[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
21/02/2024 - 03:04:29
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.222.218.145 - Sid: 544633255 - Visite oggi: 30658 - Visite totali: 64.661.677

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Dimmi come sei e ti diro' la terapia adeguata
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24275 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24414 Messaggi

Inserito il - 09/02/2024 : 10:14:50  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Dimmi come sei e ti diro' di quale terapia hai bisogno

Le caratteristiche, le preferenze e le variabili di personalità delle persone che cercano un aiuto psicoterapeutico sono importanti per scegliere l'intervento migliore. Per questo motivo, in questo articolo ne illustreremo alcune. Scoprile!

Perché le persone migliorano in psicoterapia? Diverse discipline, come la psichiatria o la psicologia, hanno cercato di rispondere a questa domanda. Attualmente è noto che ci sono alcune caratteristiche del cliente che influenzano il successo dei trattamenti psicologici. Dai importanza alla spiritualità? Qual è il tuo stile di coping? Saresti disposto ad essere “attivo” nel tuo processo terapeutico? Dimmi come stai e ti dirò di quale terapia hai bisogno.

Fino al 33% del cambiamento terapeutico totale delle persone che frequentano la psicoterapia è dovuto a quelli che Lambert (2019) ha definito “fattori extra-terapeutici”. Questi fattori includono quelli associati al cliente/cliente/paziente e alla loro storia vitale, il che è comprensibile se teniamo conto che è il cliente che avvia il processo di cambiamento.

“Se il cliente non assorbe, usa e non segue gli sforzi di facilitazione del terapeuta, allora non succede nulla.”
-Bergin-

Caratteristiche del consulente

La gamma di caratteristiche che sono state proposte per selezionare un tipo di terapia o un altro è ampia ed eterogenea. Per questo motivo, ci concentreremo su alcuni in particolare. Per svolgere un buon percorso terapeutico è necessario includere le caratteristiche, le percezioni e le preferenze del cliente, con l’obiettivo di personalizzare al massimo la terapia.

“Poiché i terapeuti sono diventati più accomodanti nei confronti delle risorse del cliente, sembrano essere in atto ulteriori cambiamenti”.
-Bergin-

1. Livello di funzionalità

Un livello minimo di funzionalità viene identificato come un fattore che complica la prognosi della psicoterapia. Ad una prognosi peggiore, e viceversa, sono legati aspetti quali la profondità dei limiti imposti dall’entità clinica.

Tuttavia, accade il contrario nella popolazione infantile: quando la gravità dei problemi comportamentali è maggiore, anche l’efficacia dei programmi di formazione dei genitori è maggiore.

Da quanto detto, relativamente agli adulti, è facile dedurre che i casi in cui la vita della persona è maggiormente compromessa sono anche quelli che necessiteranno di più sedute. D’altra parte, quando il livello di funzionamento premorboso è molto basso, le terapie direttive volte ad aumentarlo sono di grande beneficio. Tra questi va menzionato l’intervento attraverso l’attivazione comportamentale.

2. Preferenze

Le preferenze si riferiscono alle attività e alle condizioni di psicoterapia con le quali il cliente si sente più a suo agio. Esistono vari strumenti, come il C-NIP ( The Cooper-Norcross Inventory of Preferences) che facilitano la valutazione delle preferenze del consulente. Tra questi, tieni presente quando scegli uno psicoterapeuta aspetti come i seguenti:

Preferenze di attività: queste sono le attività da svolgere durante il trattamento, gli obiettivi che vorresti raggiungere e qual è il numero, la durata e la frequenza delle sessioni che pensi di voler avere. Pertanto, sarebbe conveniente concordare queste preferenze con il terapeuta che hai scelto.
Preferenze dello psicoterapeuta: probabilmente ti sentirai più a tuo agio vedendo un terapista di un certo genere. Questo è normale e dovrebbe essere preso in considerazione. È importante anche il grado di direttività, che si riferisce allo specifico copione che segue la terapia. Ad esempio, la terapia cognitivo-comportamentale è generalmente molto direttiva. Questo accade perché le sedute sono molto preparate, il terapeuta esercita più influenza e tra una seduta e l’altra vengono inviati più “compiti a casa”. Al contrario, la psicoanalisi è poco direttiva.
Alcune preferenze del cliente possono essere dannose. Quando ciò accadrà, il terapeuta saprà consigliarti sulla migliore modalità di intervento nel tuo caso.

“Ad esempio, un cliente con fobia sociale potrebbe preferire partecipare a sessioni di trattamento individuali nonostante speri che il trattamento di gruppo sia più efficace per il suo problema”.
-Fonseca-

3. Spiritualità e religiosità per trovare la terapia

La letteratura scientifica sostiene il rapporto tra spiritualità/religiosità e salute fisica e mentale. Ciò accade perché, tra le altre cose, fornisce un senso di appartenenza, connessione e supporto. È possibile che tu possa proporre “adattamenti” in modo che il terapeuta tenga conto della religiosità e della spiritualità, soprattutto se queste rappresentano un aspetto centrale della tua identità.

Inoltre, si è visto che quando i trattamenti assecondano questa caratteristica del cliente, i risultati sono tanto efficaci quanto gli approcci “laici”.

“Quando il trattamento è adattato alle preferenze religiose e spirituali dei clienti, i clienti sembrano trarre maggiori benefici dal trattamento”.
-Castonguay-

4. Stile di coping

Per Beutler, lo stile di coping è un tratto della personalità. Spinge la persona a comportarsi in un certo modo per adattarsi ad ambienti mutevoli e incontrollabili, per ridurre il disagio che si può provare. Pertanto, si possono distinguere due stili di coping: l’interiorizzazione e l’esternalizzazione.

Le persone con uno stile di coping esternalizzante sono caratterizzate dall’essere impulsive, socievoli e mostrano una marcata tendenza a delegare le proprie responsabilità agli altri. Inoltre, questo stile è stato collegato all’uso di sostanze o al disturbo antisociale di personalità.

D’altra parte, lo stile di coping interiorizzante si concentra su bassa impulsività, ruminazione e un elevato bisogno di controllo. Questo stile di coping è stato collegato a disturbo d’ansia generalizzato, disturbo ossessivo compulsivo, depressione o ansia sociale.

Se il tuo stile di coping è di tipo esternalizzante, probabilmente tenderai a “evitare” o “fuggire” da situazioni stressanti. Se li hai mai affrontati, potresti aver incolpato gli altri o il tuo ambiente per il tuo disagio.
Se il tuo stile di coping è di tipo interiorizzante, è probabile che tu tenda ad affrontare i cambiamenti e le minacce e, se fallisci, potresti incolpare te stesso per questo.
I clienti con stili di coping esternalizzanti beneficiano maggiormente delle terapie di modifica del comportamento incentrate sulla riduzione dei sintomi. Tra questi potremmo evidenziare la formazione nelle capacità di regolazione emotiva, la risoluzione dei problemi o la formazione all’autocontrollo.

Al contrario, i clienti con stili di coping interiorizzanti potrebbero trarre maggiori benefici da terapie che cercano di promuovere l’ insight o l’autoconsapevolezza. Le caratteristiche che definiscono queste persone sono bassa impulsività, ruminazione, alta introspezione e bisogno di controllo.

L’intervento che beneficia maggiormente in questi casi è quello che promuove la comprensione, l’autoriflessione, la comprensione e il legame interpersonale. Sarà importante cercare una terapia che si concentri sul cambiamento cognitivo e sull’espressione emotiva, come nel caso della terapia cognitiva, o REBT.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Pedrero, F. E. (2020). Manual de Tratamientos Psicológicos. Infancia y Adolescencia. Pirámide.
Muela Aparicio, A., & Sansinenea Méndez, E. (2020). Tratamientos psicológicos personalizados: orientaciones clínicas. Papeles del psicólogo, 41(1), 16-26.
Längle, A. (2008). La espiritualidad en psicoterapia: entre la inmanencia y trascendencia en el Análisis Existencial.

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24275 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina