[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
05/12/2022 - 16:50:04
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 34.231.21.105 - Sid: 741392449 - Visite oggi: 8439 - Visite totali: 56.926.505

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Ho una relazione che non mi convince: perche'?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23662 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23816 Messaggi

Inserito il - 21/11/2022 : 10:06:34  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ho una relazione che non mi convince: perche'?

Dipendenza, paura della solitudine, bassa autostima... Queste sono alcune delle possibili cause che rispondono a una domanda che forse vi siete posti: "perché ho una relazione che non mi convince?"

“Ho una relazione che non mi convince “. Lo sentite e non sapete davvero perché vi succede? Se è così, forse questo articolo vi aiuterà a scomporre le possibili cause che spiegherebbero perché continuate a vivere una relazione in cui, in fondo, non state bene.

La verità è che quando stabiliamo legami con le persone, possono insorgere paure, dubbi, ferite che non guariscono… Ed è a questo incrocio che smettiamo di essere un “io” per diventare un “io in relazione a”. Almeno in questo ambito.

In questo contesto, è normale chiedersi perché ci relazioniamo in un certo modo, e non in un altro, o perché continuiamo nonostante la sofferenza o il malessere. Quindi cosa c’è dietro tutto questo?

Perché ho una relazione che non mi convince?

Se vi state ponendo questa domanda, vi invitiamo a riflettere sulle possibili cause di questa situazione che possono aiutarvi a capire meglio e prendere in carico la vostra vita per ritrovare il benessere.

1. Paura della solitudine

Uno dei motivi principali per cui siamo in una relazione che non ci convince è la paura della solitudine. “Siccome non voglio stare da solo, sto con qualcuno, anche se non è del tutto giusto.”

La paura della solitudine influisce sul nostro benessere soggettivo, secondo uno studio (2021) di Patricia L. Figueroa in cui è stata analizzata la relazione tra questi costrutti in un gruppo di studenti universitari.

Questa paura della solitudine può avere origini molto diverse; per esempio, nel fatto che non siamo mai stati soli (e siamo sempre saltati da una relazione all’altra), o che ci leghiamo attraverso uno schema di dipendenza, nel fatto che abbiamo una bassa autostima e che abbiamo “paura” di stare con noi stessi…

Qualunque sia la ragione di questa paura della solitudine, ciò che è chiaro è che le relazioni dovrebbero essere basate sull’amore (l’amore di coppia e l’amor proprio), e non sul “bisogno di”. Anche se non è facile, è qualcosa su cui si può lavorare in terapia, per esempio.

Ho una relazione per timore della solitudine: cosa fare?

Allora come affrontare questa paura della solitudine? Secondo Marcela Lagarde, per affrontare la paura della solitudine, “dobbiamo riparare la desolazione e l’unica riparazione possibile è mettere al centro noi stessi e trasformare la solitudine in uno stato di benessere per la persona”.

“L’accettazione sociale, il sentirsi amati, ha così tanto potere perché tiene a bada i sentimenti di solitudine.”
-Rollo May-

2. Dipendenza emotiva

Legata al punto precedente, anche la risposta al perché ho una relazione che non mi convince può avere origine nella dipendenza affettiva. Questo può essere definito come “una serie di comportamenti di dipendenza che si verificano in una relazione interpersonale in cui c’è un’asimmetria nel ruolo che ogni persona assume”.

Quando soffriamo di dipendenza emotiva, siamo legati per necessità, e non (o non solo) per amore.

Quando siamo emotivamente dipendenti, siamo in relazioni che non ci soddisfano, ma che ci “agganciano”, vuoi perché non vogliamo o non sappiamo stare da soli, perché sentiamo di aver bisogno dell’altro per stare bene, vuoi perché è semplicemente lo schema che abbiamo imparato nelle nostre vite nelle relazioni precedenti.

Cosa succede? Che ci leghiamo l’un l’altro come se ci completassimo e non come se ci arricchissimo l’un l’altro. Questo è pericoloso perché ci fa sopportare situazioni che ci danneggiano e ci fanno sentire incapaci di fermare o cambiare la nostra realtà (ciò che è noto come impotenza appresa).

“Saprai di essere veramente amato quando sarai te stesso senza paura di essere ferito.”
-Walter Riso-

3. Ho una relazione che non mi convince per abitudine

“Meglio un uovo oggi che una gallina domani.” Questa frase vi suona familiare? Forse state facendo ciò che predica il proverbio senza rendervene conto. Ed è così, potreste esservi abituati a quel rapporto di coppia che, sebbene non vi convinca, “tutto sommato va bene”.

E in questa assuefazione, ci siamo abituati a ciò che il nostro partner ci offre; routine, compagnia, supporto… Abbiamo già superato la fase dell’innamoramento, e forse anche la fase dell’amore, ma ora abbiamo affetto, anche se “niente” di più. Ed è per questo che si continua, in modalità automatica, forse anche per paura del cambiamento.

Ho una relazione che non mi convince: cosa fare?

La prima e più importante cosa è prenderne coscienza. Prendersi del tempo per pensare: è questa la relazione che voglio davvero? E ponetevi anche altre domande, in un processo di introspezione, come:

Sono felice in questa relazione? Perché sono ancora in questa relazione?
Da quanto tempo mi sento così? Cosa mi impedisce di porre fine alla relazione?
Vale la pena continuare? Sotto quali aspetti?
Come cambierebbe la mia vita se chiudessi questa relazione? Sento di amare quella persona, o meglio, di aver bisogno che sia felice? (sono cose molto diverse)

Si tratta di riflettere su voi stessi e connettervi a ciò che volete veramente. Questo processo non è facile e spesso richiede un accompagnamento terapeutico. L’obiettivo è scoprire cosa vogliamo veramente e perché ci troviamo in una situazione che non ci convince. E se lo sentite davvero e pensate “ho una relazione che non mi convince”, se avete già preso la decisione di cambiare la vostra situazione, allora è tempo di considerare le opzioni.

Può essere utile parlarne con il partner, negoziare le basi della relazione, esprimere come ci sentiamo, cosa vogliamo, ecc. Considerare se vogliamo continuare, ma con altre “regole”, o se vogliamo chiudere definitivamente. Una volta eseguiti questi passaggi, si tratta di definire il piano d’azione.

Chiedetevi: di cosa ho bisogno in una relazione?

Un altro esercizio che potreste fare è chiedervi cosa ritenete essenziale in una relazione. Potreste fare un elenco con le “condizioni” o i requisiti che ritenete essere essenziali per iniziare o mantenere una relazione.

Ad esempio: impegno, lealtà, sincerità, passione, onestà, un progetto comune… Quindi, valutate se questi elementi sono soddisfatti o meno dalla vostra relazione attuale. Questo esercizio può anche aiutarvi a riadattare le aspettative che riponete nelle relazioni, a chiedervi se sono cambiate o meno, ecc., di fronte a un nuovo potenziale partner.

Bibliografia

Figueroa, P.L. (2021). Miedo a la soledad, bienestar subjetivo y funcionalidad familiar en estudiantes de una universidad privada.
Lagarde, M. (2006). La soledad y la desolación. Centro evangélico de estudios pastorales en centro américa.

https://repositorio.ucv.edu.pe/handle/20.500.12692/81159

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23662 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2023 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina