[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/06/2024 - 06:10:10
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.64.76 - Sid: 119353703 - Visite oggi: 30984 - Visite totali: 67.065.342

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Memoria dettagli scompare; luoghi rimangono
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24286 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24530 Messaggi

Inserito il - 19/02/2024 : 08:43:09  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Con il tempo la memoria dei dettagli scompare; quella dei luoghi, resta

Sembra esserci qualcosa di speciale, nella memoria spaziale, che rende possibile conservare più a lungo il ricordo dei luoghi visti.

19 febbraio 2024 - Elisabetta Intini

Un tuffo nei ricordi: quelli dei luoghi durano più a lungo.

La memoria, si sa, ha la brutta abitudine di affievolirsi col tempo: mano a mano che passano le ore e i giorni che ci separano da una situazione vissuta, i dettagli sulle persone incontrate, su quello che hanno detto, su come erano vestite, si fanno più sfocati nel cervello. Questa regola universale sembra valere un po' meno per la memoria dei luoghi: in genere ricordiamo molto bene dove era posizionato un oggetto, anche quando scordiamo tutto il resto. La scoperta pubblicata su bioRxiv potrebbe essere sfruttata da chi studia l'attendibilità delle deposizioni ai processi.

CHE COSA C'ERA NELLA FOTO? Un team di psicologi dell'Università di Chicago è arrivato a questa conclusione attraverso due esperimenti. Nel primo, ha mostrato a 1.609 persone le immagini di sei diversi contesti (una camera da letto, una cucina, un salotto, un parco giochi, un giardino e un parco pubblico), per periodi di tempo variabili dai 100 millisecondi ai 10 secondi. Immediatamente dopo, i partecipanti hanno dovuto ricreare a memoria le scene nel maggiore dettaglio possibile, disegnando con il mouse o il touchpad sulla piattaforma di crowdsourcing Amazon Mechanical Turk.

ATTESA CRESCENTE. Nel secondo esperimento, altre 942 persone hanno visto le stesse scene, ma tutte per 10 secondi soltanto. In alcuni casi hanno dovuto ridisegnarle subito, in altri dopo 5 minuti, in altri ancora dopo un'ora, un giorno, due giorni o una o due settimane.

OGGETTI EXTRA. Come prevedibile, quando i ricercatori hanno verificato quanti degli oggetti della scena iniziale i partecipanti avessero incluso nei loro disegni, si è visto che il grado di precisione nel ricordarli diminuiva con il passare del tempo, ed era minore in chi aveva avuto il periodo di osservazione più breve. Un quinto delle persone che aveva aspettato due settimane prima di poter disegnare aveva inserito nella sua ricostruzione a memoria almeno un oggetto non presente nella scena reale; un quarto di questi disegni conteneva più di un falso oggetto.

NON RICORDO COM'ERA, MA SI TROVAVA LÌ! Più sorprendente è stato scoprire che, anche se i partecipanti non ricordavano tutti gli oggetti inclusi nella scena, sapevano però ricollocare quelli che ricordavano in modo molto preciso nello spazio - come se ci fosse qualcosa di particolare nel modo in cui codifichiamo, e poi rievochiamo, questo tipo di ricordo.

La differenza emersa potrebbe risultare estremamente utile nei contesti in cui è necessario ricostruire i particolari di una scena passata, come durante le testimonianze oculari.

Per esempio i ricordi su dove si trovavano una persona o un oggetto potrebbero essere più precisi e saldi nella memoria di quelli sul loro aspetto.

L'EFFETTO-ABITUDINE. Ulteriori test dovranno valutare se su questa precisione influisca in parte qualche schema di pensiero pregresso: per esempio, è lecito aspettarsi che un vaso di fiori in cucina si trovi al centro del tavolo, o che un comodino nella camera sia posizionato accanto al letto. Anche questo "senso comune" potrebbe influire sulla nostra memoria.

https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2024.01.26.577281v1

da focus.it

  Discussione Precedente Discussione n. 24286 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina