[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
09/08/2020 - 19:48:25
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 54.160.19.155 - Sid: 5931530 - Visite oggi: 2697 - Visite totali: 38.801.748

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Dio, il tempo e lo spazio
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 1587 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


22532 Messaggi

Inserito il - 12/11/2003 : 11:52:28  Mostra Profilo
Dio, il tempo e lo spazio

da "Dio e la nuova fisica"

di Paul Davies

http://www.scienzeemisteri.it/pagina_principale_155.htm



La teoria Quantistica e gli universi paralleli

La teoria dei quanti è ormai vecchia di parecchi decenni, eppure soltanto ora le idee stupefacenti di cui è portatrice, cominciano a giungere ai profani. Si comincia ad intuire che essa ci fornisce un'interpretazione apparentemente incredibile ma attendibile della natura della mente e del reale. Oltretutto è impossibile ignorare la rivoluzione quantistica nella ricerca di Dio e del significato dell'esistenza.

Questa teoria è in primo luogo una branca della fisica con applicazioni eminentemente pratiche. Dobbiamo alla teoria dei quanti il laser, il microscopio elettronico, il transistor, i superconduttori e l'energia nucleare. Essa in un sol colpo spiega la struttura dell'atomo, i legami chimici, la conduzione dell'elettricità, le proprietà meccaniche e tecniche dei solidi, i meccanismi del collassamento stellare ecc. Insomma la teoria dei quanti oggi è nelle sua applicazioni ordinarie, normale materia comprovata in moltissimi modi ed in innumerevoli campi della fisica, oltre che dell'ingegneria e permea profondamente la ricerca scientifica in genere. La gente comune ovviamente ignora spesso tutto questo ma anche pochi fisici professionisti, si soffermano a meditare sulle bizzarre implicazioni filosofiche della teoria dei quanti, eppure fin dal suo concepimento o quasi, ci si è resi conto che essa è davvero molto strana.

La teoria è nata dall'esigenza di descrivere il comportamento degli atomi e delle particelle che li costituiscono: essa si occupa quindi in primo luogo del micromondo. All'inizio del secolo si riteneva che l'atomo fosse sostanzialmente un sistema planetario su scala infinitesimale e che i corpuscoli che lo costituiscono orbitassero con la meccanica esattezza dei pianeti intorno al Sole. Ora sappiamo che questa visione era completamente sbagliata. Negli anni venti si scoprì che invece il mondo dell'atomo è caratterizzato dalla confusione e dal caos.

Gli elettroni ad esempio non seguono traiettorie certe e definibili. Ora appaiono qui e ora là. E non solo gli elettroni ma tutte le particelle subatomiche che conosciamo. Anche l'atomo stesso si muove senza regola e in modo indeterminabile. L'atomo se si potesse vedere, avrebbe l'aspetto di una nuvola tondeggiante con il nucleo al centro e gli elettroni orbitanti attorno girare così velocemente da renderne impossibile la visione concreta ma solo le tracce del loro vorticoso movimento: costituirebbero la nuvola elettronica, appunto. La materia che ogni giorno maneggiamo, osservata da molto, molto vicino si dissolve in un turbine di immagini fuggevoli e insostanziali !

La teoria dei quanti, prende atto di questa indeterminazione. Sua conseguenza diretta è l'imprevedibilità. Tutti gli eventi hanno una causa? Verrebbe istintivo rispondere di si e si ricorre spesso al rapporto di causa-effetto per dimostrare ad esempio l'esistenza di Dio, che è la Causa Prima. Il fattore quantico però, rompe la catena delle cause e fa sì che si verifichino effetti privi di causa !

Può essere che la natura sia capricciosa e casuale e in quanto tale fa si che elettroni e altre particelle compaiano a caso dal nulla? Molti scienziati seguendo il parere autorevole del grande fisico danese Niels Bohr, giunsero alla conclusione che l'incertezza del comportamento atomico, è legge di natura: le leggi perfette che governano il movimento degli oggetti dell'universo, si applicano benissimo a stelle e galassie ecc. ma quando si tratta di atomi, le leggi sono quelle della roulette ovvero del caso!

Albert Einstein respinse questa conclusione di Bohr, dichiarando con la celebre frase che "Dio non gioca a dadi ! ". Però si sbagliava. E' ormai provato che nel mondo subatomico, regna la legge del caos e degli effetti privi di causa.

Si è scoperto inoltre che non si può contemporaneamente conoscere la posizione e il movimento di una singola particella. E' possibile conoscere l'una o l'altro, mai entrambi.
E' questo il famoso Principio di indeterminazione di Heisemberg, uno dei padri fondatori della teoria quantistica. In base a questo principio si afferma l'impossibilità appunto di conoscere dove si trovi un atomo, una qualsiasi particella e contemporaneamente di conoscere anche le modalità di movimento!! Non ha senso infatti chiedersi contemporaneamente dove si trova un atomo e come si muove. Prima occorre stabilire cosa si intende misurare, se la posizione o il movimento: solo dopo di ciò si può avere una risposta significativa.

La posizione e il movimento (più esattamente la quantità di moto), costituiscono aspetti della realtà che per le particelle microscopiche sono reciprocamente incompatibili. Secondo Bohr, l'indistinto e nebuloso mondo dell'atomo prende corpo nella realtà solo quando lo si osserva. In assenza di osservazione, l'atomo è un fantasma; si materializza solo quando lo si cerca. La realtà sembra proprio nascere dall'osservazione! E tutto ciò ha ormai una convalida sperimentale.

L'argomento dei quanti è materia molto tecnica e difficile. Questo panorama sommario però basta a dimostrare che la concezione ordinaria del mondo, quella secondo cui gli oggetti della cosiddetta realtà esterna esistono a prescindere dalla nostra osservazione, crolla completamente di fronte al fattore quantico. Molti aspetti che ci lasciano perplessi si chiariscono se si tiene presente un bizzarro dualismo onda-corpuscolo che ricorda un po' il dualismo tra mente e corpo oggetto di argomentazioni filosofiche. Ciò può significare che un'entità del macrocosmo, del nostro mondo, determina il microcosmo di cui esso stesso è composto?

Negli ultimi anni i fisici hanno cominciato a occuparsi della cosmologia quantistica: dell'applicazione cioè della teoria dei quanti a tutto l'universo. Per definizione non può esistere alcunchè al di fuori dell'universo che lo renda reale osservandolo (tranne Dio, forse). L'universo quindi, secondo il pensiero del fisico quantistico Eugene Wigner, dovrebbe trovarsi nello stato di limbo quantico. Senza una mente che lo integri, l'universo non può che vagare in un'incerta condizione di irrealtà. Si divide nella coesistenza ibrida di realtà alternative che si sovrappongono, nessuna delle quali è realtà vera. Perché allora noi percepiamo un'unica, solida realtà?

C'è un'audace teoria che affronta direttamente questo vertiginoso problema: La teoria degli universi paralleli. Avanzata per la prima volta nel 1957, la teoria afferma che tutti i mondi quantici alternativi e possibili sono reali e coesistono in modo parallelo l'uno sull'altro. Ogni volta che determiniamo una qualunque misurazione per determinare ad esempio, se il gatto è vivo o morto, l'universo si scinde in due universi: in uno il gatto è vivo, nell'altro è morto. Entrambi gli universi sono però reali, e in entrambi vi sono osservatori umani, che però percepiscono solo l'universo in cui si trovano. Certo, può essere che il buonsenso si ribelli all'idea che l'universo si divide in due a seconda del capriccio di un unico elettrone: la teoria però regge di fronte a una analisi più approfondita.

Quando l'universo si scinde, si scinde anche la nostra mente in due menti distinte, ognuna delle quali va ad abitare in un suo universo! Ciascuna delle due menti, naturalmente, è convinta di essere unica e indivisa. A chi obietta di non percepire questo atto di biforcazione si può rispondere che non si percepisce nemmeno la rivoluzione della Terra attorno al Sole! Ma come saranno e dove saranno questi altri mondi? E' possibile raggiungerli? Non sembra possibile seguendo le indicazioni della teoria. I mondi paralleli, una volta separati, risultano fisicamente isolati e dunque irraggiungibili ed inaccessibili. Per riunirci ad essi bisognerebbe invertire il processo della misurazione, il che richiederebbe un'inversione temporale: è come voler ricostruire un uovo che si è rotto, un atomo dopo l'altro.

Abbiamo quindi tutti noi al nostro fianco, vicinissimi, milioni e miliardi di nostri duplicati. Si tratta però di una vicinanza non misurabile con lo spazio della nostra percezione. I mondi che si biforcano poi anche per qualche motivo irrilevante, saranno o molto simili al nostro, viversi per qualche piccolo particolare o totalmente diversi.


In certi mondi ad esempio Hitler non è mai esistito e John Kennedy non è mai stato assassinato ecc.
Molti affermano che la teoria dei quanti, che attribuisce alla mente un ruolo così importante, può costituire la chiave per capire più a fondo la questione del libero arbitrio. In effetti il fattore quantico ha spazzato via la vecchia concezione deterministica dell'Universo, secondo cui tutto ciò che facciamo è stato prestabilito dai meccanismi universali prima della nostra nascita.



Dio e il libero arbitrio


Dio può esercitare il libero arbitrio e compiere le sue scelte ? Se l'uomo gode del libero arbitrio a maggior ragione ne godrà Dio. Quindi anche la divinità risulta coinvolta nei problemi che sorgono con il concetto di libertà e inoltre ci ritroviamo con le solite perplessità connesse all'infinitezza e all'onnipotenza di Dio.

Se Dio ha un piano riguardo l'universo, - piano che si realizza in quanto manifestazione della Sua volontà - perché non si è limitato a creare un universo perfettamente determinato in cui i fini che Egli si propone siano automaticamente raggiunti? O meglio ancora, perché non ha creato un universo in cui tali fini siano già realizzati ? E se l'universo non è determinato, ciò non significa forse che il potere della divinità è limitato dal fatto che essa non può prevedere o decidere quale sarà l'esito delle Sue decisioni? Si potrebbe però dire che Dio è perfettamente libero di rinunciare a una parte del suo potere: controbattere che tale rinuncia si manifesta nel conferimento all'uomo del libero arbitrio, che ci permette di opporci a Lui se così desideriamo, e nell'attribuzione al mondo atomico del fattore quantico, che trasforma la Sua creazione in un gioco d'azzardo cosmico. Rimane però un problema logico: come può un agente onnipotente limitare il proprio potere pur rimanendo onnipotente ?

L'eventuale onnipotenza di Dio è ben diversa dal libero arbitrio dell'uomo; quest'ultimo può scegliere tra due o più cose, fare indubbiamente delle scelte ma comunque esaudire solo una piccola parte dei suoi desideri. Al contrario un Dio onnipotente non è sottoposto a questi limiti: Egli può realizzare tutto ciò che desidera. Ma l'attributo dell'onnipotenza solleva alcune ardue questioni teologiche. Dio è libero di impedire il male? Se è onnipotente, si. Perché dunque esiste il male nel mondo? E' questo un interrogativo terribilmente insidioso, come dimostra l'analisi che ne fa David Hume.


Se il male esiste perché Dio ha così deciso, Dio non è buono; se il male esiste contrariamente alle intenzioni divine, Egli non è onnipotente. In conclusione, Dio non può essere contemporaneamente buono e onnipotente, come afferma la maggior parte delle religioni.

Si può controbattere l'argomento affermando che il male deriva solo dall'uomo: poichè Dio ci ha creati liberi, siamo liberi anche di fare il male e di frustrare quindi i suoi piani. Ma giacchè Dio avrebbe potuto crearci diversi, incapaci di fare il male, anch'Egli è parzialmente responsabile del male che noi facciamo. La responsabilità dei danni provocati da un bambino, ricade anche sui genitori. Si deve quindi concludere che il male (o almeno certi limitati aspetti del male) rientra nei piani di Dio per il mondo? Oppure che Dio non è libero di far sì che non ci opponiamo ai suoi disegni? I problemi non finiscono qui; altri ne sorgono se riteniamo che la divinità trascenda il tempo.


Infatti il concetto di libertà di scelta ha un carattere essenzialmente temporale. Il concetto stesso di scelta implica il tempo: una scelta atemporale è un assurdo semantico. E se Dio conosce il futuro, ha senso parlare di segni divini e della nostra partecipazione ad essi? Un Dio infinito ed onnisciente conosce ciò che avviene in ogni istante. Ma come si evince dalle moderne conoscenze scientifiche , non esiste un presente universale: quindi la conoscenza divina, se si estende nello spazio, deve estendersi anche nel tempo.

Se ne deve concludere che un Dio eterno qual'è quello dei cristiani non ha libertà di scelta: ma è possibile che invece l'uomo sia dotato di un attributo di cui il suo creatore sia privo? Si è costretti a concludere paradossalmente, che la libertà di scelta non è un privilegio, ma una limitazione di cui noi soffriamo: corrisponde cioè, alla nostra incapacità di conoscere il futuro. Dio non è costretto nel carcere del presente, non ha bisogno del libero arbitrio. Il problema appare irrisolubile. La nuova fisica senza dubbio vivifica l'antico enigma del libero arbitrio e del determinismo ma non lo risolve. La teoria dei quanti, confuta sì il determinismo, ma in compenso minaccia il concetto di libertà moltiplicando la realtà. La teoria della relatività, ci apre un universo esteso nel tempo oltre che nello spazio ma non ci toglie una certa libertà d'azione.


L'idea di un Dio

C'è da dire che l'dea di un Dio creatore che con un atto di volontà ha fatto si che l'universo esistesse è profondamente radicata nella cultura giudaico-cristiana. Però quando si analizza a fondo la questione dal punto di vista scientifico-filosofico, si evince che questa convinzione pone più problemi di quanti ne risolva. La difficoltà principale rimane la natura del tempo. Oggi sappiamo che il tempo è inestricabilmente legato allo spazio e che lo spazio-tempo fa parte dell'universo così come ne fa parte la materia. Il tempo ha le sue leggi che lo governano e fa parte della fisica.
Ora se il tempo appartiene all'universo fisico e obbedisce alle leggi della fisica, ne consegue che il tempo stesso è compreso in quell'universo che Dio dovrebbe aver creato. Ma ha senso dire che Dio è causa del tempo, quando l'esperienza ordinaria ci insegna che la causa precede sempre l'effetto? La causalità è calata nel tempo: Il tempo deve esistere prima che una cosa causi un'altra cosa. Se il tempo non esiste, concepire un Dio che esiste prima dell'universo è assurdo dato che non esiste né un prima né un dopo!

Ma Dio potrebbe esistere al di fuori dello Spazio e del Tempo, come teorizzò Boezio nel VI secolo, elaborando un concetto di creazione molto più astratto e sofisticato di quello ordinario. Dio potrebbe esistere sopra la natura e non prima di essa. Questa idea non affatto facile da capire: la divinità fuori dal tempo crea l'universo e lo mantiene in esistenza in ogni momento! E' un Dio che agisce in ogni istante. Il remoto creatore cosmico viene ad assumere una connotazione di maggiore immediatezza ma risulta in cambio più oscuro e distante.

Ma se Dio è fuori dal tempo non può venire a far parte della successione di cause in quanto egli non è tanto causa dell'universo quanto spiegazione dell'universo stesso! Chiediamoci ora perché le cose sono come sono. Perché questo universo, queste leggi, questa organizzazione della materia e dell'energia? Perché c'è qualcosa invece del nulla?

Ogni cosa e ogni evento dell'universo fisico richiedono, per giustificare la propria esistenza, il ricorso a qualcosa d'altro. Al di fuori di essi: spiegare un fenomeno significa collegarlo a qualcosa d'altro. Ma se prendiamo l'universo nel suo insieme è ovvio che non vi può essere per definizione nulla di fisico al di fuori dell'universo che lo possa spiegare. Bisogna quindi ricorre a qualcosa di non fisico e di sovrannaturale: Dio. L'universo è così perché Dio ha deciso che fosse così. Questo ragionamento che si fonda sulla proposizione secondo cui tutto ciò che è fisico è contingente, cioè sprovvisto di un esistenza di per se necessaria, costituisce il cosiddetto argomento ex contingentia mundi che è una delle prove cosmologiche della filosofia cattolica relativa all'esistenza di Dio.

Anche questo argomento offre comunque il fianco a molte obiezioni già applicabili all'argomento causale e in un certo senso, diventa vittima del proprio successo. Alla domanda: Cosa può spiegare Dio? il teologo risponde: Dio è un essere necessario che non ha bisogno di spiegazioni ovvero Dio contiene in se stesso la spiegazione della propria esistenza! Ma questa proposizione ha un significato? E se lo ha, cosa vieta di impiegare lo stesso argomento per tentare di spiegare l'universo? Basta dire: L'universo è necessario e contiene in se stesso la giustificazione della propria esistenza! L'idea che un sistema fisico contenga in sé la propria giustificazione potrà sembrare paradossale al profano ma in fisica non è nuova. Ci troveremmo di fronte ad un sistema ad andamento circolare di Energia che crea se stessa! Quindi un universo che contiene in sé una sua giustificazione fondata esclusivamente su interazioni naturali e fisiche.

Il teologo obietterà dicendo che è più semplice attribuire il carattere di autogiustificare la propria esistenza a Dio, in quanto onnipotente e onnisciente è l'entità più semplice concepibile che non all'universo, che nei suoi molti aspetti si mostra complesso e particolare: Se esiste un Dio c'è più di una probabilità che abbia creato una cosa finita e complessa come l'universo. E' improbabile che l'universo esista incausato (senza causa). E' più probabile che incausato sia Dio. L'esistenza dell'universo diventa più comprensibile se ipotizziamo che sia stato creato da Dio. Infatti questa ipotesi richiede una spiegazione più semplice che non supporre che l'universo esista senza causa alcuna.

L'obiezione è molto convincente, è difficile convincersi che l'universo con tutti i suoi molteplici aspetti sia così per caso. Lo scienziato potrà però non accettare il presupposto che una mente infinita (Dio), sia più semplice dell'universo. A noi risulta infatti che la mente esiste solo in sistemi fisici che abbiano superato un certo livello di complessità: il cervello ad esempio è un sistema estremamente complesso. Se ne conclude quindi che una mente infinita è infinitamente complessa e quindi meno probabile dell'universo, molte manifestazioni del quale sono di gran lunga non sufficientemente complesse per dar luogo a una mente. Forse dunque Dio non è una mente ma qualcosa di più semplice. E in questo caso ha senso parlare di una mente che esiste al di fuori del tempo?


Dio e il Tempo

Secondo i cristiani Dio è eterno. Questo aggettivo però ha due accezioni diverse: "che dura per sempre" e "senza tempo". La prima è più semplice: eterno è ciò che esiste senza principio né fine per un periodo di tempo infinito. Una siffatta eterna divinità, però comporta serie obiezioni. Un Dio nel tempo è sottoposto al cambiamento: che cosa provoca il cambiamento? Se Dio è la causa di tutto ciò che esiste (come si deduce dall'argomento cosmologico), è ragionevole affermare che la causa ultima cambia anch'essa? Il tempo non gode di un'esistenza a sé ma fa parte dell'universo fisico.

Sappiamo grazie alle scoperte di Einstein sulla Relatività* che il tempo è elastico e può dilatarsi o contrarsi nel rispetto di precise leggi matematiche che si fondano sul comportamento della Materia. Inoltre il tempo è strettamente legato allo spazio e spazio e tempo insieme esprimono l'attività del campo gravitazionale. Il tempo non è una qualità divina: lo si può deformare fisicamente anche mediante la manipolazione umana. Un Dio calato nel tempo, dunque, è in un certo senso coinvolto e intrappolato nel funzionamento dell'universo fisico. E' probabile del resto, che il tempo cessi addirittura di esistere in un remoto futuro: in tal caso la posizione di Dio si rivelerebbe oltremodo insicura.


E' chiaro che Dio non può essere onnipotente se è sottoposto alla fisica del tempo, né lo si può ritenere il creatore dell'universo se non ha creato anche il tempo! Infatti poiché il tempo e lo spazio sono inseparabili, un Dio che non crea il tempo non crea neppure lo spazio. Da ciò si potrebbe concludere che il concetto di un Dio creatore è superfluo tranne che per creare il tempo (o più rigorosamente lo spazio-tempo).

Resta l'altra accezione di eterno: "senza tempo". Il concetto di un Dio al di là del tempo risale almeno ad Agostino il quale sostiene che Dio ha creato il tempo. Anche molti altri teologi cristiano sostengono questa posizione. Sant'Anselmo ad esempio così scriveva: "Tu (Dio) esisti non ieri, oggi o domani, ma esisti del tutto al di fuori del tempo". Un Dio senza tempo non presenta i problemi di cui sopra ma come già visto è sottoposto a delle limitazioni. Non può essere un Dio personale che pensa, dialoga, sente, desidera ecc, poichè si tratta di attività temporali. E' difficile stabilire come un Dio siffatto possa agire sul mondo! Un Dio senza tempo non può dunque essere considerato persona o individuo nel senso che attribuiamo a questo termine.

Sostiene il teologo moderno Paul Tillich: "Se diciamo che Dio è un Dio vivente, ne affermiamo con ciò la temporalità e con essa un rapporto con le manifestazioni del tempo e senza la temporalità di Dio il messaggio cristiano non ha forma ".

La fisica del tempo comporta anche alcune interessanti implicazioni filosofiche e logiche che si applicano all'onniscienza divina. Se Dio è senza tempo, non può pensare, poiché il pensiero è un'attività che avviene nel tempo. Inoltre come può "conoscere", un Essere senza tempo? Se il conoscere è imprescindibile dal tempo, la conoscenza può esserne svincolata - a patto però che ciò che si conosce non cambi nel tempo. Se Dio ad esempio conosce la posizione di ogni atomo oggi, è evidente che domani questa conoscenza sarà mutata. Affinchè egli conosca in modo atemporale è necessaria quindi una conoscenza di tutti gli eventi del tempo.

Diventa così molto difficile conciliare i diversi e tradizionali attributi della divinità. La fisica moderna avendo scoperto e quindi stabilito la mutevolezza del tempo, scinde l'onnipotenza divina dall'esistenza della Sua personalità. Non è facile quindi dimostrare che Dio possiede entrambi queste qualità!

Paul Davies, inglese, nato a Londra nel 1946, docente di fisica teorica all'Università di Newcastle. Ha insegnato per otto anni matematica applicata al King's College di Londra e si è occupato come ricercatore di molti argomenti di fisica fondamentale e di cosmologia effettuando nobili "sintesi" tra filosofia e scienza alla ricerca di mediazioni tra il problema della ricerca e quello di Dio.

  Discussione Precedente Discussione n. 1587 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2020 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina