[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
21/02/2024 - 03:21:59
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.218.145 - Sid: 544633698 - Visite oggi: 31101 - Visite totali: 64.662.121

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Scopri quali sono le cause della procrastinazione
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24277 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24414 Messaggi

Inserito il - 12/02/2024 : 09:27:11  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Scopri quali sono le cause della procrastinazione

Rimandi i tuoi compiti ancora e ancora? Vorresti adempiere ai tuoi obblighi pendenti, ma il tuo cervello non risponde? Di seguito spieghiamo perché ciò accade e cosa puoi fare al riguardo.

Domani devi consegnare quel progetto in sospeso e tuttavia non hai né l’umore né l’energia per accendere il computer. Ti arrabbi con te stesso perché quella situazione ti rende disperato e sai che ci saranno delle conseguenze, ma non puoi farci niente. Ora, se ti stai chiedendo quali siano le cause di questo comportamento, ti diremo che le cause alla base della procrastinazione sono piuttosto complesse.

Ciò che ti accade non è sempre dovuto a semplice pigrizia o mancanza di responsabilità. Il continuo atto di rinviare compiti e obblighi è spiegato da molteplici fattori psicologici. A volte è ansia, paura di fallire o addirittura depressione di fondo. Nella lettura seguente descriviamo quali fattori innescano questo tipo di realtà.

Le persone sono stanche delle cose semplici. Vogliono essere sfidate.
~ Umberto Eco (Apocalittici e integrati, 1964) ~

7 cause dietro la procrastinazione

La procrastinazione è l’atto di ritardare compiti o obblighi fino all’ultimo minuto e persino di ritardarne il completamento. La cosa più frustrante di questa esperienza è che spesso perdi tempo in attività meno concrete, come passare ore sui social media. In psicologia sappiamo che tale comportamento maschera il peso delle emozioni con valenza negativa.

Un lavoro pubblicato da Frontiers in Psychology descrive l’impatto di questo fattore sugli studenti universitari. In genere, il rinvio di ciò che è necessario fare si spiega con fattori fisici come la semplice stanchezza, ma ci sono anche dimensioni leggermente più gravi. In molti casi, ci sono problemi psicologici che vengono trascurati. Approfondiamolo di seguito.

1. Mancanza di motivazione e interesse per il compito

A volte, non importa quanto ci provi, non riesci a trovare la motivazione nemmeno sotto le pietre. Questo ti rende frustrato con te stesso e il disagio si intensifica fino a creare un circolo vizioso. Pertanto, è importante capire che una delle cause della procrastinazione risiede nella mancanza di interesse per ciò che si deve realizzare.

Se hai un lavoro che non ti piace o sei costretto a svolgere un’attività che non si adatta ai tuoi gusti personali, la spinta motivazionale non arriverà automaticamente. Ciò che sperimenterai in questi casi è un blocco interno, mancanza di creatività e un alto grado di negatività e stress.

Che cosa posso fare?

Siamo tutti costretti a svolgere, di tanto in tanto, compiti che non sono in sintonia con le nostre passioni. In questi casi ti sarà utile stabilire una serie di ricompense per ogni progresso che farai. Stabilisci piccoli obiettivi quotidiani e, dopo averli raggiunti, concediti un semplice incentivo, come una pausa, una cena fuori o qualsiasi attività che ti stimoli.

2. Affaticamento decisionale

Una parte significativa degli obblighi che devi svolgere comportano la necessità di prendere decisioni. E qualcosa del genere travolge, stanca e aumenta lo stress. Come spiegato in un articolo del Journal of Health Psychology, questo fenomeno è comune negli operatori sanitari e influenza le loro prestazioni al punto da provocare azioni impulsive o irrazionali.

L’affaticamento decisionale è una forma di esaurimento mentale causato da un accumulo di informazioni e compiti da completare, che spesso sfocia in un blocco psicologico e in un esaurimento. Se ti senti così e continui a rimandare attività e propositi, non esitare ad agire il prima possibile.

Che cosa posso fare?

Se procrastini a causa dell’ansia causata dal dover decidere certe cose , il primo passo è riposarti e poi regolare le tue emozioni. La tua mente è dominata dalle paure e anche dalla stanchezza. Esercizi di rilassamento e respirazione profonda ti aiuteranno.

Allo stesso modo, ti sarà utile adottare la tecnica del time-blocking, che consiste nel dedicare un momento specifico della giornata a tale decisione. L’obiettivo è evitare che questo compito occupi l’intera giornata non risolvendolo e tenendolo sempre in sospeso.

3. Il miscuglio di ansia

Una delle cause più evidenti dietro la procrastinazione è l’ansia. Questo è qualcosa che si vede spesso negli ambienti accademici. Un articolo sul Journal of Education and Health Promotion descrive questa relazione e come i pensieri irrazionali sugli esami intensifichino il comportamento ritardante nello studio.

La mente ansiosa è uno dei tuoi principali nemici quando si tratta di portare a termine i tuoi compiti. Di solito ti alimenta la paura del fallimento e di futuri negativi che bloccano completamente la tua energia e motivazione. Ora, con strategie adeguate è possibile regolare la sua scomoda influenza.

Che cosa posso fare?

Nel caso in cui la tua tendenza a procrastinare nasconda l’ombra persistente dell’ansia, è consigliabile agire. Affrontare i propri obblighi in modo diverso, ridurre il livello di negatività e acquisire nuove abitudini sono passi essenziali. Elenchiamo altre strategie di base:

Fai pratiche di rilassamento e respirazione profonda.
Stabilisci un piano e un programma realistici a cui puoi attenerti.
Suddividi le attività in passaggi più piccoli e più facili da eseguire.
Razionalizza le tue paure e non anticipare cose che non sono ancora accadute.
Rileva i fattori scatenanti che ti fanno procrastinare, ad esempio, il tuo cellulare.
Esercita l’autoriflessione per stabilire un migliore controllo dei tuoi pensieri.

4. Eccessiva domanda di sé

Sei una persona ossessionata dal rendere tutto perfetto? Hai sempre bisogno di essere il migliore quando si tratta di portare a termine i tuoi compiti? Dubiti spesso delle tue capacità e soffri addirittura della sindrome dell’impostore ?

La procrastinazione è un comportamento rafforzato da ciascuna di queste dimensioni che, che ci crediate o no, colpiscono una parte significativa della popolazione. Se le tue esigenze personali ti portano al perfezionismo disadattivo, la tua procrastinazione potrebbe essere associata ad esso.

Che cosa posso fare?

Essere esigenti con te stesso ti permette di dare sempre il massimo, ma, in alcuni casi, può portare a schemi non adattivi. L’ideale è regolare questa dimensione senza cadere in aspettative irrealistiche che possono bloccare la vostra performance. I seguenti tasti possono servire da guida, ma non dimenticare che, se ti senti sopraffatto, è meglio chiedere un aiuto professionale:

Abbassare il livello della domanda e dell’autocritica.
Stabilisci obiettivi realistici che puoi conquistare.
Pratica la cura di te stesso e rafforza la tua autostima.
Quando inizi i tuoi compiti, prenditi cura del tuo dialogo interno.
Evita di paragonarti agli altri; la perfezione è impossibile.
Sii più compassionevole con te stesso e disattiva la paura dell’errore o del fallimento.

In genere, coloro che hanno elevati standard di perfezione possono procrastinare perché sentono che non raggiungeranno mai un livello di eccellenza soddisfacente. Ciò può portarli a entrare in un circolo vizioso di boicottaggio persistente, capace di bloccare molte sfere psicosociali che vanno oltre il mondo del lavoro.
5. Problemi di pianificazione e sequenziamento tra le cause della procrastinazione
Una delle cause della procrastinazione ha a che fare con fattori neurocognitivi. Inoltre, ti interesserà sapere che, secondo uno studio sull’ADHD e la procrastinazione, la disattenzione è correlata alla procrastinazione generale. Spesso si tratta di profili brillanti, ma incapaci di pianificare i propri compiti.

Ciò che solitamente costa loro è dividere le attività nelle fasi necessarie per perseguire con successo un obiettivo. Non sanno da dove cominciare, il tempo stringe e si sentono persi quando si tratta di applicare quelle capacità esecutive necessarie per raggiungere uno scopo.

Che cosa posso fare?

È importante notare che, sebbene i problemi di pianificazione e sequenziamento siano comuni nell’ADHD, possono comparire anche nella popolazione neurotipica. In queste situazioni è utile apprendere strategie di attenzione, pianificazione e gestione del tempo. La tecnica del pomodoro, ad esempio, è una risorsa interessante.

6. Sovraccarico di compiti e procrastinazione

Pensa al tuo cervello come a un computer. A volte installi più programmi perché ne hai bisogno per eseguire una moltitudine di attività. Tuttavia, la sua capacità è limitata e talvolta si sovraccarica e finisce per bloccarsi. La stessa cosa accade nella vita reale. Potresti aver assunto molteplici responsabilità per un po’ e la tua “CPU” interna ha detto abbastanza.

Lavoro, casa, famiglia, progetti futuri… Il cervello è limitato e, in alcuni casi, il livello di stress è così alto che non è più efficiente e aumenta il rischio di procrastinare. Inoltre, quando i compiti sono ripetitivi, non necessari, poco interessanti e noiosi, appare la procrastinazione, come sottolineato in un articolo sul Journal of education and Health Promotion.

Come conseguenza di tutto quanto sopra, la mente divaga, l’attenzione, la motivazione e perfino la capacità di agire in modo efficace vengono meno. Se ti senti identificato, prendi nota di come rispondere.

Che cosa posso fare?

La continua procrastinazione è un comportamento di copertura e un segnale di avvertimento che sta succedendo qualcosa. Dietro di esso spesso si nasconde un sovraccarico di attività e, per affrontarlo, è necessario stabilire delle priorità. Risparmiare obblighi e delegare allevia il peso dello stress e ti ricorda che non sei un supereroe. Sei un essere umano che deve imparare a prendersi cura di sé e ad organizzarsi meglio.

7. Depressione sottostante tra le cause della procrastinazione

A volte, la procrastinazione è l’eco di un disturbo mentale di fondo, come la depressione. Rimandare gli impegni, non avere energia, motivazione e portare a ruminazioni negative sono sintomi di questa condizione clinica. Un lavoro pubblicato dal Journal of Rational-Emotive and Cognitive-Behavior Therapy riporta questa relazione.

Allo stesso modo, in questi contesti, la sintomatologia depressiva si estende a qualsiasi area. Potresti avere difficoltà a svolgere le faccende domestiche, a svolgere il lavoro e potresti persino trascurare la tua igiene personale. È meglio avere sempre una diagnosi da un professionista.

Che cosa posso fare?

Se qualche obbligo, grande o piccolo, ti opprime, non ti godi quasi nulla e ti senti senza speranza, è utile iniziare una terapia psicologica. Il rinvio degli obblighi è in questi casi solo la punta dell’iceberg. Non esitare a chiedere aiuto, parla con chi ti circonda di ciò che ti sta accadendo e impegnati nel processo terapeutico. Riacquisterai di nuovo la speranza.

Procrastinazione, una realtà silenziosa che fa male
Come hai potuto dedurre, le cause della procrastinazione sono molteplici e complesse. La cosa più sorprendente è che, nella maggior parte dei casi, questa realtà viene vissuta in modo annientante, dato che non si tratta di qualcosa di volontario né di un comportamento facilmente controllabile. In generale, vedere che non puoi adempiere ai tuoi obblighi distrugge ulteriormente la tua immagine di te stesso.

Se sei rimasto intrappolato in questo circolo vizioso di disagio per un po’, prova a disattivarlo. Applica alcuni dei suggerimenti descritti e agisci con nuovi approcci mentali e abitudini più proattive. A volte piccoli cambiamenti lasciano il posto a trasformazioni motivanti. Meriti di sentirti bene e di ritrovare la tua solita produttività.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Barel, E., Shahrabani, S., Mahagna, L., Massalha, R., Colodner, R. & Tzischinsky, O. (2023). State anxiety and procrastination: The moderating role of neuroendocrine factors. Behavioral Sciences, 13(3), 1-10. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10045520/
Bolbolian, M., Asgari, S., Sefidi, F. & Zadeh, A. S. (2021). The relationship between test anxiety and academic procrastination among the dental students. Journal of Education and Health Promotion, 10(1), 1-6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8057172/
Flett, A. L., Haghbin, M. & Pychyl, T. A. (2016). Procrastination and depression from a cognitive perspective: An exploration of the associations among procrastinatory automatic thoughts, rumination, and mindfulness. Journal of Rational-Emotive and Cognitive-Behavior Therapy: RET, 34(3), 169-186. https://link.springer.com/article/10.1007/s10942-016-0235-1
Gamst-Klaussen, T., Steel, P. & Svartdal, F. (2019). Procrastination and personal finances: Exploring the roles of planning and financial self-efficacy. Frontiers in psychology, 10, 775. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2019.00775/full
Ghaffari, F., Mohammadi, S., Arazi, T., Arzani, A. & Rahimaghaee, F. (2021). Shedding light on the causes of academic procrastination among nursing students: A qualitative descriptive study. Journal of education and health promotion, 10(1), 1-8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8249952/
Niermann, H. C. & Scheres, A. (2014). The relation between procrastination and symptoms of attention#8208;deficit hyperactivity disorder (ADHD) in undergraduate students. International journal of methods in psychiatric research, 23(4), 411-421. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6878228/.
Pignatiello, G. A., Martin, R. J. & Hickman, R. L., Jr (2020). Decision fatigue: A conceptual analysis. Journal of Health Psychology, 25(1), 123-135. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6119549/
Rozental, A., Forsström, D., Hussoon, A. & Klingsieck, K. B. (2022). Procrastination among university students: Differentiating severe cases in need of support from less severe cases. Frontiers in Psychology, 13, 1-15. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2022.783570/full
Sederlund, A. R., Burns, L. & Rogers, W. (2020). Multidimensional models of perfectionism and procrastination: seeking determinants of both. International Journal of Environmental Research and Public Health, 17(14), 1-32. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7400384/
Sirois, F. M. (2023). Procrastination and stress: A conceptual review of why context matters. International Journal of Environmental Research and Public Health, 20(6), 1-15. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10049005/
Yan, B. & Zhang, X. (2022). What research has been conducted on procrastination? Evidence from a systematical bibliometric analysis. Frontiers in psychology, 13, 1-16. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8847795/#:~:text=Specifically%2C%

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24277 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina