[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
28/05/2024 - 03:26:03
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 34.236.191.0 - Sid: 529176244 - Visite oggi: 9637 - Visite totali: 66.521.957

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Che cos'e' la schizofrenia ebefrenica?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24332 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24512 Messaggi

Inserito il - 03/04/2024 : 10:40:24  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Che cos'e' la schizofrenia ebefrenica o disorganizzata?

I pazienti ebefrenici parlano, pensano e si comportano in modo disordinato. Vi spieghiamo in cosa consiste questo disturbo schizofrenico e come viene trattato.

La schizofrenia ebefrenica è un disturbo mentale caratterizzato dalla presenza di deliri, allucinazioni, linguaggio e linguaggio disorganizzati e sintomi negativi (avolizione, alogia, anedonia, asocialità). È in grado di deteriorare in modo significativo il funzionamento di una persona in diversi ambiti: lavorativo, familiare, accademico, sociale e personale.

Per molto tempo, in ambito clinico e sociale, questa malattia è stata classificata in diverse categorie, tra le quali spiccavano quella ebefrenica o disorganizzata. Tuttavia, attualmente, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) non supporta più questa suddivisione. Non esistono quindi più classi diverse, ma una sola: la schizofrenia.

Nonostante quanto sopra, in questo articolo descriveremo, a scopo didattico, in cosa consiste l’ebefrenia, cosa la differenzia dalle altre, quali sono i suoi sintomi e il trattamento che richiede.

Cos’è la schizofrenia ebefrenica

L’ICD-10 (1995) la definisce come un tipo di schizofrenia in cui si verificano notevoli cambiamenti a livello emotivo, deliri e allucinazioni fugaci insieme a comportamenti irresponsabili e imprevedibili. La sua caratteristica principale è la disorganizzazione nel pensiero, nella parola e nel comportamento.

Coloro che ne soffrono agiscono in modo irregolare e hanno una natura priva di ordine. Piuttosto che sostenere un tema persistente o una narrazione coerente nei loro deliri e nelle loro allucinazioni, sono piuttosto caotici nella struttura e nello sviluppo delle loro narrazioni psicotiche sulla realtà.

Inoltre, mostrano una mancanza di congruenza tra ciò che sentono, dicono e fanno. La disconnessione tra i tuoi schemi abituali di azione e i tuoi pensieri è notevole. In altre parole, il livello di disorganizzazione nel loro modo di essere, pensare, sentire e agire è evidente.

Ora, perché è detto “ebefrenico”? Vediamo innanzitutto la sua etimologia: dal greco hebe, che significa ‘giovane’, ‘gioventù’, e phren, che significa ‘mente’. Il suo nome è dovuto, poi, al fatto che compare solitamente tra i giovani.

Quali sono i sintomi della schizofrenia ebefrenica

A differenza di altri “tipi” di schizofrenia, il sintomo centrale di questa è la disorganizzazione. Ci sono deliri e allucinazioni, ma non tendono ad essere così evidenti come la mancanza di ordine nel linguaggio, nelle narrazioni, nei comportamenti e nelle emozioni. Secondo l’ICD-10, i suoi sintomi sono i seguenti:

Deliri
Allucinazioni
cambiamenti emotivi
Isolamento sociale
Comportamenti disorganizzati
Pensiero disorganizzato
Umorismo inappropriato e superficiale
Linguaggio incoerente e disorganizzato

Vediamo come la mancanza di ordine (sintomo centrale) si esprime a diversi livelli.
Disorganizzazione della parola o del discorso
Scrittura disordinata o scrittura senza una logica chiara.
Problemi a mantenere il thread nelle conversazioni.
Propensione a ripetere concetti o termini.
Creazione di parole nuove o inesistenti (neologismi).
Offri risposte a domande con dati non correlati.
Cambiamenti bruschi e rapidi da un argomento all’altro durante una conversazione.
Difficoltà nel selezionare e strutturare le parole in modo appropriato per creare frasi significative.

Disorganizzazione del comportamento

Camminare senza una direzione specifica.
Tendenza ad evitare l’interazione sociale.
Smorfie o movimenti facciali che non riflettono le emozioni.
Ostacoli alla frequentazione regolare di istituti di istruzione o luoghi di lavoro.
Atteggiamenti o azioni che ricordano quelli di uno stadio di sviluppo precedente (regressioni).
Difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane come lavarsi, vestirsi adeguatamente o svolgere compiti di pulizia.

Disorganizzazione del pensiero

Tendenza a dimenticare e smarrire gli oggetti.
Difficoltà a svolgere, iniziare e finire i compiti.
Problemi nell’interpretare le espressioni degli altri.
Limitazioni nella strutturazione di pensieri e idee.
Sfide per mantenere la concentrazione o ricordare le informazioni.
Complicazioni nello sviluppo e nel seguire un piano o una routine prestabilita.
Svantaggi di concentrarsi sulla lettura o sull’ascolto o di mantenere il filo di un concetto.

Cause della schizofrenia disorganizzata

Sebbene le sue cause non siano ancora note con certezza, esistono diversi fattori di rischio associati a questo disturbo. Secondo il Servizio Sanitario Nazionale, alcuni di essi sono i seguenti:

Complicazioni alla nascita: basso peso e mancanza di ossigeno durante il parto influenzerebbero la comparsa della malattia.
Uso di droghe: l’abuso di sostanze come cannabis, cocaina, LSD o anfetamine può aumentare il rischio di soffrire del disturbo, soprattutto nei giovani.
Strutture cerebrali: alcuni pazienti con questo problema mentale mostrano cambiamenti nella struttura del cervello e alterazioni nelle connessioni di alcune regioni di detto organo.
Squilibrio chimico: l’ebefrenia è stata collegata ad alterazioni de ilivelli di dopamina. I farmaci che regolano questo neurotrasmettitore possono contribuire ad alleviare i sintomi psicotici.
Eredità genetica: le persone con parenti schizofrenici hanno maggiori probabilità di svilupparla. Nei fratelli gemelli è stato osservato che se uno soffre del disturbo, c’è un’alta probabilità che anche l’altro ne soffra.
Fattori di stress ambientali: traumi e situazioni stressanti possono innescare (ma non causare) questa malattia. Eventi come il dolore per la morte di una persona cara, perdite significative a casa o al lavoro, divorzio, abusi fisici, emotivi o sessuali, ecc.

Schizofrenia ebefrenica rispetto ad altre varianti

Successivamente, faremo un confronto tra la schizofrenia ebefrenica e altre varianti. Fare questa distinzione è necessario per comprendere meglio questa specifica forma della malattia.

Paranoica
È caratterizzato dalla predominanza di paranoia, allucinazioni e distorsioni percettive; In esso non ci sono disturbi dell’affetto o del linguaggio. Nella persona ebefrenica, invece, si manifesta un’alterazione del linguaggio (disorganizzazione).

Catatonica
Sono presenti gravi alterazioni psicomotorie (ipercinesia, stupore, negativismo, tra gli altri). Da parte sua, nell’ebefrenico non ci sono problemi motori, ma piuttosto imprevedibilità del comportamento.

Indifferenziata
La schizofrenia ebefrenica presenta sintomi molto chiari come la disorganizzazione del pensiero e l’appiattimento emotivo. La malattia indifferenziata non soddisfa nessuno dei criteri diagnostici per la schizofrenia.

Residuo
Mentre la schizofrenia residua è caratterizzata dalla predominanza dei sintomi negativi, nell’ebefrenia vi è una preponderanza dei sintomi positivi.

Semplice
La schizofrenia semplice si sviluppa senza sintomi psicotici evidenti (allucinazioni o deliri), ma con compromissione del funzionamento sociale. Al contrario, l’ebefrenico include sintomi psicotici, nonché comportamenti imprevedibili e disorganizzati.

Come trattare la schizofrenia ebefrenica?

Come abbiamo accennato all’inizio, attualmente non esiste una classificazione ufficiale di questo disturbo, pertanto il trattamento è lo stesso in tutti i casi, anche se adattato alle particolarità di ciascun paziente.

In termini generali, l’approccio mira ad attenuare i sintomi positivi e negativi e a migliorare le prestazioni del paziente nei diversi ambiti della sua vita. L’ Istituto Nazionale di Salute Mentale presenta le opzioni di intervento elencate di seguito.

Farmaci antipsicotici e schizofrenia ebefrenica

Con gli antipsicotici diminuiscono l’intensità e la frequenza dei sintomi psicotici (allucinazioni e deliri). La sua somministrazione dipende dal farmaco, alcuni vengono iniettati, altri vengono ingeriti (pillola o liquido). Alcuni di questi farmaci sono olanzapina, risperidone, clozapina, aloperidolo, aripiprazolo.

Interventi psicosociali e schizofrenia ebefrenica

Un’altra opzione integrata con l’uso di farmaci è l’intervento psicosociale. L’obiettivo è che l’individuo sia un cittadino funzionale e sia in grado di funzionare in modo efficiente nella vita quotidiana (scuola, famiglia, lavoro). Questo approccio terapeutico può includere formazione sulle abilità sociali, psicoterapia, terapia occupazionale, ecc.

Psicoeducazione familiare

Per un approccio più completo, è essenziale includere nel processo la famiglia e gli amici, poiché sono loro che vivono con il paziente e devono affrontare le sue epidemie psicotiche. Il buon trattamento, l’empatia, la comprensione e la compassione che questa rete di supporto fornisce al paziente è un fattore chiave per il suo recupero.

Un programma incentrato sulla famiglia e sugli amici comprende linee guida per affrontare il disagio, strategie per migliorare le proprie capacità di coping, psicoeducazione sul disturbo e attività per sviluppare strumenti di supporto emotivo. Allo stesso modo, è essenziale insegnare loro a prendersi cura di se stessi.

L’ebefrenia è rilevante per illustrare la complessità della malattia

Sebbene non sia più accettata come categoria diagnostica separata nel DSM-5, l’ebefrenia è un’importante “classificazione” per illustrare la complessità della schizofrenia in generale.

In questo articolo abbiamo appreso che la sua caratteristica principale è l’alto livello di disorganizzazione nel linguaggio, nelle idee e nel comportamento. Anche la differenza rispetto ad altre varianti è la mancanza di coerenza e strutturazione nelle narrazioni psicotiche e la disconnessione tra pensiero e azioni. Sebbene leggermente diverso, il suo trattamento è simile a qualsiasi forma precedentemente accettata.

Infine, per quanto riguarda il trattamento, è essenziale attuare un approccio sistemico, dove l’intervento non è contemplato solo per il paziente, ma anche per tutta la sua rete di supporto. Questo approccio globale (medico, psicologico e sociale) è essenziale per il recupero e il funzionamento quotidiano della persona.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

American Psychiatric association. (2014). Manual diagnóstico y estadístico de los trastornos mentales (DSM-5). Editorial Panamericana.
Hany, M., Rehman, B., Azhar, Y. & Chapman, J. (20 de marzo de 2023). Schizophrenia. StatPearls. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK539864/
John M. Eisenberg Center for Clinical Decisions and Communications Science. (9 de abril de 2014). Medicamentos antipsicóticos para tratar la esquizofrenia y el trastorno bipolar. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK206960/
National Health Service. (13 de abril de 2023). Causes – Schizophrenia. https://www.nhs.uk/mental-health/conditions/schizophrenia/causes/
National Institute of Mental Health. (2023). Schizophrenia. https://www.nimh.nih.gov/health/topics/schizophrenia
Organización Mundial de la Salud. (1995). Clasificación Estadística Internacional de Enfermedades y Problemas Relacionados con la Salud [CIE-10]. Editorial Médica Panamericana.
Patel, K. R., Cherian, J., Gohil, K., & Atkinson, D. (2014). Schizophrenia: overview and treatment options. Pharmacy and Therapeutics, 39(9), 638-645. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4159061/

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24332 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina