[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
25/06/2024 - 00:12:41
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 100.28.132.102 - Sid: 114659570 - Visite oggi: 23102 - Visite totali: 67.209.336

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Come aiutare una persona con un crollo psicotico?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 24126 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24534 Messaggi

Inserito il - 08/09/2023 : 09:26:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Come aiutare una persona con un crollo psicotico?

Durante un episodio psicotico, il paziente necessita di supporto per riconnettersi con la realtà e sentirsi compreso. In questo articolo saprai come affrontare questa situazione.

Immagina di perdere improvvisamente il contatto con la realtà, di percepire stimoli che non sono realmente presenti o di avere pensieri strani e irreali. Questo è ciò che accade durante la psicosi, una situazione angosciante che impedisce al malato di funzionare correttamente nella sua quotidianità. Data la gravità del fenomeno, è opportuno sapere come aiutare chi sta affrontando un crollo psicotico.

Può sembrare che non ci troveremo mai in questa situazione. Tuttavia, questi episodi possono essere vissuti da persone senza alcuna patologia mentale sottostante. Allora come procedere? Lo vediamo di seguito.

Uno studio del Center for Network Biomedical Research indica l’incidenza altamente variabile dei focolai psicotici nelle regioni di 5 paesi europei e in Brasile. Mentre negli Stati Uniti, il National Institute of Mental Health riporta circa 100.000 casi di psicosi ogni anno.

Cos’è un crollo psicotico?

Iniziamo chiarendo che la psicosi non è un disturbo in sé. Secondo la psicologia clinica, è uno stato mentale prodotto nell’ambito di diversi disturbi psicologici. È caratterizzato da una scissione o perdita di contatto con la realtà, che genera alterazioni nella percezione, nel pensiero e nel comportamento.

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5) include diverse immagini in cui è presente la psicosi; tra gli altri, schizofrenia, disturbo delirante o disturbo schizoaffettivo. Inoltre, menziona il cosiddetto disturbo psicotico breve, che allude a quello che conosciamo come un focolaio psicotico isolato.

Parliamo della presenza dei principali sintomi della psicosi, ma limitata ad un periodo che va da un giorno ad un mese. Quindi, contrariamente a quanto accade con altre diagnosi, dopo questo periodo l’episodio di solito si risolve e la persona recupera il normale funzionamento.

Ciò significa che un focolaio psicotico può essere vissuto in modo isolato, unico e puntuale. Ma è anche possibile che si ripresenti o derivi da un disturbo mentale sottostante. In entrambi i casi, i suoi sintomi principali includono deliri, allucinazioni o linguaggio disorganizzato; viene aggiunto il comportamento catatonico.

Come comportarsi di fronte a un crollo psicotico?

Durante questo episodio, la persona è disconnessa dalla realtà e ha serie difficoltà a funzionare quotidianamente; oltre a soffrire, in molti casi, di notevole angoscia o disagio psicologico. Partendo da questo, come aiutare qualcuno con un crollo psicotico? Secondo un lavoro preparato dal Servizio sanitario andaluso (2021), le seguenti sono alcune linee guida da considerare.

Prestare attenzione ai primi segnali di allarme

Prima che compaia l’epidemia psicotica, la persona può mostrare alcuni segni e comportamenti insoliti che la allertano e le consentono di cercare aiuto in tempo; quindi è conveniente essere vigili.

A questo proposito, è probabile trovare apatia, isolamento, sbalzi d’umore o disturbi del sonno e dell’appetito. Ma ciò che dovrebbe allarmarti di più sono le strane percezioni (sia visive che uditive), credenze o idee anomale (come pensare che le persone siano contro di te), o la sensazione che tutto sia meno reale di prima.

Essere disponibile ed empatico

Per aiutare qualcuno con una crisi psicotica, è fondamentale capire la situazione che sta vivendo e quanto possa essere complicata e angosciante. Di solito, la persona si sente confusa e disorientata, il che porta ad agire in modo imprevedibile. Inoltre, per lei, tutto ciò che vive e sente è reale e prima di un processo si metterebbe sulla difensiva o si chiuderebbe.

Per questo è preferibile parlare con calma, con frasi brevi e semplici, in un ambiente privato e con pochi stimoli. Cerca di esprimere la tua preoccupazione senza giudicare o attaccare. Cerca di farlo sentire compreso e interessati a come si sente.

Facilitare il contatto con la realtà

Durante una psicosi acuta è necessario aiutare la persona a riprendere il contatto con la realtà. In questo scenario, gli esercizi di rooting tornano utili. Lo suggerisce l’organizzazione no-profit Mental Health America.

Questi consistono nell’usare i cinque sensi per riconnettersi con il qui e ora ; Ad esempio, offri loro un pasto caldo o una bevanda, mostra loro oggetti che osservano in dettaglio, lascia che annusino oli diversi o parla del tempo o della loro postura in quel momento.

Offrire un aiuto pratico

Al di là dell’aspetto emotivo, aiutare una persona con una crisi psicotica può richiedere l’offerta di contribuire a compiti come accompagnarla a determinati appuntamenti e attività, ricordarle di prendere i farmaci o supportare il processo decisionale. Ed è che ricordiamo che, per una persona in questa situazione, funzionare normalmente e risolvere i problemi quotidiani è complicato.

Cercare un accompagnamento professionale per il crollo psicotico

Un crollo psicotico è difficile da gestire e richiede la guida degli operatori sanitari. Durante la fase acuta può essere necessario chiamare i servizi di emergenza e, a medio e lungo termine, l’intervento di psichiatria, psicologia clinica e altre specialità è essenziale per prevenire le ricadute o controllare la progressione della malattia (Centro per le dipendenze e il mentale Salute, 2015).

Tuttavia, come affermato in una pubblicazione dell’Early Psychosis Prevention & Intervention Center, la persona può essere riluttante ad assumere farmaci, seguire la psicoterapia o accettare il ricovero, quindi i suoi parenti possono contribuire facendogli vedere i benefici che questo porterà ed essere un supporto durante il processo.

È anche consigliabile che, se sei un parente di qualcuno con una crisi psicotica, cerchi assistenza professionale anche per te stesso. La situazione diventa sconvolgente e stressante e avere una guida e uno spazio sicuro per parlarne è utile.

Aiutare una persona con un crollo psicotico richiede conoscenza e calma

Infine, è importante ricordare che, per aiutare una persona con un crollo psicotico, è necessario disporre di informazioni al riguardo. Comprendere bene cos’è la psicosi, come può manifestarsi un focolaio o quali sono le sue cause aiuta ad alleviare la paura di fronte all’incertezza di ciò che sta accadendo.

Inoltre, mantenere la calma è fondamentale in questo momento se siamo la persona vicino a te, perché solo così trasmetteremo tranquillità e sicurezza. Per raggiungere questo obiettivo, ti consigliamo di consultare un professionista che fornisca le informazioni essenziali, chiarisca i dubbi, smentisca i miti e ti supporti mentre sostieni la persona amata.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

American Psychological Association [APA]. (2014). Manual de diagnóstico y estadístico de los trastornos mentales (DSM-5). https://www.eafit.edu.co/ninos/reddelaspreguntas/Documents/dsm-v-guia-consulta-manual-diagnostico-estadistico-trastornos-mentales.pdf
Bromley, S., Choi, M. y Faruqui, S. (2015) First episode psychosis. An information guide. Center for Addiction and Mental Health. https://drmiarademeyer.co.za/wp-content/uploads/2022/05/first-episode-psychosis.pdf
Early Psychosis Prevention & Intervention Center (EPPIC). (2000). Recovering from Psychosis. http://www.p3-info.es/PDF/EpiccSpanish.pdf
Instituto Nacional de Salud Mental de Estados Unidos. (s.f.). Cómo comprender qué es la psicosis. Consultado el 19 de mayo de 2023. https://www.nimh.nih.gov/health/publications/espanol/como-comprender-que-es-la-psicosis
JAMA Psychiatry. (2017). Un estudio revela que la incidencia internacional de la psicosis es altamente variable. En Centro de Investigación Biomédica en Red. https://www.cibersam.es/noticias/un-estudio-revela-que-la-incidencia-internacional-de-la-psicosis-es-altamente-variable
García-Herrera, J., Hurtado Lara, M., & Quemada González, C. (2021). Cómo ayudar a alguien que está experimentando psicosis. Servicio Andaluz de Salud. Consejería de Salud y Familias. Junta de Andalucía. https://asociacionafemen.org/wp-content/uploads/2021/10/Como-ayudar-a-alguien-que-est-a%CC%81-experimentando-psicosis.pdf
Mental Health America. (s. f.). How do I stay grounded in reality? Consultado el 15 de mayo de 2023. https://screening.mhanational.org/content/how-do-i-stay-grounded-in-reality/?layout=actions_f

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 24126 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina