[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
04/07/2022 - 07:29:50
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.215.79.204 - Sid: 178020650 - Visite oggi: 17555 - Visite totali: 55.020.048

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 La compassione verso se tessi: 4 ostacoli
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23310 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23493 Messaggi

Inserito il - 01/06/2022 : 09:25:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La compassione verso se tessi: 4 ostacoli

Essere gentili con noi stessi migliora il nostro umore e ci dà motivazione e creatività per risolvere qualsiasi problema. Tuttavia, alcune persone rifiutano questa idea. Come mai?

Provare compassione verso stessi è raro, anche perché per molto tempo al termine è stata data una connotazione negativa. È stato associato a lamentele, dolore, pietà e passività, tra gli altri aspetti. Tuttavia, non è così.

Uno dei motivi per cui non siamo compassionevoli con noi stessi è che, in linea di principio, è un atteggiamento che assumiamo con gli altri. Da un punto di vista etimologico, il termine deriva dal latino cumpassio, che significa ‘soffrire insieme’. Va oltre l’empatia: è entrare in sintonia con l’altro e soffrire insieme.

Quando questo termine non è applicato agli altri, ma a se stessi, significa simpatizzare con il proprio dolore. Non per metterlo a tacere, in discussione o mascherarlo, ma per accoglierlo in modo positivo, con un senso di cura di sé e di autoprotezione.

Tuttavia, diversi fattori impediscono di provare compassione verso se stessi. Li presentiamo nelle righe che seguono.

“La compassione può essere definita come la capacità di riconoscere la sofferenza propria e altrui, e fare il possibile per prevenirla o alleviarla nel migliore dei modi”.
-P. Gilbert-

Fattori che impediscono di provare compassione verso se stessi

1. Confondere la compassione con la pietà

È comune confondere l’essere compassionevoli con la pietà o il vittimismo. Sebbene condividano la stessa radice, ciò che differenzia l’uno dall’altro è l’azione coinvolta.

Quando ci dispiace per noi stessi, quello che facciamo è riconoscere una sofferenza e viverla. In altre parole, rilevare una ferita ed essere consapevoli della sua presenza. L’ideale è farla vedere e riconoscere anche agli altri.

Si va oltre quando si prova compassione verso se stessi, poiché non si tratta solo di riconoscere la propria ferita o dolore, ma anche di capirli e guarirli in modo amorevole. Un esercizio di rispetto e di cura di sé, non un’esaltazione della sofferenza.

2. Non sapere come essere compassionevoli verso se stessi

Uno dei principali ostacoli per coltivare la compassione verso se stessi è che molte volte non si sa come fare. A livello teorico, possiamo capire cosa significhi simpatizzare con il proprio dolore, ma non è sempre facile tradurlo nella pratica quotidiana.

È necessario conoscersi e sensibilizzarsi prima di essere compassionevoli. Solo così è possibile individuare la presenza del dolore o della sofferenza e percepirne l’intensità. Prendersi cura di sé significa non esporsi o limitare l’esposizione a ciò che ci ferisce. Ridurre anche le richieste personali nei momenti in cui si è vulnerabili.

Molte volte il modo migliore per essere compassionevoli verso se stessi è permettersi di chiedere aiuto. Ci sono situazioni che, per un motivo o per l’altro, non possiamo risolvere individualmente. Chiedere e accettare la mano degli altri è anche un modo per mostrare solidarietà al nostro dolore.

3. Pensare che trattarsi male renda più forti

Uno dei grandi ostacoli nell’esercizio dell’auto-compassione. C’è un’errata convinzione che si è forti quando si resiste agli attacchi senza sussultare, come se fossimo querce.

Il percorso della desensibilizzazione può proteggerci dalla sofferenza in una certa misura. Non ci rende immuni a esso, ma crea una certa resistenza che attenua i danni. Il problema è che ciò porta anche all’indolenza e impedisce di vivere a pieno.

L’insensibilità non è forza. La vera forza risiede nella capacità di rimanere in contatto con la nostra essenza e in pace grazie a essa. Essere compassionevoli verso se stessi rende forti perché aiuta a capire meglio se stessi e ad adottare la posizione più accurata in ogni circostanza.

4. Non coltivare la compassione verso se stessi per paura di essere egoisti

Un’altra convinzione errata è quella che induce a confondere la compassione e l’egoismo. L’idea che concentrarsi troppo su noi stessi sia un affronto contro gli altri è ampiamente condivisa. Non ci sono persone che stanno peggio di noi? Cosa direbbero se ci vedessero dare tanta importanza alla nostra sofferenza?

La verità è che è molto difficile essere compassionevoli verso gli altri se prima non lo si è verso se stessi. Uno è strettamente legato all’altro. Ciascuno ritrova in sé l’umanità, attraverso il cammino della sensibilità e della comprensione.

Conclusioni

Se riusciamo a essere compassionevoli con noi stessi, riduciamo la sterile autocritica, aumentiamo la fiducia in noi e rafforziamo persino il sistema immunitario.

Diventiamo anche più comprensivi e solidali con gli altri. Insomma, questa sana abitudine ci rende persone migliori.

Bibliografia

Araya, C., & Moncada, L. (2016). Auto-compasión: origen, concepto y evidencias preliminares. Revista Argentina de Clínica Psicológica, 25(1), 67-78.
Arrebola-Domínguez, M. (2018). La autocompasión.
Estupiñan Sanfeliú, A., Pérez Prieto, J. A., & Rios Fino, L. M. (2019). Revisión sistemática de literatura de las intervenciones en y con Auto-compasión de 2016 a 2019.
Galve, J. J. G. (2012). Revisión del concepto psicológico de la autocompasión. Medicina naturista, 6(1), 5-7.

https://tauja.ujaen.es/handle/10953.1/8537

da lista mentem gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23310 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2022 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina