[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
21/05/2022 - 04:05:13
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.236.50.79 - Sid: 5023664 - Visite oggi: 4062 - Visite totali: 54.145.648

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Freud, una vita piena di curiose passioni
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23243 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23413 Messaggi

Inserito il - 29/04/2022 : 09:59:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Freud, una vita piena di curiose passioni

Padre della psicoanalisi, neurologo e intellettuale di fama, autore di importanti opere come L’interpretazione dei sogni… Non si può capire una parte dell’Ottocento e Novecento e della Psicologia senza conoscere la figura di Sigmund Freud e i contributi dei suoi studi all’avvento di questa scienza.

Era un personaggio noto ai suoi tempi, un ricercatore instancabile. Ma aveva anche le sue particolarità, i suoi hobby e le sue passioni.

Freud e la sua passione per la figura di Don Chisciotte

Freud imparò da solo a parlare spagnolo, solo per il piacere di leggere un’opera universale come Don Chisciotte della Mancia in lingua originale.

Questo gli permise di rivedere personalmente la prima edizione spagnola del suo lavoro, preparata da Luis López Ballesteros. Inoltre, oggi si sa che in una delle lettere che indirizzò alla sua futura moglie, le spiegò la profonda influenza nella sua persona di questo lavoro.

Freud scrittore

Freud era molto abile a scrivere, dote riconosciuta da tutti fin dalle scuole. Nel 1930 vinse il Premio Goethe per la Letteratura nella città di Francoforte, in Germania, ma una malattia gli impedì di ricevere personalmente il premio.

Abbiamo citato L’interpretazione dei sogni e, sebbene sia una delle opere più famose per l’impatto che ha avuto sullo studio del sonno come stato fisiologico attivo, è solo uno dei suoi numerosi scritti.

“Solo la propria esperienza personale rende un uomo saggio.”
-Sigmund Freud-

Jofi, il suo fedele compagno

Durante le sedute Sigmund Freud era accompagnato dal suo cane Jofi, un chow chow regalatogli dalla figlia Anna. Freud aveva notato che il cane calava i pazienti e forniva indizi sul loro stato emotivo. Jofi lo aiutava anche a controllare il tempo delle sedute.

Le fobie del genio della psicoanalisi
Può sembrare curioso e persino sconvolgente, ma il padre della psicoanalisi soffriva di due fobie che quasi nessuno conosceva.

Aveva paura del numero 62, al punto da non alloggiare in alberghi con più di 61 camere. D’altra parte, aveva anche paura delle felci.

L’austerità di Freud

Sigmund Freud era una persona molto austera, nonostante la sua fama di uomo mondano. Aveva solo tre abiti, tre paia di scarpe e tre cambi di biancheria intima.

Evitava gli eventi sociali, anche se incontrava spesso i suoi colleghi al Café Landtmann, dove sedeva sempre nello stesso posto.

Fumo e cancro

Era un fumatore incallito, aveva una vera passione per i sigari. Ma la sua dipendenza gli causò un cancro alla mascella superiore che lo tormentò per oltre 16 anni.

Nell’ultima fase della sua vita patì intense sofferenze fisiche a causa del suo cancro. Fu operato 33 volte senza successo e dovette indossare diverse protesi che gli rendevano difficile parlare. Nonostante ciò, non smise mai di lavorare.

“Sono stato un uomo fortunato nella vita: niente è stato facile per me”.
-Sigmund Freud-

Routine inamovibili

Le sue abitudini erano rigide e manteneva una routine molto metodica. Pranzava tutti i giorni all’una e alle 14:00 usciva per una passeggiata di 3 chilometri lungo il “Ring” e altre strade di Vienna. Odiava il cavolfiore e raramente mangiava il pollo.

Freud il collezionista

Collezionava statuine antiche, e tante delle sue passeggiate pomeridiane finivano in un negozio di antiquariato, dove acquistava nuovi pezzi. Il suo repertorio divenne enorme e la sua collezione oggi è esposta nella sua casa al Museo Freud di Londra.

Una morte assistita

Freud morì nel 1939, con forti dolori causati dal cancro di cui soffriva. Chiese al suo medico personale una morte assistita con iniezioni di morfina.

Viveva a Londra solo da un anno, dopo la sua partenza forzata da Vienna, dove aveva vissuto per gran parte della sua vita.

Conoscevate queste curiosità della vita di Freud? Come chiunque di noi, aveva certi costumi, gusti e persino eccentricità...

http://www.bivipsi.org/wp-content/uploads/1_2018_Esp_-157-168.pdf

https://bit.ly/3koBW9D

https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/14753634.2018.1485116

https://www.aacademica.org/000-072/41

http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0211-57352003000100003

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23243 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2022 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina