[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/06/2024 - 06:15:58
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.64.76 - Sid: 119353818 - Visite oggi: 31099 - Visite totali: 67.065.455

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Perche' la musica “live” ci emoziona di piu'?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24318 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24530 Messaggi

Inserito il - 18/03/2024 : 09:50:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Perche' la musica “live” ci emoziona di piu'?

Condividere la musica in un concerto regala forti emozioni. Dipende dal funzionamento dall'amigdala sinistra, l'area del cervello deputata a elaborarle.

16 marzo 2024 - Simone Valtieri

La musica emoziona, questo è un dato di fatto. Il brano giusto è capace di toccare le corde più profonde della nostra anima, sia che lo si ascolti in macchina o nella propria stanza, sia che lo si condivida con migliaia di persone a un concerto. Eppure, nel secondo caso, avviene più facilmente e la scienza è in grado di spiegarci il perché. Dipende, in sintesi, dal funzionamento dall'amigdala sinistra, l'area del cervello deputata a elaborare le emozioni.

IL TEST MUSICALE. Ad approfondire la questione è stato il team guidato da Sascha Frühholz dell'Università di Zurigo, in Svizzera, che ha sottoposto 27 persone non esperte di musica a un esperimento. Gli studiosi hanno elaborato dodici brani della durata di 30 secondi ciascuno. Metà di questi, composti con accordi minori (meno armoniosi e più lenti) avevano l'obiettivo di trasmettere stati d'animo negativi, mentre gli altri sei sono stati scritti per esaltare le emozioni positive. I brevi componimenti sono stati fatti ascoltare ai partecipanti in ordine sparso tramite un altoparlante, venendo intervallati da mezzo minuto di silenzio. In questo modo, gli ascoltatori – sdraiati all'interno di uno scanner MRI – non sapevano se stessero udendo una registrazione o se il pezzo fosse eseguito in tempo reale.

Il punto è che la musica dal vivo può adattarsi all'ascoltatore, mentre quella registrata è sempre la stessa. Per questo motivo, è stato detto al pianista incaricato di eseguire i brani adattando il volume e la velocità del pezzo in base all'attività cerebrale dell'ascoltatore, rilevata in tempo reale dallo scanner. In pratica, se un partecipante mostrava poca attività in risposta a un brano positivo, il pianista poteva scegliere di variare la sua performance al fine di renderla più coinvolgente. Con questo esperimento, i ricercatori hanno scoperto che la musica "live", più fluida e dinamica, portava a un aumento dell'attività cerebrale nell'amigdala ben maggiore rispetto a quello provocato dalle registrazioni.

DINAMICITÀ E STATICITÀ. Sebbene lo studio abbia fornito risposte conclusive, non ha considerato uno degli aspetti più importanti della musica dal vivo. «Se vai a un concerto, non sei da solo - spiega Frühholz - e dunque l'esperienza emotiva diventa anche un'esperienza sociale». In pratica, la condivisione contribuisce ad aumentare la nostra risposta emotiva in un modo percepibile ma non misurabile con gli esperimenti.

https://caneuro.github.io/blog/2023/study-live-music/

da focus.it

  Discussione Precedente Discussione n. 24318 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina