[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
24/07/2024 - 19:30:59
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.200.194.255 - Sid: 127942415 - Visite oggi: 3422 - Visite totali: 67.859.245

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Le migliori terapie per curare i traumi
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24413 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24555 Messaggi

Inserito il - 28/06/2024 : 10:07:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Le migliori terapie per curare i traumi

Le migliori terapie per curare i traumi sono solitamente divise in due aree: quelle che si concentrano sull’evento avverso stesso e quelle che affrontano i sintomi. Questo tipo di interventi psicologici sono sempre più frequenti; È perché molte persone hanno bisogno di guarire le ferite prodotte da un’esperienza di queste caratteristiche.

Paul Conti, uno degli psichiatri più rinomati in questo campo, sottolinea nel suo libro Trauma: The Invisible Epidemic (2022) che quasi il 70% della popolazione ha attraversato o attraverserà un evento traumatico ad un certo punto.

Secondo l’organizzazione no profit Mental Health America, gli eventi traumatici sono la principale causa di disabilità a lungo termine in tutto il mondo. E i disturbi d’ansia e depressione legati al trauma sono tra le condizioni più comuni che richiedono un trattamento. Disporre di risorse valide ed efficaci è fondamentale.

“Quello che non capiamo è che le persone sono fondamentalmente cambiate dal trauma. Sono cambiati biologicamente. Cambiano in termini di espressione genica, ormoni, sostanze chimiche e neurotrasmissione, e questo va avanti per sempre”.
-Paul Conti-

Le 5 migliori terapie per curare i traumi

Le terapie orientate soprattutto alla cura dei traumi sono le più efficaci nel restituirci il controllo della nostra vita.
Un trauma psicologico non colpisce solo il cervello. Non altera solo il modo di pensare, sentire, ricordare o elaborare la realtà. Questi eventi dolorosi si attaccano anche al corpo. Inoltre, documenti di ricerca come quelli condotti presso l’Università di Cape Town in Sud Africa evidenziano che i traumi influenzano in modo duraturo tutta la nostra biologia.

Prima inizia l’approccio terapeutico, maggiore sarà l’evoluzione. Il problema però è che una buona parte delle persone che iniziano la terapia hanno passato anni – anche decenni – a fare i conti con la ferita invisibile di un trauma.

Trovare la strada per il recupero e la guarigione può essere lungo e difficile, ma ci sono gli strumenti per arrivarci. Scopri le migliori terapie per trattare i traumi di seguito.

1. Terapia di elaborazione cognitiva (CPT)

La terapia di elaborazione cognitiva (CPT) è un trattamento con evidenza scientifica che favorisce la riformulazione dei propri schemi mentali associati al trauma.

L’obiettivo di questo modello è che la persona integri l’esperienza vissuta con un minor carico di sofferenza e sviluppi anche una visione più sana di sé e del mondo. (Resick et al., 2008b; Williams et al., 2011).
Permette alla persona di sfidare e cambiare quelle convinzioni disfunzionali che la tengono legata all’evento traumatico.

Questo modello, sviluppato dalla dottoressa Patricia Resick negli anni ’90, lavora sulle cognizioni dolorose che hanno origine in questi contesti. Pertanto, studi come quelli condotti presso l’Università del Missouri-St Luis si riferiscono alla sua utilità nel trattamento delle donne vittime di violenza sessuale.

2. Terapia EMDR (movimento oculare) per curare i traumi

La terapia EMDR è una delle più efficaci contro i traumi. È stato sviluppato negli anni ’80 da Francine Shapiro, neurologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale che cercava un piano di intervento con risultati migliori per i veterani di guerra.

Si basa sulla tecnica del movimento oculare o della stimolazione bilaterale.
Questo tipo di stimolazione cerebrale favorisce l’elaborazione di ciò che è accaduto fino a quando il dolore emotivo non viene mitigato.
Durante questo processo vengono evocate emozioni, ricordi e immagini su cui il paziente e lo psicologo lavorano, per integrare l’esperienza dolorosa.
Il modello EMDR si basa sul presupposto che i movimenti oculari ritmici consentano di elaborare i ricordi traumatici in modo meno disturbante.

Frontiers in Pychology (2017) aggiunge che la terapia EMDR è benefica anche nei sintomi psicotici o affettivi e nel dolore cronico. L’idea generale che emerge dalla ricerca sul tema è che l’EMDR può essere particolarmente efficace nelle persone che hanno vissuto nel tempo traumi complessi e ripetitivi, come abusi emotivi o sessuali durante l’infanzia.

3. La terapia del sollievo dal trauma di Robert Cicione

Un’altra terapia consigliata per curare i traumi è quella creata dal Dr. Robert Cicicone; si concentra più sui sintomi che sull’origine dell’esperienza avversa. L’obiettivo della terapia di sollievo dal trauma è quello di ridurre l’intero quadro clinico associato agli effetti dello stress post-traumatico.

È una terapia non verbale, di movimenti del corpo e tecniche artistiche.
Il paziente viene guidato a tracciare dei disegni che fungeranno da risorse catartiche.
Il terapeuta guida la persona a compiere una serie di movimenti per alleviare l’ansia e lo stress.
Non è una risorsa terapeutica mirata alla depressione o all’origine dell’esperienza avversa. Cerca di ridurre il dolore emotivo, la reattività del corpo, lo stress e l’angoscia, per esempio.

Molte persone lasciano passare il tempo prima di cercare aiuto per molti di quei traumi vissuti durante l’infanzia o l’adolescenza. Non farlo condizionerebbe completamente la sua esistenza. La terapia psicologica è lo strumento migliore per riprendere il controllo della vita.

4. Terapia cognitivo comportamentale focalizzata sul trauma (TF-CBT)

La terapia cognitivo comportamentale focalizzata sul trauma (TF-CBT) è un modello molto utile per affrontare gli eventi dolorosi dell’infanzia e dell’adolescenza. I traumi associati ad abusi e/o maltrattamenti vissuti in questo momento sono i più frequenti e questo approccio è conveniente.

Permette al paziente di sapere come funziona il trauma psicologico e le proprie reazioni a tale esperienza.
Aiuta la persona a modellare un approccio mentale più sano in cui ridurre quelle visioni angoscianti e distorte.
Se del caso, vengono utilizzate tecniche come la ristrutturazione cognitiva, la regolazione emotiva e l’esposizione a stimoli avversi.

5. Terapie somatiche per curare i traumi

Tra le terapie più interessanti e utili per curare i traumi ci sono quelle somatiche. L’approccio Somatic Experiencing (SE ), del Dr. Peter Levine, è un punto di riferimento in questo campo. Secondo lui, qualsiasi esperienza dolorosa che non viene elaborata correttamente produce una disfunzione nel sistema nervoso.

Ciò si traduce nella comparsa di sintomi come essere sempre in allerta, elaborare tutto come una minaccia, soffrire di insonnia, problemi di concentrazione, disregolazione emotiva, tra gli altri.

Le terapie somatiche aiutano a ridurre i sintomi legati al trauma psicologico.
A poco a poco viene aiutato a regolare le emozioni associate ai ricordi, minimizzando così la sofferenza generale.
L’approccio somatico guida la persona a prendere coscienza di quelle sensazioni fisiche associate all’evento traumatico.
Partono dall’idea che mente e corpo sono legati e, quindi, i ricordi incapsulati lasciano sempre il segno nella sfera corporea.

Molte persone con traumi soffrono di dolore cronico. In questi casi le terapie somatiche sono molto utili.

I traumi devono essere affrontati, se queste ferite interne non vengono affrontate, l’impatto fisico e mentale è enorme.

Trova la terapia del trauma più adatta al tuo caso

Come puoi vedere, ci sono varie opzioni terapeutiche per curare i traumi. Quelli incentrati sui sintomi (come somatici e sollievo dal trauma) non saranno utili nel caso in cui mostri evidenza di altre comorbidità. Frequentemente, il trauma di solito genera un disturbo dell’umore; in questo scenario, l’approccio cognitivo-comportamentale è conveniente.

Comunque sia , consultare professionisti specializzati per avere sempre una buona diagnosi. La cosa più importante è non mettere da parte quel dolore, non reprimerlo o spostarlo come se non fosse accaduto. I traumi sono come macchie di inchiostro che offuscano tutto: la vita sociale, la vita lavorativa e persino la propria salute.

Esistono strumenti efficaci per chiudere quelle ferite, riprendere il controllo della vita e persino sperare nel futuro. Ciò che è accaduto in passato può essere sanato grazie alle terapie qui descritte. Non esitate a chiedere aiuto.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Cicione, R.M., Fontaine, L.A., y Williams, C.N. (2002). Trauma Relief Unlimited: un estudio de resultados de un nuevo método de tratamiento. Trauma y Pérdida: Investigación e Intervenciones, 2(2), 25-33. https://traumareliefunlimited.com/Trauma%20relief%20unlimited%20research%20paper%20whole.pdf
Dalvie, S., & Daskalakis, N. P. (2021). The Biological Effects of Trauma. Complex psychiatry, 7(1-2), 16–18. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8443929/
Resick, P. A., Nishith, P., Weaver, T. L., Astin, M. C., & Feuer, C. A. (2002). A comparison of cognitive-processing therapy with prolonged exposure and a waiting condition for the treatment of chronic posttraumatic stress disorder in female rape victims. Journal of consulting and clinical psychology, 70(4), 867–879. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12182270/
Shapiro, F (1989). Efficacy of the eye movement desensitization procedure in the treatment of traumatic memories. Journal of Traumatic Stress, 2(2), 199–223. https://psycnet.apa.org/record/1989-40656-001
Thomas, F. C., Loskot, T., Mutschler, C., Burdo, J., Lagdamen, J., Sijercic, I., Lane, J. E. M., Liebman, R. E., Finley, E. P., Monson, C. M., & Wiltsey-Stirman, S. (2023). Initiating Cognitive Processing Therapy (CPT) in Community Settings: A Qualitative Investigation of Therapist Decision-Making. Administration and policy in mental health, 50(1), 137–150. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9832073/
Valiente-Gómez, A., Moreno-Alcázar, A., Treen, D., Cedrón, C., Colom, F., Pérez, V., & Amann, B. L. (2017). EMDR beyond PTSD: A Systematic Literature Review. Frontiers in psychology, 8, 1668. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5623122/

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24413 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina