[AmadeuX BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
27/02/2024 - 14:56:36
    [AmadeuX BiblioForum]                                     Ip: 18.207.129.175 - Sid: 753723468 - Visite oggi: 4334 - Visite totali: 64.811.180

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 ALTREVISTE BiblioForum
 Prometeo: progresso e transumanesimo
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23872 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


24421 Messaggi

Inserito il - 17/03/2023 : 10:15:00  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Prometeo: progresso e transumanesimo

Il mito di Prometeo è prezioso per comprendere il nostro rapporto con la natura e con il progresso. A seguire, scopriamo l'importanza simbolica di questo racconto oggigiorno.

La storia di Prometeo è una delle storie più importanti della mitologia greca. Famoso per aver rubato il fuoco agli dei per darlo agli umani, Prometeo è stato percepito nel corso dei secoli come il dio del progresso. Attualmente, il mito può aiutarci a riflettere sul transumanesimo.

Le storie antiche hanno la particolarità di cogliere nella loro semplicità tematiche che si nascondono dietro la complessità storica dei nostri tempi. Grazie alla loro natura profonda, i miti ci mettono di fronte ad alcuni interrogativi, fornendoci preziose riflessioni su questioni contemporanee.

Prometeo viene punito per aver dato fuoco agli umani.

Prometeo: il dio del progresso

Il mito di Prometeo allude a un elemento fondamentale della storia umana: lo sviluppo della tecnica, rappresentato nel dominio del fuoco. La scoperta e la gestione del fuoco è stata la pietra miliare più importante della preistoria. Il fuoco ha accompagnato attivamente lo sviluppo della tecnologia e della civiltà. Serviva per indurire utensili in ceramica, forgiare armi da guerra e strumenti di lavoro, e fungeva anche da collegamento tra gli dei e gli esseri umani attraverso i rituali.

Prometeo rappresenta la cornice simbolica di tutta la creazione culturale. Il suo nome è composto dal prefisso “pro-“, che si riferisce a ciò che è “prima” e dalla radice del verbo mantháno, comunemente tradotto come “imparare” o “conoscere”. Vale a dire, Prometeo è colui che viene a sapere qualcosa prima degli altri, un dio provvidente che è sempre un passo avanti rispetto agli eventi. Il suo gemello complementare, Epimeteo, invece, è quello che è sempre in ritardo, che pensa dopo aver agito, rappresentato dalla goffaggine e dalla mancanza di logica.

Ci sono varie interpretazioni riguardo al mito di Prometeo. Nel corso della storia, alcuni lo hanno visto come uno che corrompe l’ordine naturale e altri come un dio eroico che dà potere agli esseri umani, liberandoli dalle inclemenze della natura.

La visione pessimistica del progresso

Esiodo fu uno dei primi poeti a scrivere la storia di Prometeo. Lungi dall’eroizzare la figura di Prometeo, la versione di Esiodo sottolinea la trasgressione che commette contro gli dei.

Zeus punisce Prometeo e tutta l’umanità nel suo insieme con un’infinita varietà di mali. Per Esiodo, Prometeo sconvolge l’ordine cosmico e serve a spiegare lo squilibrio e i mali del mondo. Il progresso è visto come sinonimo di declino dell’essere umano.

Potremmo dire che questa versione è conservatrice, poiché cerca di sostenere l’ordine stabilito e disapprova qualsiasi sfida all’autorità. In generale, le visioni che si manifestano contro il progresso si basano sull’argomento che in passato esisteva un ordine cosmico che si è gradualmente deteriorato con l’avanzare della civiltà.

Tuttavia, esiste un’interpretazione più vicina alla nostra epoca e che vale la pena tenere in considerazione: il progresso sfrenato dell’attività industriale rompe l’equilibrio naturale dell’ambiente, attirando ogni sorta di disgrazia sull’umanità. I disastri ecologici generatisi nel secolo scorso dimostrano che l’ingenua fiducia nel progresso ha i suoi chiaroscuri, e che ciò che è nuovo non è sempre sinonimo di meglio.

La visione ottimistica del progresso

Altri autori, come Eschilo, hanno visto Prometeo come un benefattore dell’umanità. Gli esseri umani non solo godono del fuoco grazie ad esso, ma anche dei più svariati benefici. Prometeo appare come il fondatore della civiltà, come colui che ha dato la tecnica di tutte le arti, compresa la costruzione delle case, la conoscenza dell’agricoltura, e persino la scrittura e la matematica.

Lo stesso accade in Platone, dove Epimeteo distribuisce a tutti gli esseri viventi le qualità che serviranno loro per la loro sopravvivenza sulla Terra. Quando è arrivato il momento degli esseri umani, ha avvertito di aver esaurito tutte le sue capacità, lasciando questi “nudi, scalzi e senza coperture né armi”. Per questo Prometeo ruba fuoco e saggezza per consegnarli alle creature indifese e dimenticate, che utilizzeranno la tecnica per procurarsi scarpe, vestiti e cibo.

Quest’ultima versione ha una svolta diversa dalle altre: Prometeo non è punito per la sua trasgressione. Invece, Zeus vede che gli umani avevano la tecnologia, ma non possedevano l’arte della politica e si attaccavano a vicenda. Per questo invia Ermes a distribuire a tutti equamente il senso morale e la giustizia. In questo modo rese possibile la vita tranquilla nelle città e i vincoli di amicizia.

Prometeo e il transumanesimo

Il transumanesimo è una corrente filosofica attuale che vede l’essere umano come qualcosa da trascendere. Ciò può avvenire attraverso implementazioni biotecnologiche, modificazioni genetiche, impianti robotici o qualsiasi tipo di tecnologia che conferisce all’uomo caratteristiche che non sono date dal corso naturale della vita e dell’evoluzione.

Per il transumanesimo, la ricerca di trascendere la condizione umana è, paradossalmente, ciò che ci caratterizza come specie. Il biofisico e transumanista Gregory Stock utilizza la figura di Prometeo per dichiarare che l’atto di rubare il fuoco agli dei è tipico dell'”essere umano”. Per lui, le modifiche biotecnologiche per migliorare la nostra condizione naturale sono inevitabili e desiderabili.

In questo senso Prometeo si presenta come un eroe trasgressivo che ci libera dai limiti naturali. Tuttavia, vale la pena chiedersi se i miglioramenti tecnici siano sufficienti/necessari per il nostro successo e la nostra sopravvivenza. Il progresso tecnologico, l’eradicazione delle malattie, l’allungamento dell’aspettativa di vita e il superamento di tutto ciò che è un ostacolo naturale sono sufficienti perché le società vivano felici?

Il transumanesimo propone di trascendere la vita umana attraverso la tecnologia.

Il solo progresso è sufficiente?

Certamente, i miglioramenti nella qualità della vita massimizzano i benefici. Ma questi miglioramenti sembrano vani, inconsistenti, senza un ordine sociale che garantisca prosperità e pace tra gli esseri umani. Il raggiungimento di un senso morale che legittima l’uguaglianza dei diritti, come Platone seppe mostrare nel mito prometeico, non si ottiene attraverso il mero progresso tecnologico.

La fiducia che il progresso porterà necessariamente al miglioramento dell’umanità può sembrare ingenua. C’è una grande varietà di fattori che rendono possibile il benessere. Le posizioni transumaniste che confidano ciecamente nello sviluppo biotecnologico perdono di vista la dimensione sociale dell’essere umano.

Come ha ben sottolineato Platone, abbiamo bisogno di un senso civico e morale che funga da guida per le nostre azioni, che mantenga la pace e ci impedisca di combattere i nostri simili.

Bibliografia

Esquilo; Tragedias, Editorial Gredos, Madrid, 1993.
García Pérez, D.; “Prometeo: tradición y progreso” en Noua tellus, 24·2, 2006.
Hauskeller, M.; “Prometheus unbound: Transhumanist arguments from (human) nature” en Ethical Perspectives, marzo 2009. DOI: 10.2143/EP.16.1.0000000
Hesiodo; Obras y fragmentos, Editorial Gredos, Madrid, 1978.
Platón; “Protágoras” en Diálogos I, Gredos, 1985.
Stock, G.; Redesigning humans, our inevitable genetic future, Houghton Mifflin company,Boston, 2002.

https://bit.ly/3YT2ge0

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23872 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[AmadeuX BiblioForum] © 2001-2024 AmadeuX MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina