni, riflessioni e cambiamenti durante il processo.

Cause della crisi di mezza età

Le ragioni di questa crisi sono diverse, ma le più frequenti sono l’insicurezza, l’eccessiva responsabilità o la routine. Hanno anche partner conflittuali, si rendono conto degli errori commessi, si annoiano o mancano di obiettivi chiari. Diamo un’occhiata ad altre cause.

Morte di una persona cara e crisi dei 40

La perdita di una persona cara (familiare, amico, partner) è un’esperienza scioccante che, nella piena età adulta, può portare all’insorgenza della crisi di mezza età.La morte porta la persona a riflettere sulla propria finitezza e sul significato che sta dando alla propria vita..

La pensione

Il pensionamento è un evento significativo che comporta un notevole cambiamento di identità e di routine. Alcune persone non riescono a vedere se stesse al di là del lavoro, quindi ritirarsi può lasciarle con un senso di vuoto e ansia riguardo al loro nuovo ruolo nel mondo.

Divorzio

Questa è un’altra delle cause che possono far precipitare la crisi di mezza età: la separazione non implica solo un cambiamento di identità, ma implica anche l’alterazione di un’intera struttura familiare, soprattutto se ci sono figli. Il divorzio porta le persone a ripensare la vita senza il proprio partner e a confrontarsi con l’essere single, dopo tanti anni di convivenza con un’altra persona.

Invecchiamento

La mortalità e l’invecchiamento sono solitamente uno dei principali fattori scatenanti. Man mano che il soggetto si avvicina alla mezza età, diventa più consapevole del proprio processo di invecchiamento e del fatto che “il tempo sta scadendo”. Di conseguenza, inizia a rivedere la sua vita e a mettere in discussione ciò che ha ottenuto finora.

Cambiamenti nelle responsabilità

Una volta raggiunta la mezza età, sia gli uomini che le donne possono affrontare la sfida di doversi adattare a nuovi ruoli che non erano nei loro piani. Ad esempio, prendersi cura dei genitori malati, abituarsi ad una casa senza figli (sindrome del nido vuoto) e alle nuove dinamiche familiari, ecc. Questi cambiamenti possono generare insoddisfazione e dubbi sullo scopo della vita.

Obiettivi non raggiunti

Raggiungere i 40 o i 50 anni senza aver ancora realizzato i sogni che avevi da giovane può essere molto deludente per molti. Gli obiettivi non raggiunti e le aspettative non realizzate sono forti fattori scatenanti di questa crisi, che li porta a riconsiderare ciò che stanno facendo e la vita che stanno vivendo.

Socializzazione di genere e crisi dei 40

La socializzazione basata sul genere giocherà un ruolo chiave nella crisi, a seconda del contesto, del machismo e del patriarcato di una società. Quindi le aspettative riposte negli uomini e nelle donne influenzano il modo in cui interpretano e percepiscono la propria vita.

Per tradizione, e soprattutto nelle culture più patriarcali, gli uomini sono stati socializzati nella forza, nel successo, nell’autonomia e nell’autosufficienza. Nella mezza età adulta, la pressione per dimostrare il successo nella carriera e nella sfera finanziaria (un simbolo di potere) può innescare una crisi, se il tentativo fallisce.

Da parte loro, le donne cresciute in società e famiglie molto patriarcali vengono educate concentrandosi sulla cura, sulla maternità, sul servizio e sull’abnegazione. In questo contesto, una donna che introietta questo modello può sperimentare una tale crisi se raggiunge i 40 anni senza famiglia.

Tuttavia, grazie alla lotta per l’uguaglianza di genere, queste differenze si sono evolute. Pertanto, è normale che anche le donne abbiano le loro crisi perché non riescono nella loro carriera professionale, perché non sono autosufficienti o indipendenti, ecc. Attualmente, la socializzazione di genere non spiega completamente la crisi come avveniva in passato.

I cittadini ora hanno maggiore possibilità di personalizzare la propria vita, rendendo più complicato rintracciare una causa comune alla crisi. Ognuno lo sperimenta per le proprie ragioni e le proprie esperienze di vita, poiché ogni persona è artefice della propria esistenza e dei propri disagi.

Quanto dura questa crisi?

Non ha una durata standard, ma varia da caso a caso. Quindi, può durare da pochi mesi o settimane a qualche anno. Tutto dipende dalla persona e da come la gestisci.

C’è chi attraversa la crisi molto velocemente; Sono capaci di risolvere il conflitto che li genera e di creare nuovi significati, scopi e direzioni con relativa semplicità. Mentre per altri il processo è più lento e lungo, inoltre, lo evitano e hanno difficoltà ad affrontare la sfida che la crisi propone loro.

Il superamento dipende anche da variabili contestuali. Ad esempio, se la persona riceve sostegno da familiari e amici, o se è in buona salute mentale e fisica, potrebbe riprendersi più velocemente. Allo stesso modo, la stabilità economica e la disponibilità di risorse svolgono un ruolo importante nella gestione della crisi.

Cosa puoi fare di fronte a questa crisi?

È essenziale mantenere un atteggiamento positivo. Non importa se ti fanno notare che sei già “più grande”, è bene sapere che l’età porta con sé esperienze, aneddoti e conoscenze. Hai ancora tanti anni davanti a te, non vale la pena spenderli soffrendo.

Non dimenticare di divertirti. L’esperienza di essere cresciuto e di aver attraversato molti problemi ti rende ancora più interessante e preparato per ciò che segue. Avrai un maggiore autocontrollo e conoscerai le conseguenze delle tue azioni. Ricorda che il momento migliore è qui e ora. Di seguito vi lasciamo altri suggerimenti.

1. Rivedi i tuoi obiettivi

Come già sapete, questa crisi può essere una conseguenza del mancato raggiungimento degli obiettivi. È necessario, quindi, che vi prendiate qualche momento per valutare i vostri obiettivi e valori. Fai un elenco dei tuoi obiettivi e valori attuali e confrontali con quelli che avevi prima. Ora chiediti se quelli che hai attualmente riflettono davvero ciò che desideri e ciò che conta per te. In caso contrario, è tempo di ridefinirli.

2. Crisi dei 40: proteggi la tua salute

Il livello di stress, ansia, preoccupazione o tristezza che potresti provare durante questo periodo influisce sulla tua salute. Pertanto, ti suggeriamo di cambiare le tue abitudini e di svolgere attività che migliorino la tua salute mentale e fisica. Fai attività fisica, medita, dormi abbastanza, esprimi le tue emozioni, trascorri del tempo con i tuoi amici e familiari, vai in terapia, ecc.

3. Connettiti con i tuoi hobby

Trova il tempo per dedicarti a quegli hobby che hai dimenticato. Connettiti con ciò che ti piace ancora. Se hai smesso di apprezzare le attività che ti piacevano in precedenza, allora è tempo di esplorarne altre. Prova un nuovo hobby, come fare una passeggiata, ballare, fare teatro o fare sport, svolgere attività artistiche…

4. Crisi dei 40: prenditi cura e coltiva le tue relazioni

Le relazioni significative con amici e familiari sono una fonte inestimabile di sostegno mentre attraversi questa crisi. Cerca rifugio in loro e trascorri del tempo di qualità con loro per rafforzare il legame. Organizzare incontri per parlare, sfogarsi e chiedere consigli. Lasciati aiutare e curare anche da loro.

5. Accetta la modifica

Abbraccia il presente e i cambiamenti che ti sta portando. Accetta ciò che accade, ma non rassegnarti, anzi, cerca un modo per migliorare. Pratica la gratitudine in modo da non concentrarti troppo su ciò che ti manca. Scrivi ciò che stai vivendo e come questo può aiutarti a crescere come persona.

Esiste davvero la crisi di mezza età?

Fino a questo punto, abbiamo concettualizzato il termine “crisi di mezza età” sulla base della conoscenza popolare diffusa attraverso i media, le serie TV e i film. Ma cosa dicono la scienza e la ricerca a riguardo? È davvero vero che le persone entrano in crisi quando raggiungono la mezza età?

La verità è che la ricerca non sostiene questa crisi né la riconosce come un fenomeno universale. Uno studio pubblicato su Motivation and Emotion indica che solo il 26% delle persone sopra i 40 anni soffre di questa crisi. Inoltre non appare conseguenza dell’età, ma di eventi significativi.

Gli esperti nello sviluppo della mezza età ribadiscono che la “crisi di mezza età” può verificarsi in qualsiasi momento durante l’età adulta, poiché la causa scatenante non è l’età, ma eventi indipendenti da essa come la perdita del lavoro, la malattia, le difficoltà economiche, tra gli altri.

Questa famosa crisi è più una costruzione sociale, alimentata dall’industria dell’intrattenimento, che un’esperienza normativa. È importante tenerlo presente perché, come ha sottolineato Margie Lachman nel 2015, promuoverlo può portare a una profezia che si autoavvera. Inoltre, afferma il ricercatore, può essere utilizzato come scusa per comportamenti scorretti e generare diagnosi errate.

La crisi del 40: un periodo di riflessione

In questo articolo abbiamo appreso che, nonostante la mancanza di supporto empirico, la “crisi di mezza età” è un termine usato per parlare di un periodo di profonda introspezione e riflessione, in cui la persona mette in discussione diversi aspetti della propria vita. Non ha una durata fissa né cause universali.

È necessario coglierla come un’opportunità per crescere e riscoprire ciò che conta davvero. Grazie ad esso alcune persone hanno la possibilità di arricchire la propria vita e di vivere con maggiore saggezza. Ogni crisi segna un prima e un dopo che rendono più piena la nostra esistenza. Basta saperli sfruttare.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Freund, A., & Ritter, J. O. (2009). Midlife crisis: A debate. Gerontology, 55(5), 582-591. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19571526/
Infurna, F., Gerstorf, D., & Lachman, M. (2020). Midlife in the 2020s: Opportunities and challenges. American Psychologist, 75(4), 470-485. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7347230/
Lachman, M. E. (2004). Development in midlife. Annual Review Psychology, 55, 305-331. https://www.annualreviews.org/doi/abs/10.1146/annurev.psych.55.090902.141521
Lachman, M. E. (2015). Mind the gap in the middle: A call to study midlife. Research in human development, 12(3-4), 327-334. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4734389/
Wethington, E. (2000). Expecting stress: Americans and the “midlife crisis”. Motivation and Emotion, 24, 85-103. https://link.springer.com/article/10.1023/A:1005611230993

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24389 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina