[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
15/07/2020 - 20:08:34
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 34.239.167.74 - Sid: 884323964 - Visite oggi: 8033 - Visite totali: 38.329.383

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Il leader efficace
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 22228 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


22502 Messaggi

Inserito il - 31/03/2020 : 10:38:40  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il leader efficace

di anonimo

Sei un capo? Come ti comporti con i tuoi collaboratori? Il tuo stile di
leadership è autoritario o partecipativo?

Chiunque si confronti con dei collaboratori si trova a porsi queste domande
e ne riceve spesso le risposte nei numerosissimi manuali dedicati
all'argomento. Una buona definizione di leadership potrebbe essere: la
capacità di guidare delle persone verso la realizzazione di un fine. Ma
come?

E' interessante a questo riguardo il punto di vista dello psicologo
statunitense Carl Rogers, il quale pone l'individuo in una cornice
umanistica.

Per Rogers il punto focale è l'individuo, non il problema. E l'individuo ha
bisogno di crescere più che di risolvere un problema o affrontare una
specifica difficoltà, ma per facilitare la crescita è necessario accettare
un presupposto: l'uomo è degno di fiducia ed ha la possibilità di acquisire
un comportamento che Rogers definisce autodiretto.

Cosa significa?

Significa avere accesso al concetto di sé e poterlo modificare; significa
dunque, in termini di PNL (programmazione neurolinguistica ), lavorare sulla
propria identità.

Tutto ciò può avere importanti implicazioni in tutti i contesti nei quali
l'individuo si raffronta con delle strutture organizzative: la scuola, la
famiglia, l'azienda dove spesso, invece predomina l'atteggiamento direttivo.

Rogers esprime la sua visione con la metafora della pianta di patate
coltivata in casa, che si allunga ostinatamente verso la luce proveniente
dalla finestra; allo stesso modo le persone sono predisposte a lottare per
l'autorealizzazione.

Aggiungiamo noi che la pianta percepisce la luce, essa fa parte della sua
"realtà": Allo stesso modo la persona che lavora in un'organizzazione potrà
percepire la possibilità di soddisfare i propri valori e realizzare la
propria identità; in questo caso sarà motivato.

In caso contrario sarà portato, come afferma Herzeberg a cercare all'esterno
di questo contesto la sua autorealizzazione.

Non esistono probabilmente persone demotivate, bensì persone che cercano in
contesti diversi - la famiglia, i propri passatempi, eccetera - la
soddisfazione delle istanze che credono di non poter soddisfare lavorando.
Questa persone faranno, con tutta probabilità, il minimo indispensabile. E'
il caso dello stereotipo di impiegato svogliato e disinteressato che spesso
attira le ire dell'utente, E' inutile arrabbiarsi con chi non percepisce
l'utilità di un maggior impegno.

Ed arriviamo così ad uno dei presupposti della PNL: ogni comportamento è
comprensibile solo se considerato nel suo contesto ed ognuno si comporta in
base alla propria mappa.

Il leader efficace dunque sarà in grado, in primo luogo, di disegnare una
mappa attraente, per dirla con un Dilts, un mondo al quale le perone
desiderano appartenere; in questa mappa vi sarà per ognuno la possibilità di
realizzare i propri valori e identità. In secondo luogo dovrà rendere questa
mappa percepibile, in alti termini comunicarla con chiarezza e monitorare
continuamente la risposta (feed back) dei suoi collaboratori.

Quali sono dunque le caratteristiche di un Leader?

- Le Linee Guida della Leadership, secondo C. Rogers

1. Dare autonomia a persone e gruppi

2. Rendere libera la gente di "fare le sue cose"

3. Esprimere idee e sentimenti come un aspetto dei dati del gruppo

4. Agevolare l'apprendimento

5. Accettare l'indipendenza nel pensiero e nell'azione

6. Accettare le inaccettabili innovazioni che emergono

7. Delegare e dare piena responsabilità

8. Offrire e dare feed back

Il leader sa considerare l'altro, chiunque egli sia, (e, naturalmente, se
stesso), O.K.

Sa costruire un sistema premiante, che motivi tutti (la generalizzazione è
voluta) verso la realizzazione di missione e obbiettivi perché attraverso
ciò, le persone sanno di poter realizzare la propria identità e i propri
valori.

Sa comunicare tutto ciò utilizzando un linguaggio sensorialmente basato,
fatto di parole che evochino immagini , suoni e sensazioni.

Sa cogliere il feed back e presta attenzione ai comportamenti.

Il capo diventa così un agevolatore dello sviluppo dei propri collaboratori,
cui lascia - e torniamo a citare Rogers - la responsabilità di apprendere ed
autovalutarsi.

Ciò permette continuità di apprendimento e lo sviluppo di una personalità
più sicura.

Insieme alla cultura ed alle capacità crescono in questo modo
l'autodisciplina ed una vera e propria metacapacità di apprendere.

E non temete: tutto ciò non diminuirà la vostra leadership, tutto ciò è
leadership.


  Discussione Precedente Discussione n. 22228 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


EnglishFrenchGermanItalianSpanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2020 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina