[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
17/04/2024 - 08:09:06
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 44.212.99.208 - Sid: 809677114 - Visite oggi: 14768 - Visite totali: 65.770.608

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Asimmetria cerebrale e processi psicologici
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23981 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24470 Messaggi

Inserito il - 23/05/2023 : 10:15:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Asimmetria cerebrale: come influenza i processi psicologici?

Sapevate che gli emisferi destro e sinistro del cervello presentano alcune asimmetrie anatomiche? Queste particolarità si traducono in vari processi psicologici che ci differenziano gli uni dagli altri. Scopriamo in cosa consistono.

L’asimmetria cerebrale mostra che certe funzioni, come il linguaggio, sono svolte in modo ottimale da un emisfero più che dall’altro. L’organizzazione del cervello non è la stessa nella metà sinistra e nella metà destra; ci sono sottili differenze sia anatomiche che funzionali con varie implicazioni psicologiche.

Ad esempio, il Max Planck Institute ha evidenziato in uno studio che l’asimmetria neurologica sinistra-destra può mediare l’insorgenza del disturbo dello spettro autistico (ASD) e anche della schizofrenia. Allo stesso modo, essere mancini o destrimani sarebbe condizionato da questa interessante caratteristica. Quali altri aspetti sono associati a questa caratteristica? Leggendo lo scoprirete.

Il linguaggio umano è una funzione svolta prevalentemente dall’emisfero sinistro. Tuttavia, questo è un punto che non è ancora del tutto compreso.

Cos’è l’asimmetria cerebrale?

L’asimmetria cerebrale definisce una peculiarità neurologica in cui esistono differenze strutturali e funzionali tra gli emisferi. Ciò riguarda molte aree dello sviluppo umano. Pertanto, non tutte le persone mostrano la stessa forma anatomica in questo organo. Ogni cervello umano è unico e presenta singolarità.

Fu nel 1864 quando il neurologo francese Paul Broca scoprì che questa asimmetria funzionale faceva sì che la nostra lingua si trovasse, in misura maggiore, nell’emisfero sinistro. Inoltre quei pazienti con una lesione nel lobo frontale sinistro presentavano afasia. Allo stesso modo, la lateralizzazione (essere destrorsi o mancini) sarebbe legata alle asimmetrie strutturali della corteccia cerebrale.

Curiosamente, questa particolarità non è esclusiva dell’essere umano; la maggior parte dei vertebrati lo mostra. D’altra parte, le neuroscienze evidenziano che l’asimmetria cerebrale è un’area di ricerca rilevante, perché ci consente di comprendere meglio il nostro comportamento e l’origine di alcuni problemi mentali.

In che modo l’asimmetria neurologica influisce sull’essere umano?

L’asimmetria cerebrale colpisce domini comportamentali, cognitivi e psicologici. L’impatto di questa caratteristica anatomica e funzionale è tale che, in uno studio dell’Università di Lione, in Spagna, evidenziano la necessità di promuovere la neuropsicologia come meccanismo per comprendere meglio i processi di apprendimento negli esseri umani. Vediamo, però, come questa asimmetria neurologica colpisce le persone.

Condizioni mentali come la schizofrenia rivelano una certa asimmetria cerebrale in aree che mediano l’esaurimento e la mancanza di iniziativa (apatia).

Lateralità

L’asimmetria del cervello potrebbe spiegare perché le persone sono destrimani o mancine. Sebbene sembri esserci un fattore scatenante genetico, secondo un articolo pubblicato sulla rivista PNAS , essere mancini è associato a differenze in detta asimmetria neurologica, come nel caso di alcune regioni legate al linguaggio, al controllo manuale, alla vista e al lavoro memoria.

In questo modo, mentre nei destrimani l’emisfero sinistro controlla la mano destra dominante, nei mancini è il contrario.

Disturbi mentali e asimmetria cerebrale

L’asimmetria cerebrale è una caratteristica fondamentale dell’organizzazione del sistema nervoso. Questo può creare variazioni anatomiche e alterare il funzionamento di molteplici processi neurologici. Non dovrebbe sorprendere, quindi, che questa peculiarità biologica scateni più di un problema di salute mentale. Parliamo di disturbi comuni, di seguito:

Le persone con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) mostrano anomalie nella simmetria cerebrale. Queste alterazioni mediano i problemi di attenzione.
Anche il Max Planck Institute for Psycholinguistics fornisce informazioni rilevanti in questa direzione. Le persone che si trovano nello spettro autistico (ASD) sembrano mostrare un neurosviluppo laterale alterato. Tuttavia, gli autori sottolineano la necessità di svolgere ulteriori ricerche e revisioni per giungere a conclusioni più chiare.
Lavori come quelli pubblicati su Biological Psychology evidenziano il legame tra la depressione maggiore e l’asimmetria in questione. In particolare, c’è meno attività nell’emisfero sinistro e iperattività nell’area frontale destra. Tutto ciò si traduce in un pensiero rallentato, una concentrazione mentale più rigida, una scarsa regolazione emotiva e un’elevata resistenza al cambiamento.
Indagini come quelle diffuse da Acta Psychiatrica Scandinavica forniscono dati significativi. I pazienti con schizofrenia presentano una maggiore asimmetria nella materia grigia. Questa anomalia compare già durante lo sviluppo neurologico del bambino e di solito si manifesta sotto forma di apatia; cioè con quella sorprendente mancanza di energia in questa gravissima malattia mentale.

Abbiamo un lato preferito per masticare e anche per guardare

Sembra molto curioso, ma l’asimmetria del cervello fa sì che le persone abbiano una maggiore tendenza a masticare da una parte e non dall’altra. Indagini come quelle condotte presso l’Università di Barcellona si riferiscono a questa preferenza come all’effetto della lateralizzazione e a queste particolarità nell’anatomia neurologica tra gli emisferi.

D’altra parte, sono state riscontrate predilezioni nell’uso di organi sensoriali come gli occhi, con il destro che nella maggior parte dei casi è il preferito. Se vuoi sapere qual è la tua preferenza, prova a guardare attraverso un lucchetto. Quale occhio usi automaticamente?

Le persone più creative hanno qualche asimmetria cerebrale?

Forse avrete sentito spesso che le persone più creative usano maggiormente l’emisfero destro. Sebbene la comunità scientifica veda questo dato come un neuromito, dato lo scarso supporto empirico, un’indagine dell’Università di Ginevra ha offerto una serie di argomenti che avvalorano parzialmente questa idea.

È opportuno chiarire che il pensiero creativo richiede l’utilizzo di buona parte di entrambi gli emisferi. Dopotutto, questo processo cognitivo richiede alte dosi di intuito e immaginazione, combinate con l’analisi logica, il ragionamento, la lettura, il linguaggio (questi ultimi compiti elaborati dall’emisfero sinistro).

Quello che i ricercatori hanno scoperto è che le persone più creative presentano un’asimmetria cerebrale legata alla funzionalità della dopamina. Cioè, questi individui ricevono un livello inferiore di questo neurotrasmettitore nel loro emisfero destro, che consente loro di combinare concetti remoti e originali per dare forma a idee innovative ed efficaci.

Pertanto, in qualche modo, l’idea che la creatività si trovi più nell’area destra del cervello sembra avere poche prove scientifiche. I dati sono indubbiamente entusiasmanti.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Aberg, K. C., Doell, K. C., & Schwartz, S. (2017). The “Creative Right Brain” Revisited: Individual Creativity and Associative Priming in the Right Hemisphere Relate to Hemispheric Asymmetries in Reward Brain Function. Cerebral cortex (New York, N.Y.: 1991), 27(10), 4946–4959. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27655932/
Hirnstein, M., Hugdahl, K., & Hausmann, M. (2014). How brain asymmetry relates to performance – a large-scale dichotic listening study. Frontiers in psychology, 4, 997. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3877751/
Kong, X., Postema, M., Guadalupe, T., De Kovel, C. G., Boedhoe, P. S., Hoogman, M., Mathias, S. R., Van Rooij, D., Schijven, D., Glahn, D. C., McIntosh, A. M., Jahanshad, N., Thomopoulos, S. I., Calhoun, V. D., Buitelaar, J. K., Van Erp, T. G., Franke, B., Fisher, S. E., Van Den Heuvel, O. A., . . . Francks, C. (2020). Mapping brain asymmetry in health and disease through the ENIGMA consortium. Human Brain Mapping, 43(1), 167-181 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8675409/
Kustubayeva, A., Kamzanova, A., Kudaibergenova, S., Pivkina, V., & Matthews, G. (2020). Major Depression and Brain Asymmetry in a Decision-Making Task with Negative and Positive Feedback. Symmetry, 12(12), 2118. https://www.mdpi.com/2073-8994/12/12/2118
Miletto Petrazzini, M. E., Sovrano, V. A., Vallortigara, G., & Messina, A. (2020). Brain and Behavioral Asymmetry: A Lesson From Fish. Frontiers in neuroanatomy, 14, 11. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32273841/
Postema, M., Van Rooij, D., Anagnostou, E., Arango, C., Auzias, G., Behrmann, M., Busatto, G. F., Calderoni, S., Calvo, R. M., Daly, E., Deruelle, C., Di Martino, A., Dinstein, I., Duran, F. L., Durston, S., Ecker, C., Ehrlich, S., Fair, D. A., Fedor, J., . . . Francks, C. (2019). Altered structural brain asymmetry in autism spectrum disorder in a study of 54 datasets. Nature Communications, 10(4958). https://www.nature.com/articles/s41467-019-13005-8
Núñez, C., Paipa, N., Senior, C., Coromina, M., Siddi, S., Ochoa, S., Brébion, G., & Stephan-Otto, C. (2017). Global brain asymmetry is increased in schizophrenia and related to avolition. Acta Psychiatrica Scandinavica, 135(5), 448–459. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5407086/
Rovira-Lastra, B., Flores-Orozco, E. I., Ayuso-Montero, R., Peraire, M., & Martinez-Gomis, J. (2016). Peripheral, functional and postural asymmetries related to the preferred chewing side in adults with natural dentition. Journal of Oral Rehabilitation, 43(4), 279–285. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/joor.12369
Sha, Z., Pepe, A., Schijven, D., Carrión-Castillo, A., Roe, J. M., Westerhausen, R., Joliot, M., Fisher, S. E., Crivello, F., & Francks, C. (2021). Handedness and its genetic influences are associated with structural asymmetries of the cerebral cortex in 31,864 individuals. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, 118(47), e2113095118. https://www.pnas.org/doi/10.1073/pnas.2113095118
Sha, Z., Schijven, D., & Francks, C. (2021). Patterns of brain asymmetry associated with polygenic risks for autism and schizophrenia implicate language and executive functions but not brain masculinization. Molecular Psychiatry, 26(12), 7652-7660. https://www.nature.com/articles/s41380-021-01204-z
Uribe-Gil, Lina Maria, & Conde-Guzón, Pablo Antonio. (2021). La Asimetría Cerebral, Retos para la Relación Neuropsicología y Educación. Revista Lasallista de Investigación, 18(2), 162-177. https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=8843578

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23981 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina