[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
20/03/2019 - 17:07:32
    [Amadeux BiblioForum]                                   Tuo Ip: 52.201.27.211 - Sid: 293529352 - Visite oggi: 2129 - Visite totali: 32.329.654

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Movimento degli occhi spia dell'apprendimento
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 21529 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21707 Messaggi

Inserito il - 21/02/2019 : 09:44:35  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Nel movimento degli occhi la spia dell'apprendimento

Sono segnali inviati inconsapevolmente

Redazione ANSA TRENTO 20 febbraio 201915:06

In un piccolo, involontario, movimento degli occhi c'è la chiave per decodificare se una persona abbia appreso, senza bisogno che lo esprima. Lo indica lo studio del Cimec di Rovereto (Centro mente cervello) dell'Università di Trento, pubblicato sul Journal of Vision, che apre nuovi scenari nello studio dell'apprendimento in persone che potrebbero avere difficoltà nel manifestare riscontri, tra cui ad esempio soggetti autistici, con deficit fisici e anche nei bambini.

I ricercatori hanno raccolto dati utilizzando un 'eye tracker', ossia un dispositivo che permette di misurare dove stiamo guardando. "Abbiamo osservato la velocità con cui le persone guardavano le immagini seguendo degli schemi ben precisi che potevano essere appresi. Osservavano più velocemente le immagini se presentate nelle posizioni attese, e sorprendentemente la posizione degli occhi prima che l'immagine fosse presentata indicava proprio dove fosse attesa l'immagine", dice Giuseppe Notaro, primo firmatario dell'articolo. "Abbiamo osservato la velocità con cui le persone guardavano queste immagini, seguendo degli schemi ben precisi che potevano essere appresi. Osservavano più velocemente le immagini se presentate nelle posizioni attese, e sorprendentemente, la posizione degli occhi prima che l'immagine fosse presentata indicava proprio dove fosse attesa l'immagine. L'occhio si muove quindi anticipando istintivamente il movimento verso il punto dove il soggetto si aspetta che compaia l'immagine successiva".

Per il coordinatore della ricerca, Uri Hasson, "La presenza di questi segnali anticipatori ci dà la possibilità di misurare la capacità di attenzione o di apprendimento con maggiore precisione. Sono segnali piccoli e che probabilmente vengono inviati senza consapevolezza da parte del soggetto, tuttavia sono molto affidabili".


  Discussione Precedente Discussione n. 21529 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:

CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti





[Amadeux BiblioForum] © 2001-2019 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina