[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
28/11/2021 - 06:41:50
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 34.207.247.69 - Sid: 228058183 - Visite oggi: 11422 - Visite totali: 51.490.195

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 La societa' disumanizzata secondo Fromm
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 22981 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


23113 Messaggi

Inserito il - 25/11/2021 : 09:59:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La societa' disumanizzata secondo Fromm

Erich Fromm predisse che nel 2000 la società sarebbe stata sempre più individualizzata, disumanizzata e soggetta alla tecnologia. Ciò ci renderebbe non solo meno liberi, ma anche più infelici.

La società disumanizzata descritta da Erich Fromm induce a una riflessione a noi particolarmente familiare.

Secondo il famoso psicanalista, filosofo e psicologo sociale, il mondo si sposterà progressivamente verso uno scenario di minore interazione sociale e maggiore isolamento. Nella “mega-macchina”, come ha definito la società industrializzata, l’uomo sarà schiavo della tecnologia.

È vero, questa definizione sembra più una previsione, una visione quasi esatta della realtà attuale. E ci sembra perché lo era. Nel suo libro pubblicato nel 1968 La rivoluzione della speranza, riflette sulla società e sull’essere umano a partire dall’anno 2000.

Se le guerre nucleari non ci avessero distrutto prima, ipotizzò, avremmo avuto un mondo freddo e meno empatico. L’arrivo del nuovo millennio, ha precisato, non sarà il culmine della felicità, tanto meno della libertà.

Per questo, e per riportare la speranza in un mondo senza speranza, era necessario prendere coscienza di una serie di dimensioni. Le proposte che Fromm ci ha lasciato ai suoi tempi sono ancora attuali.

“Macchine e computer devono diventare mezzi per fini determinati dalla ragione e dalla volontà dell’uomo.”
-Erich Fromm-

Nozioni per comprendere la società disumanizzata

C’è chi fa notare che Erich Fromm non ha ricevuto abbastanza attenzione o rilevanza. I colleghi della Scuola di Francoforte, come Theodor Adorno o Max Horkheimer, per esempio, sono forse nomi più noti all’interno in filosofia o sociologia.

È inevitabile riconoscere il grande impatto intellettuale che ha avuto sul mondo accademico americano e più precisamente in ambito psicologico.

Fromm è stato un grande difensore della libertà, strumento contro i meccanismi ai quali si poteva diventare sottomessi.

Si riferiva a quelli che avevano dato vita a nuovi governi autoritari, come era accaduto nella Germania della seconda guerra mondiale. Lo studioso ha parlato del nazismo da un punto di vista socio-economico e psicologico.

Tra tutte le sue opere, ce n’è una dal carattere profetico. Ne La rivoluzione della speranza (1968) ci mette in guardia sull’essere umano del 2000.

Un semplice consumatore, un essere passivo sottomesso a una realtà meccanizzata che separerà gli uni dagli altri. La società disumanizzata secondo Erich Fromm è, per molti versi, un ritratto del nostro mondo di oggi.

“Per avere un’economia sana stiamo generando lavoratori malati. La maggior parte delle persone dovrebbe essere passiva e dipendente per avere organizzazioni forti che funzionino bene?”
-Erich Fromm-

L’essere umano sarà una parte in più delle macchine

Erich Fromm osservava con una certa preoccupazione l’avanzata delle società industrializzate, come gli Stati Uniti. È vero che il progresso porta conforto, non c’è dubbio, ma il benessere apparente ha un costo, un rovescio oscuro.

L’élite imprenditoriale è una semplice appendice delle macchine che muovono il mondo. Siamo schiavi della tecnologia. La mega-macchina è per Fromm un sistema sociale totalmente organizzato e standardizzato in cui macchine e persone sono la stessa cosa.

Con l’unica differenza che l’essere umano perde la libertà, la salute e la felicità affinché questi ingranaggi funzionino. Diamo per scontato che computer e altre tecnologie siano al nostro servizio, ma in realtà è il contrario.

D’altra parte, nel suo libro La rivoluzione della speranza ha sottolineato un altro aspetto interessante. Uomini e donne perderanno la fede e la fiducia nei valori umani, e invece verranno convalidati solo i valori tecnici e materiali. La società disumanizzata secondo Erich Fromm sarà una società infelice.

La società disumanizzata secondo Erich Fromm: di fronte a una prospettiva cupa, abbiamo due opzioni

Erich Fromm voleva impedire un simile scenario, motivo per cui ha sottolineato che l’umanità aveva due opzioni. La prima è lasciarsi trasportare da una società meccanizzata in cui l’individuo sarà un semplice ingranaggio.

La seconda via è la speranza. Se vogliamo progredire come società, dobbiamo fare in modo che la tecnologia sia al servizio del benessere umano e non viceversa.

Nel modello frommiano dell’essere umano c’è un elemento che si ripete. Questo filosofo tedesco di origine ebraica sapeva bene che per la nostra specie non è semplice investire nella crescita e nel progresso. Spesso cadiamo nell’apatia e nell’inerzia.

Non ci impegniamo per i cambiamenti, viceversa in molti casi siamo semplici schiavi della nostra stessa passività e compiacenza.

Gli esseri umani stanno diventando apatici poiché dipendono sempre più dai macchinari che dalla propria capacità di ragionare e avviare rivoluzioni.

Siamo ancora in tempo?

“Se le persone non si rendono conto della direzione in cui stanno andando, si sveglieranno quando sarà troppo tardi e il loro destino sarà irrevocabilmente segnato”, ha sottolineato ne La rivoluzione della speranza.

La verità è che la teoria della società disumanizzata di Erich Fromm aveva una connotazione profetica molto simile all’idea che ci ha lasciato George Orwell.

La prossima domanda sarebbe: siamo ancora in tempo per evitare o prevenire questa mancanza di umanità essendo subordinati all’universo tecnologico?

Lo stesso Fromm sottolinea che il consumismo non è la strada per la felicità e che il vero progresso e la libertà arrivano con gli agitatori e i promotori. Potremmo essere già in ritardo per quella rivoluzione, ma vale la pena di tenerlo a mente.

Bibliografia

Korstanje, Maximiliano E. (2009). Reseña de “El Miedo a la Libertad” de Erich Fromm. Nómadas. Revista Crítica de Ciencias Sociales y Jurídicas, 24 (4),. [Fecha de Consulta 21 de Noviembre de 2021]. ISSN: 1578-6730. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=18112178025

https://www.redalyc.org/pdf/181/18112178025.pdf

https://bit.ly/3oXS7Nc

da lista mente gg

  Discussione Precedente Discussione n. 22981 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2021 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina