[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/06/2024 - 06:13:03
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.64.76 - Sid: 119353751 - Visite oggi: 31032 - Visite totali: 67.065.390

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Differenze tra critica costruttiva e distruttiva
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24382 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24530 Messaggi

Inserito il - 22/05/2024 : 08:54:53  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Differenze tra critica costruttiva e distruttiva

Sapete riconoscere la differenza tra quando vogliono aiutarvi e quando vogliono farvi del male? La critica è un'arte da padroneggiare e qui vi diciamo come fare.

Se la comunicazione gioca un ruolo essenziale nella costruzione di relazioni sane, questa importanza viene intensificata quando si fanno osservazioni agli altri. Esprimere opinioni senza trascurare la responsabilità affettiva è complicato, ma è possibile se si conoscono le differenze tra critica costruttiva e critica distruttiva.

Per questo in questo spazio esploreremo queste distinzioni, in base all’impatto che producono sul destinatario. Non farti mancare nulla, in quanto è uno dei pilastri fondamentali per la costruzione di spazi e ambienti sicuri in cui sono presenti sviluppo e benessere.

Cos’è la critica distruttiva?

Una critica distruttiva è quella che cerca di emettere un giudizio di valore, quindi è soggettiva. È vero che, a volte, tali giudizi sono necessari, ma ciò che caratterizza la critica distruttiva è che non tiene conto delle circostanze della persona, ma si concentra invece sull’attaccare e causare danni.

Pertanto, questo tipo di commento non è orientato alla correzione di errori o all’apprendimento. È un’intenzione che ha un impatto negativo su qualsiasi ambiente della persona.

In particolare, uno studio del 2020, pubblicato su JMBI UNSRAT, ha sottolineato, durante la valutazione delle prestazioni di alcuni insegnanti, che le critiche distruttive e il processo decisionale disinformato da parte dei loro dirigenti erano correlati alla diminuzione della soddisfazione sul lavoro, allo stress ossidativo e alla perdita di impegno verso gli obiettivi.

Le continue critiche distruttive sono tra gli attacchi più comuni di molestie sul posto di lavoro o mobbing.

Critica costruttiva

Al contrario, la critica costruttiva è quella che cerca di migliorare il comportamento (o le prestazioni, nel caso del posto di lavoro) di una persona. Cioè, non cerca di nuocere ai sentimenti del destinatario, ma aderisce piuttosto agli standard richiesti in modo rispettoso. Questo studio pubblicato sul Consulting Psychology Journal: Practice and Research sottolinea le caratteristiche più importanti della critica costruttiva:

Offrire soluzioni.
Cerca di promuovere il sostegno e la fiducia all’interno del gruppo.
Fornire un feedback specifico e descrittivo, il più obiettivo possibile.

Un’altra differenza tra critica distruttiva e costruttiva è che quest’ultima incoraggia l’impegno verso gli obiettivi del gruppo, così come uno stile orizzontale di organizzazione e atteggiamenti collaborativi.

Ecco perché i pareri costruttivi sono raccomandati in tutti gli ambiti relazionali dell’essere umano, dalle organizzazioni alle amicizie, passando per la coppia e l’attivismo.

Come posso rendere costruttive le mie critiche?

Il modo in cui viene consegnata una critica ha un impatto significativo sul destinatario, osserva un documento condiviso nel Journal of Management & Technology. A questo proposito, si raccomanda di esprimere critiche e correzioni in modo empatico e ponderato, con un linguaggio e un atteggiamento che rifiutino la violenza in tutte le sue forme. Alcuni suggerimenti per raggiungere questo obiettivo sono i seguenti:

Esprimi come ti fa sentire la situazione: questo contribuirà a generare empatia nel tuo destinatario.
Descrive il comportamento, non la personalità dell’individuo: “Sei in ritardo e mi dà fastidio” invece di “Sei molto in ritardo”.
Prenditi del tempo per restituire empatia: ascolta e analizza le circostanze dell’altro, poiché sono una parte indivisibile del suo modo di agire.
Riconosci la tua parte di responsabilità: non si tratta di sentirvi in colpa entrambi. Con la critica costruttiva, l’obiettivo è analizzare quale parte del risultato corrisponde a ciascuna persona coinvolta, al fine di migliorare i risultati.
Chiedi soluzioni, ma pensane una anche tu: se l’obiettivo è comune, la strada va percorsa in squadra. Inoltre, trovare una soluzione elaborata da entrambe le parti è più efficace e genera fiducia e rispetto delle misure adottate.
È importante bilanciare le critiche con il riconoscimento dei loro successi: soprattutto se hai a che fare con una persona sensibile o vulnerabile, poiché non tutti rispondono allo stesso modo. Secondo uno studio pubblicato sul British Journal of Psychology, questo equilibrio ha un impatto diretto sulla motivazione e sull’impegno.

Come affrontare le critiche distruttive?

Non importa quanto tu provi a motivare colleghi e persone care a migliorare e ad assumerti la tua responsabilità emotiva quando li critichi, a un certo punto non vedrai premiata quell’azione. Molte persone, a volte inconsciamente, non riconoscono le differenze tra critica costruttiva e critica distruttiva.

Lo stress e la normalizzazione della violenza sono fattori che influenzano direttamente il modo in cui gli altri vengono criticati.
Cosa fare, allora, quando i commenti degli altri cercano solo di farti del male? Ecco una serie di suggerimenti per riorientare la situazione:

Impara a riconoscere le differenze tra le due recensioni: senza questo passaggio precedente, i fraintendimenti sono serviti.
Non sei responsabile della mancanza di rispetto: rabbia, conflitto e mancanza di empatia sono l’uno dentro l’altro. È quella persona che deve occuparsene, non tu.
Ricordagli che la sincerità non è la stessa cosa del “sincericidio“: apprezza che esprima ciò che sente, ma chiedigli di farlo in modo responsabile e rispettoso.
Allena la tua assertività: è inutile entrare nel gioco del conflitto che stanno cercando di iniziare con quella critica. Stabilisci dei limiti e usa strategie per convincerli a rispettarli, come procrastinare la conversazione o generare idee alternative a ciò che presumono su di te.
Evita di mostrare la tua rabbia: anche se questo sembra incoerente con l’ingiustizia che stai subendo, esprimere la tua reazione negativa non fa che rafforzare il suo cattivo atteggiamento (ricorda che l’altra persona cerca di farti del male). L’indifferenza è la risposta migliore finché non ricevi un trattamento decente.

Individuare le differenze tra critiche costruttive e distruttive aiuta ad affrontarle

Infine, ricorda che ogni situazione è unica e potrebbe richiedere l’improvvisazione. A volte mostrare rabbia è utile, o potresti semplicemente aver bisogno di allontanarti da quell’ambiente.

Tuttavia, conoscendo le differenze tra critiche costruttive e distruttive, sarai in grado di sviluppare strategie per farle in modo empatico e riceverle in modo assertivo, quindi non esitare a dedicare parte del tuo sviluppo personale a questo.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Ashford, S. J., & Northcraft, G. B. (1992). Conveying more (or less) than we realize: The role of impression-management in feedback-seeking. Organizational Behavior and Human Decision Processes, 53(3), 310-334. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/074959789290068I
Canabal, C. y Margalef, L. (2017). La retroalimentación: la clave para una evaluación orientada al aprendizaje. Profesorado. Revista de Currículum y Formación de Profesorado, 21 (2), 149-170. https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=56752038009
Grant, A. M., Green, L. S., & Rynsaardt, J. (2010). Developmental coaching for high school teachers: executive coaching goes to school. Consulting Psychology Journal: Practice and Research, 62(3), 151. https://psycnet.apa.org/doiLanding?doi=10.1037%2Fa0019212
Ilies, R., Morgeson, F. P., & Nahrgang, J. D. (2005). Authentic leadership and eudaemonic well-being: Understanding leader–follower outcomes. The leadership quarterly, 16(3), 373-394. https://www.researchgate.net/publication/ 228635276_Authentic_Leadership_and_Eudaemonic_Well-being_Understanding_Leader-Follower_Outcomes
Khalique, M., Arif, I., Siddiqui, M., & Kazmi, S. W. (2018). Impact of workplace bullying on job performance, intention to leave, OCB and stress. Pakistan Journal of Psychological Research, 33(1), 55-74. https://www.researchgate.net/publication/ 324388867_Impact_of_Workplace_Bullying_on_Job_Performance_Intention_to_Leave_OCB_and_Stress
Kinicki, A. J., Mckee-Ryan, F. M., Schriesheim, C. A., & Carson, K. P. (2002). Assessing the construct validity of the job descriptive index: a review and meta-analysis. The Journal of Applied Psychology, 87(1), 14–32. https://www.researchgate.net/publication/ 11448826_Assessing_the_Construct_Validity_of_the_Job_Descriptive_Index_A_Review_and_Meta-Analysis
Peralta, M. (2004). El acoso laboral – mobbing- perspectiva psicológica. Revista de Estudios Sociales, (18), 111-122. https://www.researchgate.net/publication/26482227_El_Acoso_Laboral_-_Mobbing_-_Perspectiva_Psicologica
Tripathy, M. (2021). Constructive criticism: creating positive behaviour at work places. Revista Gestão & Tecnologia, 21(4), 76-92. http://revistagt.fpl.edu.br/get/article/view/2225
Tortoriello, G. K., & Hart, W. (2019). Trait interpersonal vulnerability attenuates beneficial effects of constructive criticism on failure responses. British Journal of Psychology, 110(3), 594-613. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30375638/
Yanner, Y., Bernardo, I. y Wuisan, D. (2020). The effect of job stress, job satisfaction and organizational commitment on performance. JMBI UNSRAT (Jurnal Ilmiah Manajemen Bisnis Dan Inovasi Universitas Sam Ratulangi), 7 (1). https://ejournal.unsrat.ac.id/index.php/jmbi/article/view/28388

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24382 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina