[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
06/02/2023 - 17:01:04
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 44.211.239.1 - Sid: 1060443218 - Visite oggi: 17085 - Visite totali: 58.188.079

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Deja reve (gia' sognato), fenomeno poco conosciuto
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23772 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23927 Messaggi

Inserito il - 21/01/2023 : 10:34:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Deja reve (gia' sognato), un fenomeno che pochi conoscono

Avete mai avuto la sensazione di aver già vissuto l'esperienza appena vissuta in sogno? È un fenomeno neurologico che la scienza può già spiegare e che, in qualche modo, ci ricorda il déjà vu...

Avete mai vissuto un déjà vu (già visto)? È molto probabile. Quel tipo di paramnesia in cui abbiamo la sensazione che ciò che abbiamo appena vissuto lo avevamo già sperimentato prima, è qualcosa di abbastanza comune. Molto è stato scritto al riguardo, sono stati girati film ed è ancora un fenomeno tanto eclatante quanto noto alle neuroscienze. Oggi parliamo del déjà rêvé.

Non c’è nulla di soprannaturale in esso, poiché risponde a un fallimento della memoria molto ricorrente che si verifica nel lobo temporale. E se vi chiedessimo se avete mai avuto un déjà rêvé (già sognato)? È un’esperienza singolare in cui, all’improvviso, qualsiasi circostanza o situazione evoca qualcosa che è apparso nel nostro universo onirico.

Ci sono persone che nella loro quotidianità hanno, quasi costantemente, la percezione di rivivere un sogno. In altre parole, mentre nel déjà vu ci diciamo che “questo l’ho già sperimentato”, nel déjà rêvé quello che diremmo a noi stessi sarebbe “questo l’ho già sognato”.

Di cosa si tratta? Chi ne soffre e perché? Approfondiamo la questione.

Sebbene al momento non ci siano molte ricerche sul déjà rêvé (già sognato), sappiamo che è un tipo di reminiscenza che tutti abbiamo sperimentato in un momento specifico e sporadico. Tuttavia, è un’esperienza molto comune tra coloro che soffrono di crisi epilettiche.

La sensazione che qualcosa che ci è appena successo l’avevamo già sognata può essere molto inquietante.

Déjà rêvé (già sognato): in cosa consiste?

Il cervello e, di conseguenza, la mente umana, sono entità tanto sconosciute quanto intricate. Ci sono molti disturbi neurologici e della memoria che al momento non sono compresi al 100%. In questo modo, sia il déjà vu che il déjà rêvé rispondono a fenomeni esperienziali che la scienza cerca di svelare da decenni e di cui già conosciamo alcuni dati.

Possiamo definire déjà rêvé (già sognato) come un’esperienza in cui una persona ha la percezione di vivere inaspettatamente, qualcosa che a un certo punto ha sognato. Ancor di più, a volte, chi soffre di questo tipo di alterazioni, crede di trovarsi in un sogno. Come sottolineano gli stessi neurologi, questa sensazione è molto più complessa del déjà vu.

Vediamo alcune delle caratteristiche che lo definiscono.

Come si manifesta?

Il CG Jung Küsnacht Institute ha condotto una ricerca nel 2010 sul fenomeno del déjà rêvé. Hanno intervistato 444 studenti per scoprire che il 95,2% di loro aveva vissuto questa esperienza a un certo punto. È comprensibile . Infatti, se venisse chiesto anche a ciascuno di noi, la maggior parte di noi affermerebbe di aver avuto quell’esperienza in un momento specifico.

Tuttavia, va notato che ci sono persone che si occupano di questo tipo di paramnesia con alta frequenza. Lungi dall’essere un evento sporadico, è diventato una realtà frequente.

Esistono tre tipi di déjà rêvé. La prima definisce quell’esperienza che risulta essere esatta per un sogno molto particolare, di cui si ricordano dettagli molto precisi. Questa tipologia è nota come tipo episodico.
La seconda tipologia familiare si riferisce alla percezione un po’ diffusa che ciò che accade qui e ora ci ricorda un sogno passato che non riusciamo a discernere chiaramente.
Infine, la terza lezione di déjà rêvé è la più complessa e suggestiva. Ci sono persone che improvvisamente entrano in uno stato di sogno. La realtà è distorta, si perde il contatto con essa e si ha la sensazione di essere immersi in un mondo di sogno. È un’esperienza breve ma travolgente.

Sebbene il déjà-rêvé (già sognato) ci ricordi il déjà-vu (già vissuto), in realtà sono due fenomeni molto diversi.

La stimolazione cerebrale elettrica può far sentire una persona come se qualcosa che sta vivendo gli ricordasse un sogno passato.

L’ho già sognato! Perché?

Quando qualcuno ci dice che “questa cosa che mi è successa ora l’avevo già sognata” proviamo un po’ di sorpresa e anche di scetticismo. Vuol dire che questa persona ha capacità extrasensoriali o precognitive? Assolutamente no. Insistiamo ancora una volta sul fatto che ci sono molte esperienze neurologiche insolite che la scienza non riesce ancora a comprendere fino in fondo.

Tuttavia, ciò non significa che non abbia la sua spiegazione scientifica. I déjà-rêvé stanno attirando sempre più attenzione e, quindi, a poco a poco più studi sembrano darci risposte sull’argomento. Per cominciare, i neurologi ci dicono che queste esperienze, sebbene simili, sono molto diverse dal déjà vu. Vediamo alcune delle cause del suo aspetto.

Quando la vita reale ci ricorda un sogno

Come abbiamo già sottolineato, è del tutto possibile che il 95% di noi abbia sperimentato questo fenomeno.M olti dei nostri sogni notturni sono dimenticati, rimangono nel più profondo degli strati mentali. Ora, a volte, ci sono determinati eventi o situazioni che ci fanno ricordare cosa abbiamo sognato quella notte o qualche giorno fa.

È come qualcuno che va in una mensa e vede qualcuno far cadere la sua tazza di caffè. Quella scena evoca improvvisamente qualcosa di simile che viviamo nei nostri sogni.

Questo ci fa avere la (errata) percezione che quanto sta accadendo sia esattamente uguale a quelle narrazioni oniriche accadute di recente.

Nella vita di tutti i giorni è molto comune ricordare improvvisamente frammenti di sogni che abbiamo fatto tempo fa o quella stessa notte e che credevamo dimenticati.

Il cervello stimolato e l’epilessia

Una cosa è avere uno o due episodi di déjà-rêvé all’anno, un’altra è averli quasi ogni giorno. L’ospedale universitario di Tolosa, il Centro di ricerca sul cervello e la cognizione (CNRS) e l’Università di Nancy hanno condotto un’interessante studio di ricerca nel 2018.

Qualcosa che potrebbe essere visto è che la stimolazione cerebrale elettrica (EBS) induce la memoria dei sogni passati. Dimostrarlo è più importante di quanto pensiamo, perché le persone con epilessia hanno sempre affermato di provare questa sensazione. Che molte delle cose che accadono loro, le hanno già vissute nei sogni.

Questo lavoro è stato il primo a dimostrare l’esistenza del déjà-rêvé come fenomeno esperienziale abituale nei pazienti con questa malattia. È una particolarità neurologica che si verifica spesso durante le convulsioni. Quindi, insieme all’insieme di sensazioni insolite che si manifestano con questa malattia, ci sarebbe anche una particolarità.

Un fenomeno innocuo: il déjà rêvé

Nella stragrande maggioranza dei casi, avere un déjà vu come un déjà-rêvé risponde a fatti tanto normali quanto sorprendenti. Sono un po’ inquietanti e riescono a lasciare in noi quel segno, quello della stranezza di sentire che qualcosa che dovrebbe essere nuovo non è tanto perché lo abbiamo già sperimentato. O nel passato o nei sogni.

Questo non è un problema, più che un divertente aneddoto. Tuttavia, se abbiamo la chiara sensazione che stiamo perdendo il contatto con la realtà e che ciò che vediamo e sentiamo spesso sembra distorto, non esitate a cercare un aiuto professionale.

La mente può giocarci brutti scherzi ed è conveniente conoscerne il motivo. Anche se, come diciamo, questo è un fenomeno molto comune e innocuo.

Bibliografia

Curot J, Valton L, Denuelle M, Vignal JP, Maillard L, Pariente J, Trébuchon A, Bartolomei F, Barbeau EJ. Déjà-rêvé: Prior dreams induced by direct electrical brain stimulation. Brain Stimul. 2018 Jul-Aug;11(4):875-885. doi: 10.1016/j.brs.2018.02.016. Epub 2018 Feb 24. PMID: 29530448; PMCID: PMC6028740.
Funkhouser, A. T., & Schredl, M. (2010). The frequency of déjà vu (déjà rêve) and the effects of age, dream recall frequency and personality factors. International Journal of Dream Research, 3(1), 60–64. https://doi.org/10.11588/ijodr.2010.1.473

https://www.brainstimjrnl.com/article/S1935-861X(18)30079-2/references

https://journals.ub.uni-heidelberg.de/index.php/IJoDR/article/view/473

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23772 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2023 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina