[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
28/05/2024 - 04:09:16
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 34.236.191.0 - Sid: 529176530 - Visite oggi: 9923 - Visite totali: 66.522.239

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Il talento di Beethoven non era scritto nei geni
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24344 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24512 Messaggi

Inserito il - 15/04/2024 : 09:45:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il talento musicale di Beethoven non era scritto nei suoi geni

L'analisi dei geni di Beethoven rivela una scarsa predisposizione a muoversi a tempo di musica: un esempio di come il DNA da solo non spieghi tutto.

14 aprile 2024 - Elisabetta Intini

Era inevitabile che Beethoven diventasse il genio musicale che la Storia ci ha consegnato? Stando ai suoi geni, probabilmente no. Un'analisi del suo DNA pubblicata su Current Biology ha trovato che aveva una scarsa predisposizione genetica a tenere il ritmo, una capacità fondamentale per un compositore. Lo studio apre una riflessione sulla difficoltà di usare il profilo genetico soltanto per capire se una persona vissuta in passato o un neonato ancora in fasce avesse, o sia destinato ad avere, un talento in qualche disciplina.

RISPOSTE FACILI. OPPURE NO? Capire in quale misura alcune eccezionali abilità umane siano influenzate dalla genetica è una sfida che sembrerebbe più semplice da affrontare oggi, con le moderne tecniche di analisi molecolare che rendono persino possibile analizzare il DNA di persone scomparse da secoli. Il DNA di Beethoven estratto da uno dei capelli del musicista era stato sequenziato in uno studio del 2023, che aveva tra l'altro svelato una predisposizione per le malattie del fegato e un'infezione da epatite B.

Ora un gruppo di ricercatori del Centro medico della Vanderbilt University di Nashville, Tennessee (USA) ha usato quei dati genetici per indagare la genetica della sua predisposizione alla musica.

BOCCIATO! Il team ha calcolato lo "score poligenico", ossia un indice che aggrega il potere predittivo di molte varianti genetiche su una certa caratteristica che si sta studiando, della capacità di muoversi a tempo di musica, che di recente un ampio studio genetico aveva ricollegato a specifici loci (posizioni) su 69 diversi geni. Lo score poligenico di Beethoven è stato confrontato con quello di due diverse popolazioni di migliaia di individui moderni dei quali erano note le doti musicali.

«Fatto interessante, Beethoven, uno dei musicisti più celebrati nella storia, aveva uno score poligenico per la musicalità generale insignificante, rispetto ai campioni di popolazione del Karolinska Institute svedese e del database Vanderbilt's BioVU», conferma Tara Henechowicz, tra gli autori dello studio. Per Beethoven l'indice considerato lo colloca al nono percentile nel campione di popolazione svedese e all'undicesimo per quello statunitense. Essere al nono percentile significa che il 9% della popolazione ha uno score poligenico inferiore e il 91% superiore.

OLTRE AI GENI C'È DI PIÙ. Questo non significa che le doti musicali di Beethoven non siano state in ogni caso eccezionali, né che la genetica non abbia un peso nel determinare le abilità in questo campo. Uno studio passato sui gemelli ha infatti dimostrato che il senso musicale ha un'ereditabilità media del 42%.

Certo bisognerebbe mettersi d'accordo su che cosa si intenda per abilità musicali. E calcolare l'importanza di altre variabili, come l'ambiente in cui si cresce, o la dedizione a un'attività.

«Il nostro scopo era usare questo come esempio della problematicità del fare predizioni genetiche su un individuo vissuto oltre 200 anni fa», commenta Henechowicz. «La discrepanza tra la predizione basata sul DNA e il genio musicale di Beethoven fornisce un buon insegnamento, perché dimostra che i test del DNA non possono stabilire se un dato bambino finirà per essere dotato musicalmente».

https://www.cell.com/current-biology/fulltext/S0960-9822(24)00025-3

https://www.nature.com/articles/s41562-022-01359-x

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0149763423002713

da focus.it


  Discussione Precedente Discussione n. 24344 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina