[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
21/05/2022 - 15:04:26
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 34.204.174.110 - Sid: 5031773 - Visite oggi: 12171 - Visite totali: 54.153.707

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Pensare troppo: 8 segnali da considerare
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23260 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23413 Messaggi

Inserito il - 09/05/2022 : 10:26:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Pensare troppo: 8 segnali

Pensare troppo si ripercuote su corpo e mente. Spesso non siamo consapevoli di questa malsana abitudine, motivo per cui è importante imparare a rilevarla.

Pensiamo tutto il tempo, durante ogni attività che svolgiamo. Il contenuto dei pensieri può disturbarci se la loro presenza costante, chiedendoci fino a che punto è normale che ci perseguitino, come se fossero la nostra ombra. In che modo nuoce alla salute l’abitudine di pensare troppo?

Quando la voce interiore si fa insistente, può diventare inquietante al punto da causare disagio. Nelle righe che seguono spieghiamo in che modo la mente umana produce i pensieri e i segnali che ci indicano che stanno per prendere il controllo della nostra vita mentale; ciò potrebbe danneggiarci a più livelli.

Come pensiamo?

Il modo in cui pensiamo influenza emozioni, stato d’animo e comportamenti. I pensieri sono i contenuti dei processi che avvengono nel cervello, i quali possono essere volontari o involontari.

Sono idee, credenze e ricordi che interagiscono tra loro, il cui contenuto può essere positivo o negativo, aumentando a volte l’attività cerebrale, con un conseguente consumo di energia e logorio.

Ciò può causare rimuginio, preoccupazione oppure ossessione. Il rimuginio produce pensieri ripetitivi sui problemi, il passato e i fallimenti; rappresenta in molti un ostacolo all’adozione di una soluzione.

Da parte sua, la preoccupazione si riferisce a una catena di pensieri negativi nel tentativo di fornire una soluzione mentale in relazione a paura, eventi futuri e possibili minacce.

D’altro canto, i pensieri ossessivi sorgono in modo invadente e generano disagio quando la persona dà essi la natura della realtà.

Sebbene si tratti di pensieri diversi tra loro, hanno tutti il potere di vincolarci agli aspetti negativi di ogni scenario, generando difficoltà a livello personale, soprattutto nella capacità di concentrazione. Pensare troppo, pertanto, può causare manifestazioni indesiderabili come rimuginazione, preoccupazione e ossessione.

Rilevare l’abitudine di pensare troppo

Risulta importante capire se non abbiamo più il controllo dei nostri pensieri, in modo da prevenire disturbi emotivi. Tra i principali segnali troviamo:

Costanti pensieri negativi su se stessi, sul mondo o sugli altri, che compaiono in fretta e automaticamente.
I pensieri non si fermano nemmeno per un po’ ed è impossibile accantonare le preoccupazioni.
Immaginare sempre il peggio.
Esaminare ossessivamente i problemi e pensare troppo alle situazioni anche più semplici.
Rivivere con frequenza le conversazioni passate.
Non smettere di pensare a problemi passati o possibili fallimenti.
I pensieri sono percepiti come un carico pesante e generano una sensazione di stanchezza o impazienza.
Difficoltà ad addormentarsi, insonnia o svegliarsi di notte a causa di pensieri vari.

Quando pensiamo troppo, cadiamo in un circolo vizioso che genera ulteriore disagio, poiché riviviamo all’infinito certe situazioni, le loro cause e anche le loro conseguenze.

Concentriamo la nostra attenzione a quello che va storto, il che ci impedisce di distinguere tra situazioni sotto il nostro controllo o meno.

Pensare troppo nuoce alla salute

L’abitudine di pensare troppo indica spesso difficoltà nel risolvere i problemi; non affrontandoli, non agendo, difficilmente saranno risolti e ciò ci obbligherà a un inutile consumo di energia mentale.

È consigliabile identificare in tempo i segnali elencati, poiché pensieri negativi ripetitivi possono essere all’origine di diversi disturbi psicologici, tra cui ansia o disturbi dell’umore. Non sempre, tuttavia, è così; in ogni caso conviene rivolgersi a un esperto.

Conclusioni

Tutti noi pensiamo ai problemi o alle situazioni più difficili, il problema si manifesta quando rimuginiamo o ci preoccupiamo di continuo e in modo eccessivo, anche quando la situazione è già risolta.

Lo stesso vale quando ci ossessioniamo con un argomento irrilevante, che non rappresenta un pericolo per noi; anche quando esaminiamo la realtà, non troviamo ragioni oggettive per la preoccupazione che nutriamo, eppure non riusciamo a trovare pace.

Bibliografia

González, M., Ibáñez, I., Barrera, A. (2017) Rumiación, preocupación y orientación negativa al problema: procesos transdiagnósticos de los trastornos de ansiedad, de la conducta alimentaria y del estado de ánimo. Acta colombiana de psicología 20 (2), 30-41
Guías de autoayuda. Aprenda a controlar sus pensamientos ansiosos. Servicio Andaluz de salud.
Resnik, P. Mi cabeza no para. Qué es el trastorno de ansiedad generalizada. Ediciones B. Penguin random house, grupo editorial.

https://www.wikihow.it/Smettere-di-Preoccuparsi-e-Iniziare-a-Vivere

da lista mente gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23260 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2022 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina