[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
03/06/2023 - 10:02:01
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.235.147.50 - Sid: 382399751 - Visite oggi: 1150 - Visite totali: 60.172.231

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Carl Jung e come mantenere la calma...
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23877 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24124 Messaggi

Inserito il - 20/03/2023 : 10:27:34  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Carl Jung e come mantenere la calma quando la vita e' stressante

La vita, come diceva Carl Jung, è un continuo paradosso: dall'assoluta sofferenza alla pura allegria. Ecco perché per affrontare questi alti e bassi dobbiamo abbracciare il caso che definisce la nostra esistenza. Ma come riuscirci?

Wolfgang Pauli è stato uno dei pionieri nello studio della fisica quantistica. Ha vinto il Premio Nobel per aver proposto la teoria del principio di esclusione e stabilito gli studi sul neutrino. Potremmo dire che sia stato una delle menti più brillanti del XX secolo nel campo della fisica, ma la sua vita personale ed emotiva è stata un vero caos. Per questo, nel 1932, iniziò la terapia con Carl Jung, il filosofo che ci insegna come mantenere la calma nel caos.

Quell’incontro, iniziato per motivi clinici, ha dato il via a una delle amicizie più singolari e produttive nel mondo della psicologia e della scienza. Arthur I. Miller, nel libro Deciphering the Cosmic Number ( 2009), ci racconta in dettaglio di molti di quegli incontri nella dimora gotica di Jung sulle rive del lago di Zurigo.

Una cosa per cui Carl Jung era noto era precisamente aiutare le persone a prendere sul serio il loro mondo interiore. Perché non importa quanto uno sia brillante se solo lo sconforto alberga nel suo universo interiore. Il suo obiettivo era quello di guidare i suoi pazienti e amici a capire che tutti noi possiamo uscire dagli abissi più oscuri attraverso linee guida molto specifiche…

“La vita stessa non ha regole. Questo è il suo mistero e la sua legge sconosciuta.
-Carl Jung-

Carl Jung ci ha insegnato che dobbiamo accettare il caos della vita, ma ricordando sempre chi siamo e quali sono le nostre essenze.

Come mantenere la calma quando si è sopraffatti dall’angoscia

Per indagare sui motivi per cui il premio Nobel Wolfgang Pauli chiese aiuto a Carl Jung, possiamo consultare un altro libro: Atom and Archetype: The Pauli/Jung Letters, 1932-1958. In quest’opera è raccolto lo scambio epistolare tra le due figure. Pauli aveva attraversato un periodo molto stressante che lo aveva portato a bere ea rompere molte delle sue relazioni. Soffriva anche di incubi molto turbolenti.

Carl Jung non solo lo guidò a uscire da quel baratro di sofferenza e angoscia, ma anche un fisico e uno psicologo forgiarono un’alleanza intellettuale molto produttiva. Tanto da dare forma a teorie interessanti come il concetto di sincronicità, lo studio degli eventi acausali e delle coincidenze significative.

Tuttavia, in questo caso ci interessa sapere come il padre della psicologia analitica guidava i suoi pazienti a mantenere la calma nei periodi turbolenti. Quelle in cui, a volte, emerge il peggio di noi stessi. Queste sono le chiavi che dobbiamo prendere in considerazione:

1. Accettare il caos come parte della vita

“In tutto il caos c’è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto.”
-Carl Jung-

Alcune delle nostre maggiori difficoltà come esseri umani stanno accettando gli elementi, le avversità e lo stress di tutti i giorni. Lo stesso Jung una volta osservò che “per molti di noi, me compreso, il caos è terrificante e paralizzante”. Non è facile presumere che non sempre abbiamo il controllo sul nostro futuro o che domani avrà lo stesso equilibrio di oggi.

Capiamo che l’imprevedibile e il caotico sono ingredienti dell’esistenza stessa. Resistere a queste fluttuazioni non farà che aumentare lo stress e l’ansia. Confidiamo che quei pozzi improvvisi che compaiono sul nostro cammino non siano altro che attimi puntuali, nubi temporalesche che, prima o poi, si schiariranno.

Inoltre, quando guardiamo indietro e scopriamo tutto ciò che abbiamo superato, troveremo un significato nella nostra stessa esistenza. C’è un certo ordine in mezzo a ciò che a prima vista ci sembra caotico e disordinato.

2. Prendersi cura della propria percezione quando si interpreta un evento

“Le cose dipendono da come le vediamo e non tanto da come sono in se stesse.”
-Carl Jung-

Nel libro Selected Letters di CG Jung scopriamo la corrispondenza che lo psichiatra svizzero intratteneva con i suoi pazienti. Uno di loro gli ha chiesto, metaforicamente, come “attraversare il fiume della vita“. A cui Jung ha risposto che, in realtà, non esiste un modo corretto di vivere, le persone vivono semplicemente come possiamo. Con ciò che, in ogni circostanza, ci porta il destino.

Ora, per mantenere la calma nei giorni di angoscia, ha raccomandato di prestare attenzione al modo in cui interpretiamo ogni esperienza. Ed è qui che entra in gioco il vero problema.

Perché molti di noi navigano quel fiume vitale con zone non sanate e represse. Quando ci lasciamo trasportare dall’inerzia dei nostri impulsi e dalla nostra ombra, la vita si riempie di ostacoli maggiori. Anneghiamo nelle acque di giorno in giorno…

Abbiamo bisogno di mettere luce nella nostra ombra -come direbbe Jung-, per ritrovare fiducia in noi stessi e percepire così le cose come sono e non attraverso la lente della paura.

3. Non lasciarsi trasportare, ricordare chi vogliamo essere

“Non sono quello che mi è successo, sono quello che scelgo di essere.”
-Carl Jung-

Per restare sereni in giorni di instabilità e pressioni infinite, guardiamoci dentro e non tanto a ciò che ci circonda. È lì dove risiedono tutte le verità, lì dove dormono le nostre forze. Come ha scritto Jung in una delle sue lettere, “se vuoi seguire il tuo percorso individuale, ricorda che non è mai prescritto e che sorge da solo quando metti un piede davanti all’altro”.

L’individuazione è un concetto chiave in Jung; definisce la capacità di costruire una psiche forte e indipendente, scoprendo chi siamo ed essendo esseri creativi. Questo è un altro obiettivo su cui dobbiamo lavorare ogni volta che facciamo un altro passo. Siamo ciò che facciamo quotidianamente e non ciò che eravamo in passato.

Teniamo presente che siamo creature autocoscienti con un grande potenziale, che devono ricordare le loro essenze per mantenere la calma quando tutto sembra andare per il verso sbagliato.

L’immaginazione attiva può essere esercitata attraverso la meditazione, la scrittura, la danza, la musica, ecc.

4. Immaginazione attiva per ridurre l’ansia e mantenere la calma
«La creazione di qualcosa di nuovo non è compiuta dall’intelletto, ma dall’istinto del gioco che agisce per necessità interiore. La mente creativa gioca con gli oggetti che ama.
-Carl Gustav Jung-

Carl Jung ha sottolineato che la nevrosi scomparirebbe se sviluppassimo una personalità più ampia e più libera. Diventiamo così ossessionati dall’adattamento, dalla ricerca di reputazione e accettazione che una parte di noi finisce per ammalarsi. Dobbiamo dare ossigeno alla mente, renderla più flessibile, che a sua volta ci permetterà di avere prospettive più ampie.

Per questo Jung ha coniato il termine immaginazione attiva per entrare in contatto con un sé più spontaneo, giocoso e soprattutto creativo. Attività come l’arte in tutte le sue forme, così come la mediazione, sono pratiche che lo psichiatra svizzero raccomandava. Non riducono solo lo stress. Ci permettono di scoprire nuove trame psicologiche di se stessi.

Per concludere, se stiamo attraversando momenti dominati da disagio e stress, queste risorse di riflessione possono esserci utili. L’eredità di Carl Jung non passa mai di moda.

Bibliografia

Dunne, Claire (2012). Carl Jung. Psiquiatra pionero, artesano del alma. Biografía ilustrada con fragmentos de sus escritos, cartas y pintura. Barcelona: Editorial Blume
Hannah, Barbara (2019). Jung. Vida y obra. Una memoria biográfica Barcelona. Editorial Escola de Vida.
Jung, Carl (2014) Atom and Archetype: The Pauli/Jung Letters, 1932-1958. Princeton University Press.
Jung, Carl (2014) Selected Letters of C.G. Jung, 1909-1961 (Bollingen Series, 184) Princeton University Press.
Miller, I. Arthur (2009) Deciphering the Cosmic Number: The Strange Friendship of Wolfgang Pauli and Carl Jung. W. W. Norton & Company
Kaswin Bonnefond, Danielle (2006). Carl Gustav Jung. Madrid: Editorial Biblioteca Nueva.

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23877 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2023 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina