[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
26/01/2022 - 15:50:23
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 54.173.214.227 - Sid: 1071387549 - Visite oggi: 14348 - Visite totali: 52.282.504

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Condizionamento classico e operante
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 23045 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23200 Messaggi

Inserito il - 12/01/2022 : 10:03:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Condizionamento classico e operante

Il condizionamento classico e quello operante sono le due principali forme di apprendimento associativo. In questo articolo esamineremo il meccanismo su cui si basano entrambe le proposte.

Da quando siamo nati siamo in interazione con il mondo che ci circonda, e attraverso questa relazione impariamo diversi modi di agire, pensare e sentire. Questi apprendimenti sono essenziali per il nostro sviluppo individuale e collettivo, ma non esiste un unico percorso. Due di questi percorsi sono il condizionamento classico e operante.

Entrambi sono stati materia prima per lo studio del comportamento in psicologia comportamentale (comportamentismo). Sia l’uno che l’altro consentono la creazione di nuovi modelli comportamentali, che risultano dall’interazione dell’organismo con i diversi stimoli ambientali che lo circondano.

Presentano, tuttavia, alcune differenze. Nelle righe che seguono spieghiamo in cosa consiste ciascun condizionamento ed esamineremo le differenze principali.

Condizionamento classico

È stato descritto per la prima volta dal fisiologo russo Ivan Pavlov all’interno della tradizione oggettivista-riflessologica.

Secondo l’approccio riflessologico, il condizionamento era un metodo sperimentale che consentiva la creazione di nuovi riflessi che arricchivano l’attività nervosa superiore (Pérez, Cruz, 2003).

In questo tipo di condizionamento, la risposta che un organismo mostra automaticamente a un determinato stimolo viene trasferita a un nuovo stimolo attraverso un’associazione tra i due (Sarason e Sarason, 2006).

Per esempio, nell’esperimento del cane di Pavlov, l’animale produceva saliva (risposta incondizionata) in presenza di cibo (stimolo incondizionato), ma non in presenza di uno stimolo neutro (suono di campana).

Tuttavia, una volta che l’animale aveva associato i due stimoli, produceva saliva (risposta condizionata) al suono della campana (stimolo condizionato) pur in assenza di cibo.

Il condizionamento classico si basa su quello che potremmo chiamare apprendimento del segnale. Un segnale è uno stimolo esterno o interno che anticipa o prevede, con un certo grado di affidabilità, un evento generalmente significativo (Sánchez, Ortega e de la Casa Rivas, 2008).

Concetti fondamentali

I concetti principali che costituiscono l’essenza di questo condizionamento sono i seguenti:

Stimolo incondizionato (US): qualsiasi stimolo con intensità sufficiente per produrre una risposta. Non richiede esperienza da parte del corpo.
Risposta incondizionata (IR): la risposta innescata dallo stimolo incondizionato.
Stimolo neutro (NE): stimolo che non produce alcun effetto sul comportamento.
Stimolo condizionato (SC): nasce dall’associazione ripetuta tra USA e NE. Acquisisce proprietà di IE per produrre una risposta simile a IR, nota come risposta condizionata.
Risposta condizionata (CR): aspetto dell’IR che viene attivato dal CD quando sono stati associati.

Condizionamento operante

Il condizionamento operante o strumentale è stato proposto da Skinner e si riferisce a un processo in cui la frequenza di un comportamento viene modificata o alterata a causa delle conseguenze che questo comportamento produce (Reynold, 1973). Le conseguenze sono sempre il risultato di una risposta a un determinato stimolo.

Una conseguenza può essere positiva (rinforzo) o negativa (punizione) per il soggetto che effettua la risposta. Nel caso in cui le conseguenze siano valutate o vissute come positive, la probabilità che il comportamento si ripeta aumenta, mentre diminuisce se le conseguenze sono negative.

Il rinforzo viene utilizzato per generare la comparsa e la ripetizione di comportamenti desiderati, mentre la punizione viene utilizzata per prevenire o estinguere comportamenti indesiderati.

Concetti fondamentali

Come il condizionamento classico, anche il condizionamento operante si basa su diversi concetti centrali. Tra questi troviamo i seguenti:

Rinforzo: qualsiasi evento che aumenta la probabilità che si verifichi un comportamento. Può essere positivo o negativo. Un rinforzo è positivo quando offre qualcosa di piacevole. È negativo quando qualcosa che dispiace viene meno.
Punizione: qualsiasi procedura utilizzata per eliminare un comportamento. Può essere positiva o negativa. È positiva quando aiuta a crescere. Al contrario, è negativa quando si elimina qualcosa che piace.
Estinzione: è la riduzione della frequenza della risposta quando cessa di essere rinforzata o viene punita.
Acquisizione: l’ aumento della frequenza di uno schema comportamentale, solitamente quando è rinforzato.

Differenze tra condizionamento classico e operante

La distinzione tra queste condizioni può essere fatta a partire da diverse componenti:

L’Associazione: nel condizionamento classico, una risposta involontaria è associata a uno stimolo. Nel condizionamento operante si stabilisce l’associazione tra una risposta volontaria e le sue conseguenze.
Apprendimento: nel condizionamento classico, l’apprendimento avviene attraverso l’associazione di uno stimolo iniziale che provoca una risposta regolare incondizionata nel corpo. Nel condizionamento operante, l’apprendimento è dovuto all’associazione di ricompense e punizioni con un determinato comportamento.
Acquisizione del comportamento: per acquisire un comportamento nel condizionamento classico è sufficiente presentare contemporaneamente uno stimolo neutro con uno stimolo incondizionato. Al contrario, per acquisire un comportamento in condizionamento operante occorre rinforzarlo e punirlo.
Il processo: Nel condizionamento classico, il processo di condizionamento si basa sull’associazione di stimoli neutri con stimoli incondizionati sulla base di risposte incondizionate. D’altra parte, nel condizionamento operante, l’apprendimento si basa sulle conseguenze dei comportamenti.
Il tipo di comportamento: il condizionamento classico si basa su comportamenti involontari, mentre quello operante si basa su comportamenti volontari, su risposte attive.
La sequenza degli eventi: nel condizionamento classico, la risposta o il comportamento naturale avviene dopo lo stimolo. Nel condizionamento operante, il comportamento viene prima della ricompensa o della punizione.
Lo scopo: per il condizionamento classico, lo scopo è mettere in relazione gli stimoli, in modo che alcuni ci permettano di anticipare tutti. Nel condizionamento operante, lo scopo è associare uno stimolo a una risposta affinché la risposta si verifichi più o meno.

Essenziali per studiare il comportamento

Il condizionamento classico e operante sono concetti centrali nello studio del comportamento. Sebbene questi due tipi di condizionamento condividano alcune somiglianze, differiscono nel modo in cui avviene un certo apprendimento.

Sono presenti in molte procedure cliniche. Grazie a essi, ad esempio, possiamo sapere perché certi odori ci ricordano alcune persone e perché aumentiamo la frequenza di alcuni comportamenti in determinate condizioni.

Bibliografia

Pérez, A. M., & Cruz, J. E. (2003). Conceptos de condicionamiento clásico en los campos básicos y aplicados. Interdisciplinaria, 20(2), 205-227. https://www.redalyc.org/pdf/180/18020204.pdf
Reynolds, G. S. (1973). Compendio de condicionamiento operante. Editorial Ciencia de la Conducta.
Sánchez, P., Ortega, N. y de la Casa Rivas, L. (2008). Bases conceptuales del condicionamiento clásico: técnicas, variables y procedimientos. Obtenido el, 5. https://canal.uned.es/uploads/materials/resources/pdf/4/3/1258033467834.pdf
Sarason, I. G. y Sarason, B. R. (2006). Psicopatología: psicología anormal: el problema de la conducta inadaptada (10ª Ed.). Pearson Educación.

https://www.redalyc.org/pdf/805/80522308.pdf

da lista mente gg

  Discussione Precedente Discussione n. 23045 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2022 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina