[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
04/12/2022 - 07:11:30
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 44.200.169.3 - Sid: 475611606 - Visite oggi: 10747 - Visite totali: 56.896.576

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 ALTREVISTE BiblioForum
 Il vero pericolo dei troll su Internet: qual e'?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore  Discussione n. 23654 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23812 Messaggi

Inserito il - 18/11/2022 : 10:39:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il vero pericolo dei troll su Internet: qual e'?

Pensate che i troll non siano altro che bambini disorientati che sfogano la loro rabbia su internet? Pensate che le loro azioni siano scherzi innocenti senza conseguenze? Quello che ci dicono gli ultimi studi ci svela tutt'altro..

I troll di Internet potrebbero essere più pericolosi di quanto sembrino o di quello che vogliamo pensare. Alcuni di loro diventano veri e propri stalker nella vita reale. Ma, per ora, ci concentriamo sul comportamento dei troll all’interno dello spazio virtuale. Qual è il vero pericolo dei troll su internet?

Cosa possiamo definire un “troll” su internet? Si tratta di atti di provocazione e fastidio verso altre persone online per il proprio divertimento, con la scusa dell’anonimato e l’uso di alias. Il cosiddetto troll è presente da secoli nel folklore e nella letteratura fantasy. Tuttavia, il trolling online è in circolazione dall’avvento di Internet.

Il primo uso noto del termine risale agli anni ’90, in alcuni forum privati. Era un modo per gli utenti di confondere i nuovi membri pubblicando ripetutamente una barzelletta interna di cui il resto del forum era a conoscenza. Questo nuovo utente è stato “trollato”, come una sorta di nonnismo. Sfortunatamente, è stato dimostrato che questi forum, che in origine erano un luogo sicuro per la risata e l’intrattenimento, hanno un comportamento sociopatico.

I troll di Internet si nutrono di confusione e odio per danneggiare e generare disagio negli altri.

Il vero pericolo dei troll di Internet potrebbe essere più grave di quanto sembri

Sapevamo già che i troll di Internet erano molto più odiosi di quelli dei cartoni animati. Almeno, nei secondi, abbiamo chiaro il suo aspetto e la sua identità.

Tuttavia, i troll online spesso si nascondono dietro il loro anonimato per molestare e turbare qualsiasi utente che esponga il proprio volto e i propri dati personali.

La codardia è diventata il modo per intimidire e molestare chiunque nel 21° secolo. Per avere un’idea di quanto lontano possa spingersi la sua mancanza di umanità, non ci resta che consultare alcune delle sue “prodezze” più famose.

In alcuni casi di stupro, con una sentenza definitiva, gli utenti di alcuni forum hanno svelato foto e dati anagrafici della vittima. Senza alcun tipo di moralità o consapevolezza del danno che possono causare, questi troll di Internet non espongono teorie o opinioni: si nutrono di male, confusione e odio, prodotto del sicuro fallimento della loro vita personale.

Il comportamento di traina può apparire in modo organizzato o isolato. Ci sono dei veri “mob” che cercano di molestare o abbattere qualcuno, diffondere notizie false su di lui/lei o ridicolizzarlo.

Ricerche sui troll di Internet

I risultati finora suggeriscono che potrebbe essere fruttuoso esaminare le associazioni del trolling con i Big Five, le differenze di genere e le abitudini globali di Internet.

Le variabili deleterie della personalità conosciute come la tetrade oscura della personalità (narcisismo, machiavellismo, psicopatia e personalità sadica) sono state studiate nella letteratura sui trolling. I dati ottenuti collegano la tetrade oscura con il bullismo sia negli adolescenti che negli adulti.

Altrettanto suggestiva è la ricerca che mostra che i narcisisti e quelli con disturbo antisociale di personalità usano Facebook più frequentemente di altri, indicando che le personalità oscure lasciano grandi impronte digitali.

Della tetrade oscura, ci aspettavamo che il sadismo quotidiano (Buckels et al., 2013) si sarebbe rivelato il più rilevante per il trolling. Dopotutto, la cultura del trolling abbraccia un concetto virtualmente sinonimo di piacere sadico: nel gergo dei troll, lulz.

Come si comportano i troll su internet?

Il primo studio serio su questo fenomeno in crescita su Internet è stato condotto da Mark Griffiths della Nottingham Trent University e ha concluso che l’impatto dei troll può “essere devastante” tra alcuni utenti di Internet che non comprendono o assimilano tale aggressività gratuita.

La ricerca è continuata e un articolo pubblicato di recente riporta la prima revisione sistematica della relazione tra sadismo quotidiano e aggressività, compreso il comportamento da traina. Dei 627 record identificati, 50 studi sono stati inclusi nella sintesi dei dati (tre nella sintesi descrittiva e 48 nella meta-analisi).

Gli studi hanno utilizzato un disegno trasversale e sono stati pubblicati tra il 2013 e il 2020. Il numero totale di partecipanti era 22.179. Mentre 26 studi utilizzavano campioni della comunità, 20 utilizzavano solo campioni di studenti. La maggior parte di loro si sono svolti negli Stati Uniti e in Europa.

Il sadismo è stato valutato su quattro parametri (campioni tra parentesi):

Breve scala di impulso sadico (“Vorrei causare dolore fisico, sessuale o emotivo a qualcuno”).
Valutazione completa delle tendenze sadiche (“Mi piace guardare i video di YouTube di persone che combattono”).
Tipi di inclinazioni sadiche (“Mi piace prendere in giro i perdenti negli occhi”)
Valutazione della personalità sadica (“Mi piace umiliare gli altri”).

Il vero pericolo dei troll su internet

Sono state utilizzate varie misure per valutare l’esito dell’aggressione. In particolare, per l’aggressione commessa in una situazione disconnessa, le misure erano: rabbia verso gli altri, comportamento antisociale, presa in giro, conflitto nelle relazioni intime, nonnismo, aggressività proattiva, comportamento radicale, aggressività reattiva, aggressione sessuale (p. es., violenza nel partner intimo, stupro, coercizione sessuale), tratto caratteriale di aggressività e violenza e atteggiamenti criminali.

Per aggressione commessa online: comportamento antisociale noto, cyberbullismo, cyberbullismo, cyberbullismo di un partner intimo, comportamento antisociale su Internet, trolling e vendetta online, predisposizione alla pornografia.

Il tratto del sadismo è presente nella maggior parte dei troll.

La presenza del sadismo su internet

I risultati sono sorprendenti. Il team di ricerca delle università di Winnipeg, Manitoba e British Columbia ha riscontrato un’elevata correlazione tra il comportamento di questi utenti con profili sadici, psicopatici e machiavellici. “Il comportamento dei troll su Internet non è altro che una manifestazione del sadismo più quotidiano”, concludono.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che alti livelli di sadismo sono associati ad atti aggressivi, dalla tortura di insetti e animali al bullismo violento, al cyberbullismo e al nonnismo.

È meno probabile che il sadismo subclinico, che è più comune, porti a comportamenti estremamente aggressivi. Tuttavia, questa revisione ha concluso che anche bassi livelli di sadismo sono associati alla violenza. Quindi, dato il “giusto contesto”, molte persone sadiche si comportano in modo aggressivo.

In effetti, un’analisi dei dati ha rilevato che esisteva una “moderata associazione […] tra sadismo subclinico e comportamento aggressivo, definito da azioni che vanno dall’aggressione verbale a quella fisica e sessuale e alla violenza”. Inoltre, questa recensione ha evidenziato una “relazione quantitativa tra sadismo e comportamento da traina ” ancora più forte.

Il vero pericolo dei troll su internet

La domanda importante è cosa motiva il comportamento aggressivo dei sadici. Uno studio recente fornisce alcune risposte. Questo suggerisce che i troll sadici si divertono semplicemente a vedere le persone soffrire. Sebbene alcuni preferiscano reagire finché non abbattono i troll con le argomentazioni, la misura più diffusa e logica è ignorare il loro commento o, meglio ancora, la loro esistenza. Non dare da mangiare a un troll.

Si presume che queste persone siano pochi abitanti in più della rete che vogliono soddisfare i propri impulsi per l’immediatezza e l’anonimato che Internet offre e che siano fuochi che si esauriscono da soli, ma più velocemente quando l’autore, come il resto di i lettori, li ignora.

Bibliografia

Griffiths, Mark, Adolescent trolling in online environments: A brief overview. Education and Health
Erin E. Buckels, Paul D. Trapnell, Delroy L. Paulhus, Trolls just want to have fun, Personality and Individual Differences, Volume 67, 2014, Pages 97-102, ISSN 0191-8869, https://doi.org/10.1016/j.paid.2014.01.016.
(https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0191886914000324)
Leah Thomas, Vincent Egan, A systematic review and meta-analysis examining the relationship between everyday sadism and aggression: Can subclinical sadistic traits predict aggressive behaviour within the general population?,
Aggression and Violent Behavior, Volume 65, 2022, 101750, ISSN 1359-1789, https://doi.org/10.1016/j.avb.2022.10175.

https://bit.ly/3GoWYB9

da lista mentem gg

   Discussione n. 23654 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2023 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina