[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
15/06/2024 - 18:19:36
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.221.73.157 - Sid: 765444902 - Visite oggi: 914 - Visite totali: 66.951.026

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 ALTREVISTE BiblioForum
 La cultura della competizione danneggia lavoro
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23982 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24528 Messaggi

Inserito il - 23/05/2023 : 10:20:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La cultura della competizione che danneggia l'ambiente di lavoro

In un mondo sempre più complesso e mutevole, la competizione sembra essere il motore che muove ogni organizzazione e ambiente di lavoro. Ma a che prezzo? Che effetto ha questa dimensione sulle persone? Questo è l'argomento che riguarda il seguente articolo.

La cultura della competizione è la spina dorsale di quasi ogni tappa di crescita nella società. Viene interiorizzata fin dall’infanzia a scuola e, successivamente, i suoi ingranaggi si intensificano quando si entra nel mondo del lavoro. Fu lo psicologo e filosofo inglese Herbert Spencer a coniare il classico termine “sopravvivenza del più adatto” per definire questa presunta necessità di competere tra di noi.

Tuttavia, negli ultimi anni, le aziende affrontano più che mai una concorrenza costante per aggiungere valore e rimanere sul mercato. Ma a che prezzo? È necessario sviluppare anche una rivalità interna tra i dipendenti stessi? Che effetto ha questo sull’ambiente di lavoro? Tutte queste variabili interessanti sono analizzate di seguito.

«Nulla di bello può nascere dalla rivalità; e dalla superbia, niente di nobile».
-John Ruskin-

La cultura della competizione nelle aziende

Fu Aristotele Onasis a dire: “Non ho amici o nemici, solo concorrenti”. Questa idea esemplifica molto bene la visione di molti grandi uomini d’affari e di coloro che, dopo tutto, cercano di monopolizzare la leadership nelle loro imprese. Non è un errore sottolineare che la cultura competitiva è cresciuta negli ultimi decenni.

Come indica il professore della Harvard Business School Michael E. Porter nel suo libro Competitive Strategy (2009), competere è un imperativo per qualsiasi organizzazione. Questa strategia è ciò che fa la differenza in termini economici e di crescita di qualsiasi azienda, viste le grandi rivalità e i cambiamenti che avvengono nel campo degli affari e nella società.

La cultura della competizione è un fenomeno diffuso, intensificato dalla globalizzazione e destinato a crescere con lo sviluppo delle nuove tecnologie. Questo spiega perché è comune vedere le stesse dinamiche nel funzionamento interno delle aziende con i loro dipendenti. È un meccanismo che, in certi casi, non porta i benefici sperati.

Segnali di come la competizione influisce sull’ambiente di lavoro

Lavoriamo tutti in un ambiente competitivo di tanto in tanto. La prima cosa da sapere è che la competizione interna tra dipendenti motiva alcuni e scoraggia altri. Non tutti vivono questo tipo di situazioni allo stesso modo. L’Università di Pechino ha sottolineato in uno studio che è la personalità del lavoratore a mediare questo comportamento competitivo tradotto in buone prestazioni.

Tuttavia, il problema risiede in quelle organizzazioni che stabiliscono una cultura fatta di competizione spietata per raggiungere gli obiettivi. Lo fanno anche creando un ambiente di lavoro privo di cooperazione e coesione. Sono scenari che, lungi dall‘incoraggiare la creatività e la produzione, non portano alcun beneficio. Vediamo subito cosa avrebbero queste dinamiche.

Ci sono dipendenti che elaborano la competitività sul lavoro come una forza motivante. Altri, invece, vedono queste situazioni come esperienze stressanti.

1. Conflitti sul posto di lavoro

Il National Institute for Occupational Health di Oslo ha pubblicato nel 2022 un’interessante analisi su questo argomento. Il conflitto sul posto di lavoro si traduce spesso in un congedo per malattia. L’impatto di queste dinamiche interne su un’organizzazione è immenso.

In molti casi, la cultura competitiva di un’azienda porta a differenze, critiche e persino vessazioni tra i dipendenti. La necessità di distinguersi e ottenere meriti superando i pari, plasma situazioni tanto scomode quanto minacciose.

2. Stress disfunzionale cronico

La competitività del lavoro è produttiva in determinate circostanze. Se i meccanismi sono ben strutturati e viene creato un piano chiaro con obiettivi specifici, l’esperienza sarebbe gratificante e di successo. Ma le organizzazioni dominate da un ambiente di lavoro dove la competitività è una costante, portano grande disagio psicologico ai propri dipendenti.

Lo stress in momenti specifici agisce positivamente. D’altra parte, quando pressioni e rivalità sono parte integrante del tessuto lavorativo, la salute mentale ne risente.

3. Potrebbe apparire un comportamento non etico

La cultura competitiva non strutturata, costante e basata sulla rivalità porta a comportamenti imbroglioni. Inoltre, ci sono risposte e azioni non etiche che rasentano il criminale. Se l’unico obiettivo è ottenere più dell’altro ed essere il migliore della squadra, la coesione, l’empatia e il rispetto reciproco svaniscono. È allora che la rivalità trascina realtà minacciose e disfunzionali.

4. Calo della produttività

L’Università della Cina ha ristretto un fattore interessante in un’indagine. In media, i dipendenti più competitivi sono quelli che portano innovazione in azienda e quelli che mostrano la maggiore autoefficacia percepita. Come sottolineano in detta indagine, è necessario sapere in quali circostanze e contesti si verificano questi comportamenti.

Se l’ambiente di lavoro è ideale, è ben strutturato e la concorrenza non è spietata, i risultati saranno positivi. Al contrario, in contesti dominati da una forte concorrenza, gli stessi dipendenti si sentono scoraggiati e la produttività ne risente.

Un esempio di ciò sono quelle aziende in cui vengono pubblicate statistiche o tabelle dei risultati di alcuni e delle scarse prestazioni di altri. L’esposizione pubblica, l’accertamento e l’evidenziazione di determinate persone generano un substrato di costante pressione e scoraggiamento.

Dover proteggere la nostra posizione in azienda da colleghi che diventano rivali è un’esperienza che mina la salute mentale.

5. La cultura della competizione: quando si passa dalla sfida alla minaccia

La competitività è guidata dalla motivazione e dal desiderio di ottenere risultati. Anche per quella fiducia in se stessi quando si tratta di sfidare altre figure nelle stesse condizioni. C’è qualcosa di arricchente in questi processi che nessuno può negare. Questo perché la competizione è una forma di sfida e quando ci sono propositi ed entusiasmo si raggiungono grandi traguardi.

Il problema con l’ambiente di lavoro competitivo in molte aziende è che è spietato e le persone non si sentono sfidate; si sentono minacciati. All’improvviso, i colleghi non sono la nostra squadra, ma rivali; diventano figure che escogiteranno trucchi e meccanismi per smascherarci e minare la nostra produttività. Non è un meccanismo etico o di successo per nessuna organizzazione.

6. Il conformismo può essere stabilito

Essendo immerso in un ambiente di lavoro avverso, altamente competitivo ed estenuante, potrebbe arrivare un momento in cui si instaura il conformismo. Lungi dal migliorare le prestazioni e l’autoefficacia, si può scegliere di fare il minimo per non stressarsi o portare a dinamiche dannose.

Invece di sforzarci di “essere il migliore di tutti”, preferiamo “essere come tutti” e non impegnarci più del necessario. Questo meccanismo non è altro che una risposta di autoprotezione e sopravvivenza.

7. La salute mentale è compromessa in ambienti altamente competitivi

Ci sono personalità che si adattano e vedono vantaggi in contesti altamente competitivi; altri, invece, sono più vulnerabili allo stress e all’ansia. Di conseguenza, mentre è vero che gli effetti della cultura del posto di lavoro competitivo variano tra i dipendenti, in ambienti in cui la rivalità è tossica e poco intelligente ci sono conseguenze. Questi effetti finiscono per essere condizionati dalle seguenti esperienze:

Non vediamo riconosciuto il nostro valore.
Lo stress è un’esperienza costante.
Tutte le figure sul posto di lavoro sembrano minacce.
In questi contesti la persona porta a casa i problemi e le angosce.
C’è una percezione permanente che, a un certo punto, perderemo il lavoro perché non siamo abbastanza competitivi.

Tutte queste variabili sono seri fattori condizionanti per il benessere mentale. La salute psicologica è influenzata dalla perenne competitività del lavoro.

Una delle maggiori preoccupazioni che il dipendente ha in un ambiente di lavoro competitivo è essere licenziato in qualsiasi momento per non aver raggiunto gli obiettivi previsti o per non essere al livello dei lavoratori di maggior successo.

Nei posti di lavoro è sempre meglio promuovere una cultura del lavoro cooperativo.

Cultura del lavoro cooperativo, rispetto a quella competitiva

L’efficacia organizzativa non sempre risiede nella creazione di ambienti di lavoro competitivi tra i dipendenti stessi. La società e il campo degli affari sono già abbastanza ostili e complessi. Sarà sempre favorevole creare i meccanismi che modellano gli ambienti di lavoro collaborativi.

Ci sono note aziende tecnologiche che basano la loro cultura interna sulla formazione dei propri lavoratori in una mentalità cooperativa. Questo è l’unico modo per affrontare le sfide ei continui cambiamenti. Vedere nei colleghi un supporto e una figura capace di incoraggiare la creatività è un pilastro di grande valore. Lo stesso non vale se li percepisci come un avversario o una minaccia.

Attualmente ogni azienda compete con decine di organizzazioni dello stesso settore. Non creiamo le stesse dinamiche all’interno delle aziende stesse, siamo capaci di lavorare insieme, con sinergia e innovazione, per guardare insieme lo stesso orizzonte. Solo allora si raggiunge il successo.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Beersma, B., Hollenbeck, J.R., Humphrey, S.E., Moon, H., Conlon, D.E., & Ilgen, D.R. (2003). Cooperación, competencia y desempeño del equipo: hacia un enfoque de contingencia. Diario de la Academia de Administración, 46(5), 572–590. https://www.researchgate.net/publication/298973953_Cooperation_Competition_and_Team_Performance_Toward_a_Contingency_Approach
Bhawsar, P., & Chattopadhyay, U. (2015). Competitiveness: Review, Reflections and Directions. Global Business Review, 16(4), 665-679 https://www.researchgate.net/publication/280568301_Competitiveness_Review_Reflections_and_Directions
Christiansen, F.B., Loeschcke, V. (1990). Evolution and Competition. In: Wöhrmann, K., Jain, S.K. (eds) Population Biology. Springer, Berlin, Heidelberg. https://link.springer.com/chapter/10.1007/978-3-642-74474-7_13
DiMenichi, B. C., & Tricomi, E. (2015). The power of competition: Effects of social motivation on attention, sustained physical effort, and learning. Frontiers in psychology, 6, 1282. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4554955/
Friedman, H. (2013) Playing to Win: Raising Children in a Competitive Culture. #8206; University of California Press. https://books.google.co.ve/books?id=7VEXAAAAQBAJ&printsec=frontcover&hl=es#v=onepage&q&f=false
Porter, M. E. (2009). Estrategia competitiva: Técnicas para el análisis de la empresa y sus competidores. Ediciones Pirámide.
Sterud, T., Marti, A. R., & Degerud, E. (2022). The Relationship between Workplace Conflicts and Subsequent Physician-Certified Sick Leave: A Prospective Population Study. International journal of environmental research and public health, 19(10), 6047. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9140725/
Wang, H., Wang, L., & Liu, C. (2018) Employee Competitive Attitude and Competitive Behavior Promote Job-Crafting and Performance: A Two-Component Dynamic Model. Frontiers in Psychology, 9:2223. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2018.02223/full
Xie, S., Meng, X., Li, C., & Liu, D. (2023). Can trait competitiveness foster positive outcomes? The role of perceived insider status and leader competitiveness. Personality and Individual Differences, 202, 111968. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0191886922004731
Zhong, S., Shalev, I., Koh, D., Ebstein, R. P., & Chew, S. H. (2018). Competitiveness and stress. International Economic Review, 59(3), 1263-1281. https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2717459

da lista mentem gg



  Discussione Precedente Discussione n. 23982 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina