[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
28/05/2024 - 02:32:51
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 34.236.191.0 - Sid: 529175859 - Visite oggi: 9252 - Visite totali: 66.521.575

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Cosa succede quando si muore?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24333 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24512 Messaggi

Inserito il - 03/04/2024 : 10:56:38  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cosa succede quando si muore?

Il nuovo studio: cervello e cellule possono continuare a vivere per giorni,
Sam Parnia spiega cosa succede quando i pazienti sperimentano la morte

2 Aprile 2024

Molte persone vedono la morte come l'ultima esperienza della propria vita. Grazie ai progressi nella scienza della rianimazione e nella medicina di terapia intensiva sono state elaborate delle ipotesi relative al fatto se la morte sia realmente l'ultima forma di vita “definitiva”. Sam Parnia, direttore della divisione di ricerca infettiva della New York University ha parlato della sua ricerca sulla scienza della rianimazione.

La morte

Secondo Sam Parnia la morte avviene quando il cuore smette di battere: «Chiamiamo questa morte secondo criteri cardiopolmonari ed è così che viene definita la morte per oltre il 95% delle persone. Una persona smette di respirare e il suo cervello si spegne, causando la cessazione di tutti i processi vitali. Più recentemente, con la nascita della moderna medicina di terapia intensiva e la capacità di far battere artificialmente il cuore delle persone, i medici come me possono far battere il cuore di un paziente più a lungo. Laddove le persone possano aver subito danni cerebrali irreversibili e morte cerebrale, ciò porta a una situazione in cui il cervello è morto, ma il cuore della persona batte ancora, quindi legalmente vengono dichiarati morti in base alla morte cerebrale irreversibile o alla morte secondo criteri di morte cerebrale. Ciò accade in una piccola parte dei casi in cui le persone vengono dichiarate morte. Per millenni la morte è stata considerata un evento irreversibile e nulla poteva restituire la vita. Negli ultimi dieci anni ci siamo resi conto che è solo dopo la morte di una persona che le cellule del suo corpo, compreso il cervello, iniziano il proprio processo di morte.

Una volta pensavamo che ci fossero cinque o dieci minuti prima che le cellule cerebrali morissero per mancanza di ossigeno, ma ora sappiamo che è sbagliato. Hai ore, se non giorni, prima che il cervello e altri organi del corpo vengano danneggiati irreversibilmente dopo la morte. In realtà è il ripristino dell'ossigeno e del flusso sanguigno negli organi dopo che il cuore di una persona si ferma, ma viene poi rianimato, che paradossalmente porta alla morte cellulare accelerata. Quindi, questo processo accelerato di danno secondario è ciò che dobbiamo combattere ora in medicina».

Esperienza di morte

Il dottore ritiene che utilizzare il termine di esperienza "pre-morte" non sia coerente con ciò che le persone realmente sperimentano. Lui infatti parla di esperienza di morte portando una sua analisi: «La chiamo “esperienza di morte” perché è di questo che si tratta. Le persone riferiscono un'esperienza cognitiva unica in relazione alla morte. Potrebbero avere la percezione di vedere il loro corpo e i medici e gli infermieri che cercano di rianimarli, ma si sentono molto tranquilli mentre osservano. Alcuni riferiscono di essersi resi conto che potrebbero essere effettivamente morti. Successivamente sviluppano la percezione o la sensazione di essere attratti verso un tipo di destinazione. Durante l'esperienza, ripercorrono la loro vita dalla nascita fino alla morte e, cosa interessante, questa revisione si basa sulla loro umanità. Non rivedono la propria vita in base a ciò per cui le persone aspirano, come una carriera, promozioni o una vacanza fantastica. La loro prospettiva è focalizzata sulla loro umanità. Notano episodi in cui mancavano di dignità, si comportavano in modo inappropriato nei confronti degli altri o, al contrario, si comportavano con umanità e gentilezza. Rivivono e rivivono questi momenti, ma la cosa affascinante, che in un certo senso mi lascia senza parole perché non riesco davvero a spiegarlo, è che descrivono queste esperienze anche dal punto di vista dell'altra persona. Se hanno causato dolore, provano lo stesso dolore provato da un'altra persona, anche se in quel momento non se ne rendevano conto. In realtà giudicano se stessi. All'improvviso si rendono conto del motivo per cui le loro azioni erano buone o cattive e molti affermano di vedere le conseguenze a valle delle loro azioni».

Le cellule cerebrali

Sam Parnia conclude dicendo che nonostante i ricercatori propongano che la mente o la coscienza siano prodotti dall'attività cerebrale, tuttavia non sono riusciti a dimostrare che in alcuni casi (dopo la morte), le cellule celebrali possono generare pensieri o coscienza: «Tradizionalmente, i ricercatori avevano proposto che la mente o coscienza – il nostro sé fosse prodotta dall’attività cerebrale organizzata. Tuttavia, nessuno è mai riuscito a dimostrare come le cellule cerebrali, che producono proteine, possano generare qualcosa di così diverso, cioè pensieri o coscienza. È interessante notare che non è mai stato proposto un meccanismo biologico plausibile per spiegare questo. Recentemente alcuni ricercatori hanno iniziato a sollevare la questione che forse la tua mente, la tua coscienza, la tua psiche, ciò che ti rende, potrebbe non essere prodotta dal cervello. Il cervello potrebbe agire più come un intermediario. Non è un'idea nuova di zecca. Hanno sostenuto che non abbiamo prove per dimostrare come le cellule cerebrali o le connessioni delle cellule cerebrali possano produrre i tuoi pensieri, la tua mente o la tua coscienza. Il fatto che le persone sembrino avere piena coscienza, con processi di pensiero lucidi e ben strutturati e formazione di memoria da un momento in cui il loro cervello era altamente disfunzionale o addirittura non funzionale è sconcertante e paradossale. Sono d'accordo sul fatto che ciò sollevi la possibilità che l'entità che chiamiamo mente o coscienza possa non essere prodotta dal cervello. È certamente possibile che ci sia un altro strato di realtà che non abbiamo ancora scoperto che è essenzialmente al di là di ciò che sappiamo del cervello e che determina la nostra realtà. Quindi, credo che sia possibile che la coscienza sia un'entità scientifica non ancora scoperta che potrebbe non essere necessariamente prodotta dall'attività sinaptica nel cervello».

da ilmessaggero.it


  Discussione Precedente Discussione n. 24333 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina