[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
25/07/2021 - 05:12:50
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.95.131.146 - Sid: 487712105 - Visite oggi: 19081 - Visite totali: 49.217.870

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Il vero amore: che cos'e'?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 22831 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Capannoli


22963 Messaggi

Inserito il - 21/07/2021 : 10:15:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il vero amore: che cos'e'?

Il vero amore non è una magia. È connessione, impegno e rispetto sincero per l'altro. Significa investire nella coppia, essere capaci di immaginare un progetto comune, rispettando la crescita personale di entrambi.

Esiste il vero amore? Se dovessimo definirlo, diremmo che è molto più di un sentimento. È una sottile combinazione di causalità, connessione e complicità. Al tempo stesso contiene ingredienti potenti come la reciprocità, la cura, l’attenzione e quell’impegno stabile necessario a intraprendere un progetto comune, pur nel rispetto della crescita individuale.

Diceva il poeta spagnolo Francisco de Quevedo che “Coloro che solo col cuore si amano solo col cuore si parlano”. Come ben sappiamo, spesso, per quanto l’affetto sia sincero, a volte non sappiamo parlare (o comunicare) in modo efficace.

A volte si prova una forte passione, ma mancano precisi elementi, motivo per cui l’amore, invece di essere eterno, si trasforma in poco più di un’avventura effimera.

Qual è dunque il segreto? In realtà, il successo non risiede “nell’amarsi molto”. E ancora meno nell’essere disposti a qualunque sacrificio per essere amati.

La formula non è amarsi tanto, ma amarsi bene. Come diceva Erich Fromm, per fare dell’amore un’arte, occorre comprendere che voler bene non è un atto passivo, ma impegno costante e lavoro quotidiano.

Bisogna però ammettere una cosa. Ogni volta che il destino ci fa incontrare una persona speciale, unica, quasi magica ai nostri occhi, non possiamo fare a meno di chiederci “sarà la persona giusta? Ho finalmente incontrato l’amore vero?”.

Esperti sull’argomento, come Helen Fischer, ci offrono alcuni elementi per capire se siamo sulla buona strada. Vediamoli insieme.

“L’amore non è soltanto una relazione con una particolare persona; è un’attitudine, un orientamento di carattere che determina i rapporti di una persona con il mondo, non verso un oggetto d’amore.”
– Erich Fromm –

Gli ingredienti dell’amore vero

Niente è vero fino a quando non siamo noi a dargli autenticità. In campo amoroso ciò si traduce in un concetto semplice: lottare per quello che merita, dare importanza a ciò che riesce a scaldare il cuore.

Secondo Richard Schwartz, docente di psichiatria presso la Harvard Medical School, si tratta innanzitutto di saper affrontare le sfide che via via si presentano in una relazione.

L’amore, come la luna, ha le sue fasi. Impegnarci in ciascuna di esse renderà il legame ogni giorno più vero. Perché vedere confluire nella coppia lo sforzo, le attenzioni e l’impegno di entrambi rafforza il vincolo e tutto acquista significato.

È dunque l’impegno quotidiano che rende la nostra trama emotiva reale, brillante e resistente. Per capire meglio cosa caratterizza questo legame affettivo, può essere utile ripassare gli elementi che lo compongono.

Più che passione

L’amore vero è più che sentimento e passione orchestrati da una serie di neurotrasmettitori.

All’inizio siamo sorpresi, intrigati, quasi smarriti. Ci troviamo improvvisamente di fronte a una persona che ci attrae e non solo per il semplice aspetto fisico. Si crea una connessione che rompe tutti gli schemi fino ad allora conosciuti. Questa complicità quasi immediata ci attrae e ci inquieta.
Lo studio condotto dall’antropologa Helen Fisher mostra che le coppie coinvolte in una relazione stabile non provano solo attrazione sessuale. Nel cervello si attivano le aree dell’empatia, della cura dell’altro, della motivazione.

Uno stato d’animo duraturo

Il vero amore è uno stato mentale ed emotivo in grado di resistere al tempo. Ciò significa, ad esempio, che è sempre presente la preoccupazione per l’altro e il bisogno di farlo stare bene, di alleviarne la sofferenza.

Ci interessano le sue inquietudini, desideriamo diventare complici (non controllori) delle sue giornate e vorremmo essere presenti nelle piccole e grandi cose della sua vita.

L’idea di atemporalità

Atemporalità significa che quando una relazione di coppia è stabile e felice, il passato non ha importanza e il futuro non preoccupa. Chi è capace di costruire un amore autentico non si sente prigioniero degli errori del passato, soprattutto delle vecchie relazioni. Si limita ad apprezzare il presente con intensità, saggezza e coraggio.

Vede il partner come un punto cardinale su cui focalizzare la felicità, l’impegno, gli sforzi e la speranza. Il passato non esiste più.

La paura del futuro e di tutto quello che può succedere alla relazione non esiste. Non si prova timore, solo convinzione che quello che si desidera e che si gode appieno è il qui e ora.

La sinergia del vero amore

Sinergia è confluire negli stessi ideali e progetti. Significa investire in speranza, impegno e forza di volontà, non in una sola direzione, ma in molte direzioni alla volta. Vuol dire essere una coppia di ballerini che si muove armonicamente creando nuove figure per superare ogni difficoltà.

Le coppie sinergiche esistono in ogni campo della vita. Insieme sono più della somma delle singole parti. Insieme creano una presenza sui cui poter fare affidamento, senza lasciarsi mai cadere, andando dritti per la propria strada e sentendosi sempre sicuri, sempre amati.

Il vero amore esiste, senza dubbio. Ma a volte, pur sentendo che lo è ci scappa dalle mani per diversi motivi. Sia come sia, è importante permetterci di sperimentare questa sensazione il numero di volte che ci è necessario.

E quando avviene, non dobbiamo esitare; occorre fare il possibile affinché duri, perché non ci sfugga: diventare eterni ballerini sulla pista delle relazioni felici.

Bibliografia

Acevedo, B.P., Aron A., Fisher, H. E, & Brown, L. (2012). Neural correlates of long-term intense romantic love. Social Cognitive and Affective Neuroscience, 7, 145-159.
Aron, A., Norman, C. C., Aron, E. N., McKenna, C., & Heyman, R. (2000). Couples shared participation in novel and arousing activities and experienced relationship quality. Journal of Personality and Social Psychology, 78, 273-283

https://it.wikipedia.org/wiki/Francisco_de_Quevedo

https://www.ted.com/talks/helen_fisher_why_we_love_why_we_cheat?language=it#t-7670

da lista mente gg


  Discussione Precedente Discussione n. 22831 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2021 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina