[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
28/05/2024 - 04:24:22
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 34.236.191.0 - Sid: 529176629 - Visite oggi: 10022 - Visite totali: 66.522.338

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Cosa fare se sento di odiare il mio corpo?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24369 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24512 Messaggi

Inserito il - 08/05/2024 : 09:27:06  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cosa fare se sento di odiare il mio corpo?

Sebbene non sia necessario amare ogni parte del proprio corpo, è consigliabile accettarsi e rispettarsi. Tuttavia, cosa fare quando si ha un cattivo rapporto con la propria immagine corporea? Ve lo spieghiamo nel testo che segue.

Tutti noi, a un certo punto, ci siamo detti “mi sento come se odio il mio corpo”. Non è facile amarlo ogni giorno o apprezzarne ogni sua imperfezione e forma. Tuttavia, quei momenti passano e alla fine lo accettiamo così com’è, perché questo fantastico involucro fisico è ciò che ci permette di sentire, respirare, abbracciare, lavorare, goderci la vita e interagire con gli altri.

Tuttavia, negli ultimi anni, sempre più persone hanno un cattivo rapporto con la propria immagine corporea. Rifiutano se stessi, odiano l’essere che si riflette nei loro specchi, perché non si armonizza con i presunti “corpi ideali” dei social network o con quelli che ci vengono venduti nella società dei consumi. Come affrontare queste situazioni? Scopri di più a riguardo con il seguente articolo.

Non è necessario amare il nostro corpo, basta rispettarlo, accettarlo. Tuttavia, la cultura, e persino l’istruzione, fanno sì che sempre più giovani odino la propria immagine e portano a comportamenti autodistruttivi.

Come faccio a sapere se sento di odiare il mio corpo?

È possibile che ogni volta che ti guardi allo specchio o nei tuoi selfie ti dica “Mi sento come se odiassi il mio corpo”. Inoltre, potresti avere un figlio o una figlia adolescente che senti ripetere spesso. A che punto iniziamo a preoccuparci delle nostre percezioni o di quelle degli altri? Quando superi il confine da “normale” a “patologico”?

In uno studio pubblicato sull’Indian Journal of Psychiatry, viene evidenziato che, sebbene sia normale avere preoccupazioni per l’aspetto fisico, quando queste diventano eccessive, potremmo essere all’interno dello spettro del disturbo da dismorfismo corporeo (BDD).

Di conseguenza, è importante rilevare quei sentimenti e attribuzioni negative verso la propria immagine che sono più problematiche. Affinché tu sia più consapevole di questi tipi di situazioni e sentimenti negativi, li elenchiamo di seguito:

Guardandoti allo specchio vedi solo difetti.
Ti vergogni del tuo aspetto fisico.
Sei ossessionato dal viso, dai capelli, dal naso e dalla pelle.
Ti confronti costantemente con gli altri.
Provi sentimenti di insicurezza e inferiorità.
Provi tristezza e demotivazione a causa del tuo schema corporeo.
La tua vita sessuale affettiva è molto limitata da questo problema.
L’idea di ricorrere alla chirurgia ti perseguita con insistenza.
Restringi la tua vita sociale per dispiacere della tua stessa immagine.
Queste preoccupazioni per il proprio corpo occupano buona parte della giornata.
Ti lasci scivolare in comportamenti compulsivi come guardarti costantemente allo specchio o spazzolarti i capelli.

Come aiutarmi a smettere di odiare il mio corpo

Per quanto ti dicano che “accettati per come sei”, farlo non è facile. Non è perché la mente è dominata da pregiudizi cognitivi che alimentano la visione negativa della propria immagine corporea.

Anche le credenze apprese e molte idee irrazionali inconsce che non sono facili da disattivare. Tale riformulazione richiede tempo e lavoro. Vediamo quali strategie sono utili se ti sembra di odiare il tuo corpo.

Pratica la neutralità del corpo

Realtà come il disturbo da dismorfismo corporeo, così come la propria persistente antipatia per l’immagine fisica, hanno una parte della loro origine nella bassa autostima. Meta -analisi come quella riportata in BMC Psychiatry indicano che questo stesso fattore è solitamente un elemento trasversale.

Un modo per disattivare quel rifiuto quando dici a te stesso che “mi sento come se odio il mio corpo” è praticare la neutralità del corpo. È una strategia emotiva e motivazionale volta a migliorare il rapporto che hai con il tuo fisico. Per fare ciò, prendere nota delle seguenti raccomandazioni:

Fai una lista di tutto ciò che puoi fare con il tuo corpo: respirare, vedere, camminare, lavorare, guidare, abbracciare, baciare, scrivere, leggere, giocare con il tuo animale domestico, ballare e molto altro.
Fai attività gratificanti: fai una passeggiata, goditi bagni rilassanti, balla, canta, ecc. Svolgi attività che ti permettano di goderti ogni sensazione fisica che il tuo corpo ti dà.
Accetta la tua immagine senza bisogno di amarne ogni parte: apprezza solo tutto ciò che il tuo corpo ti permette di fare, il che non è poco. Questo compito comporta lo sviluppo di un’adeguata empatia con te stesso, permettendoti di esistere nella tua fisicità senza giudicarla.
Un modo per migliorare la nostra relazione con il nostro corpo è praticare la neutralità corporea. Consiste nello smettere di giudicare noi stessi, imparare a vivere empaticamente con il nostro corpo, godendoci ciò che ci permette di fare.

Si consiglia di regolamentare l’uso dei social network

Viviamo in una società dominata dalla tirannia dell’immagine. Pubblicità, cinema, televisione e social network sono media che impongono l’idea distorta che esistano “organismi regolatori”. Pertanto, la persona che non si conforma a queste misure, forme e proporzioni ideali si sente rifiutata e persino elabora che c’è qualcosa di difettoso in loro.

Ricerche come quella pubblicata su Clinics in Dermatology limitano questo problema. L’uso dei social network e l’esposizione a immagini idealistiche del corpo sono alla base di molti disturbi e sofferenze. Pertanto, è essenziale migliorare l’uso che fai dei social network e l’esposizione ai loro messaggi.

Per raggiungere questo obiettivo, prendi nota delle chiavi che possono aiutare nel processo e che condividiamo di seguito:

Riformula i messaggi social che ti spingono alla perfezione: ricorda che non esistono corpi ideali, esistono corpi reali.
Scegli account che esaltino la diversità, la salute del corpo e la positività del corpo : nel momento in cui inizi a seguire figure o celebrità che apprezzano e rispettano tutte le corporature, l’algoritmo continuerà a mostrarti profili simili.
Limita o regola l’uso che fai delle reti: a volte, puoi passare troppo tempo a esporti a messaggi che feriscono e immagini che rafforzano inconsciamente il rifiuto del tuo corpo. Fai buon uso della tecnologia.

Guarisci te stesso dai messaggi che hai ricevuto sul tuo corpo nel corso della tua vita

È possibile che la prima volta che ti sei detto “Sento di odiare il mio corpo” sia stato nella prima adolescenza. Spesso il nostro ambiente più vicino rafforza in noi il rifiuto della nostra immagine. Ci sono messaggi come “saresti più carina se dimagrissi” che ci inoculano un disagio molto precoce verso la nostra immagine di noi stessi.

Per guarire e costruire una buona relazione con il tuo schema corporeo, devi riformulare tutte quelle verbalizzazioni che qualcuno ti ha indirizzato ad un certo punto. È un compito psicologico complesso che comporta la revisione anche delle convinzioni che davi per scontate. Considera le seguenti azioni:

Tieni un diario e mettici delle belle frasi su di te.
Scrivi le convinzioni che hai sulla tua immagine.
Trasforma quei messaggi negativi, trasformali in messaggi positivi.
Chiediti da dove provengono questi messaggi (dalla tua famiglia, partner passati, amici, ecc.).
Comprendi che il dispiacere per la tua immagine è un’idea costruita che deve essere sanata.
Se rifiuti l’immagine del tuo corpo, potresti essere cresciuto in una famiglia che ti ha giudicato in base al tuo aspetto fisico. I messaggi dal nostro ambiente ci condizionano.
Circondati di persone che hanno un’immagine corporea sana di se stesse.
Potresti avere un amico ossessionato dal proprio fisico. Il fatto di trascorrere del tempo con persone ossessionate dal perdere peso, mostrando sempre un’apparente perfezione, può influenzarti in modo negativo. Ancora una volta, i messaggi che provengono dal tuo ambiente possono distorcere, a poco a poco, il rapporto che hai con il tuo corpo.

Sarebbe molto vantaggioso avere la vicinanza di figure che si accettano così come sono e che ti apprezzano anche per quello che sei. L’autostima si costruisce anche dalle parole che arrivano da chi ci circonda. Pertanto, avere amici che ti apprezzano, che ti convalidano e non ti giudicano dal tuo corpo, è qualcosa di molto salutare.

Cosa fare se sento di odiare costantemente il mio corpo?

Nel caso in cui non riesci a smettere di pensare al tuo corpo e la tua vita psicosociale è molto limitata, è il momento di chiedere aiuto. In generale, questo persistente rifiuto si traduce spesso in autolesionismo e persino ideazione suicidaria. Evita di arrivare a questo punto. Ci sono persone specializzate in questo campo che possono aiutarti in modo molto efficace.

Ricerche come quella pubblicata su Behavior Therapy suggeriscono che la terapia cognitivo-comportamentale, combinata con antidepressivi, è appropriata. Sebbene questo studio si concentri sulla popolazione giovane, va notato che i suoi benefici possono essere correlati anche alla popolazione adulta.

Se cambio il mio corpo, l’odio o l’antipatia se ne andranno?

Sono molte le persone che ricorrono alla chirurgia estetica pur di raggiungere quell’aspetto fisico con cui riconciliarsi finalmente con se stesse. Ora, quella percezione di sé negativa cambierà se trasformi il tuo corpo?

Tutti possiamo ricorrere all’esercizio fisico e sottoporci a un intervento chirurgico per vederci meglio. Non si nega che questi cambiamenti spesso si ripercuotano sull’autostima. Ma dobbiamo stare attenti. Le cliniche di chirurgia estetica dovrebbero valutare la presenza di un BDD; in questi casi, le modifiche non garantiscono che la persona avrà un aspetto migliore. L’odio persiste e continuano ad aver bisogno di sempre più operazioni.

Per concludere, se vivi un cattivo rapporto con la tua immagine corporea e quei pensieri negativi non si dissipano, chiedi aiuto. In queste situazioni, cambiare il tuo corpo sarà inutile perché il problema è nella tua mente. E c’è aiuto per questo.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Craythorne, S.-L., Shaw, R. L., & Larkin, M. (2022). A phenomenological exploration of self-identified origins and experiences of body dysmorphic disorder. Frontiers in Psychology, 13, 963810. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2022.963810/full
Higgins, S., & Wysong, A. (2017). Cosmetic Surgery and Body Dysmorphic Disorder – An Update. International journal of women’s dermatology, 4(1), 43–48. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5986110/
Jassi, A., & Krebs, G. (2021). Body Dysmorphic Disorder: Reflections on the last 25 years. Clinical Child Psychology and Psychiatry, 26(1), 3–7. https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/1359104520984818
Johns Hopkins Medicine. (s.f.). Body Dysmorphic Disorder. Consultado el 18 de junio de 2023. https://www.hopkinsmedicine.org/health/conditions-and-diseases/body-dysmorphic-disorder
Kuck, N., Cafitz, L., Bürkner, P.-C., Hoppen, L., Wilhelm, S., & Buhlmann, U. (2021). Body dysmorphic disorder and self-esteem: a meta-analysis. BMC Psychiatry, 21(1), 310 https://bmcpsychiatry.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12888-021-03185-3
Laughter, M. R., Anderson, J. B., Maymone, M. B. C., & Kroumpouzos, G. (2023). Psychology of aesthetics: Beauty, social media, and body dysmorphic disorder. Clinics in Dermatology, 23, 9-29. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/36882132/
McCallum, M., Ho, A. S., May, C. N., Behr, H., Mitchell, E. S., & Michealides, A. (2021). Body Positivity and Self-Compassion on a Publicly Available Behavior Change Weight Management Program. International journal of environmental research and public health, 18(24), 13358. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8708647/
National Health Service. (2020, 14 de octubre). Body dysmorphic disorder (BDD). https://www.nhs.uk/mental-health/conditions/body-dysmorphia/
Quittkat, H. L., Hartmann, A. S., Düsing, R., Buhlmann, U., & Vocks, S. (2019). Body Dissatisfaction, Importance of Appearance, and Body Appreciation in Men and Women Over the Lifespan. Frontiers in psychiatry, 10, 864. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6928134/
Rautio, D., Gumpert, M., Jassi, A., Krebs, G., Flygare, O., Andrén, P., Monzani, B., Peile, L., Jansson-Fröjmark, M., Lundgren, T., Hillborg, M., Silverberg-Mörse, M., Clark, B., Fernández de la Cruz, L., & Mataix-Cols, D. (2022). Effectiveness of multimodal treatment for young people with body dysmorphic disorder in two specialist clinics. Behavior Therapy, 53(5), 1037–1049. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0005789422000569
Singh, A. R., & Veale, D. (2019). Understanding and treating body dysmorphic disorder. Indian Journal of Psychiatry, 61(Suppl 1), S131–S135. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6343413/

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24369 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina