[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
06/02/2023 - 16:29:37
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 44.211.239.1 - Sid: 1060442849 - Visite oggi: 16716 - Visite totali: 58.187.716

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Luoghi comuni sul lavoro che minacciano cervello
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23777 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23927 Messaggi

Inserito il - 24/01/2023 : 10:13:28  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Luoghi comuni sul lavoro che minacciano il nostro cervello

Magari il multitasking vi suona familiare, così come le maratone che sono le giornate lavorative. Eppure, queste tendenze non fanno poi troppo bene al cervello.

Viviamo in una società che a livello lavorativo deve essere permanentemente produttiva e, se possibile, di successo. A questo dobbiamo aggiungere la pretesa di essere costantemente empatici e di fare le cose bene e secondo elevati standard interni o, che è lo stesso, di essere perfetti. Oggi proveremo a sfatare alcuni miti e luoghi comuni sul lavoro.

La ricerca della perfezione implica orientarsi verso obiettivi che, per definizione, sono irraggiungibili. Tuttavia, la perfezione sul posto di lavoro è lungi dall’esistere, perché come ogni atto umano ha i suoi limiti.

Cercare di raggiungere la perfezione sul lavoro può significare sentirsi sotto pressione o far fatica a rallentare. Può anche farci essere più critici nei confronti di noi stessi e degli altri. Questo, quando lavoriamo, ci fa valutare il risultato del lavoro come meno piacevole e il nostro senso di realizzazione diminuisce.

Il problema prende forma quando vogliamo essere più produttivi senza tener conto della nostra salute. A questo proposito, organizzare il nostro spazio di lavoro come un ecosistema che ci permetta di pensare meglio aumenterà il nostro benessere. Tuttavia, è importante bandire certi miti e credenze sul lavoro in modo che non diventi un inferno.

Il multitasking peggiora la produttività perché divide la nostra capacità di attenzione.

Luoghi comuni sul lavoro che minacciano la salute del cervello

La società di consulenza Steelcase ha raccolto prove scientifiche basate sugli ultimi progressi delle neuroscienze. Per Steelcase, lo spazio di lavoro potrebbe essere riorganizzato e adattato allo stato mentale del lavoratore al fine di promuovere il benessere.

Tuttavia, prima di riorganizzare il posto di lavoro, è necessario identificare quei miti che ci accompagnano quotidianamente e che danneggiano la nostra salute cerebrale. Sono i prossimi.

1. L’attenzione è altrettanto efficace nella prima o nell’ultima riga

L’attenzione dipende dalla capacità dello stimolo sensoriale di catturarla. Alcuni fattori, come la vicinanza allo stimolo, influenzano la capacità di questi di attrarre la nostra attenzione. A questo proposito, aspetti come:

Prossimità con altre persone.
Essere in grado di avviare conversazioni.
Concentra lo sguardo sui loro volti e labbra.
Essere in grado di leggere e parlare senza sforzo.

“Per creare nuove idee, dobbiamo lavorare in spazi in cui le persone possano sentire bene, avere un contatto visivo tra loro e vedere facilmente la documentazione condivisa”.
-Cassa di acciaio-

2. La concentrazione è migliore quando non c’è movimento

Lo statalismo è definito come lo svolgimento di un’attività lavorativa in assenza di movimento. La stasi è uno dei principali fattori di rischio per il sovraccarico sia fisico che mentale, un fatto che è stato verificato in diverse ricerche.

Al contrario, il movimento stimola l’apprendimento, la memoria e il pensiero concettuale.

“Il movimento fa sì che il nostro cervello produca più BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello).”
-Cassa di acciaio-

3. Luoghi comuni sul lavoro: solo le persone con un’elevata creatività possono disegnare

Pensiamo grazie al linguaggio, ma anche grazie alle forme: disegniamo ciò che stiamo pensando e creiamo piccole vignette delle situazioni che stiamo vivendo.

Di conseguenza, trasferire questo al lavoro può essere vantaggioso perché stiamo dando al cervello un cavo per riorganizzare le informazioni in un formato visivo. Pertanto, l’uso di strumenti digitali e analogici per visualizzare le informazioni favorisce migliori livelli di concentrazione.

4. La produttività aumenta se rispondiamo alle e-mail durante una riunione

Il cervello si comporta male con il multitasking. Fare più di una cosa alla volta implica che le nostre risorse attenzionali diminuiscano perché ogni attività consumerà una grande percentuale della nostra capacità totale.

Un’alternativa potrebbe essere quella di creare spazi di lavoro che tengano lontane le distrazioni. In questo modo l’attenzione sarà focalizzata su un unico compito e sarà più facile concentrarsi.

5. Il cervello si distrae facilmente, qualunque cosa facciamo

Essere consapevoli di ciò che facciamo implica portare la nostra attenzione e la nostra mente su ciò che stiamo facendo nel momento presente: nel qui e ora. Esistono tecniche, come la consapevolezza, che si sono dimostrate efficaci quando si tratta di allenare la consapevolezza nel momento presente.

Anche se la mente può trovare mille ragioni per distrarsi, se la alleniamo a concentrarsi sul momento presente, sarà più facile.

6. Luoghi comuni sul lavoro: lavorare di più equivale a produrre di più

Probabilmente, a un certo punto, tutti abbiamo sperimentato di fare di più con meno tempo. Ed è che la produttività è lungi dall’essere così correlata al tempo che investiamo, come pensavamo.

Come sappiamo, la nostra capacità di attenzione è limitata. Se lasciamo intervalli di riposo temporanei tra le diverse attività, il rilassamento agirà come benzina dell’attenzione e aumenterà il nostro benessere.

Dopo 45 minuti, la concentrazione di solito diminuisce. Pertanto, è consigliabile fare delle pause durante la giornata, soprattutto dopo periodi di concentrazione.

Lavorare più ore non è sinonimo di produrre di più, poiché la nostra capacità di attenzione e concentrazione è limitata.

7. Non dovreste dormire così tanto?

Il sonno è un bisogno fondamentale ed essenziale dell’essere umano. Così essenziale che ci sono alcune malattie, come l’insonnia familiare letale, che impediscono il sonno e di conseguenza i pazienti muoiono.

Inoltre, il sonno è essenziale per l’apprendimento, perché aiuta a trasferire le informazioni che abbiamo acquisito e conserviamo nella nostra memoria a breve termine, nella grande memoria a lungo termine. Dormire per ricordare non è mai stato così reale.

Pertanto, creare spazi o stanze in cui i lavoratori possano riposare per rinfrescarsi il cervello può essere una buona opzione. Avere la possibilità di fermarsi e poi riconnettersi può essere molto vantaggioso, poiché ci fa avere una prospettiva migliore delle azioni che compiamo.

Bibliografia

Del Campo Balsa, T., Colas Jiménez, V., Cuesta Villa, L., Díaz García, J. A., & Florido Díaz, F. J. (2015). Guía práctica de salud laboral para la valoración de (Doctoral dissertation, Escuela Nacional de Medicina del Trabajo).
Sáenz, M. (2016, 5 febrero). Los siete mitos sobre el trabajo que perjudican nuestro cerebro. ORH | Observatorio de Recursos Humanos.

http://up-rid2.up.ac.pa:8080/xmlui/handle/123456789/2517

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23777 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2023 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina