[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
13/04/2021 - 18:49:40
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.237.20.246 - Sid: 726467592 - Visite oggi: 2141 - Visite totali: 42.771.146

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Riconoscere i bugiardi dalla loro voce?
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 22640 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


22813 Messaggi

Inserito il - 10/03/2021 : 10:25:10  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Riconoscere i bugiardi dalla loro voce

Gli scienziati hanno fatto degli esperimenti per capire come decidiamo, in base alla voce, se un parlante è onesto e fiducioso, oppure disonesto e incerto.
Il successo della cooperazione umana dipende in modo cruciale dai meccanismi che consentono agli individui di rilevare l'inaffidabilità nei loro conspecifici. Tuttavia, come tale vigilanza epistemica sia ottenuta da input sensoriali naturalistici rimane poco chiaro.

Velocità di discorso più veloce, maggiore intensità nel mezzo della parola e tono calante alla fine della parola: questa è la prosodia (1) da adottare se si vuole apparire affidabili e onesti con i propri ascoltatori.

In questo studio, pubblicato si Nature Communications, (2) gli scienziati del laboratorio Science and Technology for Music and Sound (CNRS/Ircam/Sorbonne Université/Ministère de la Culture) (3) e del Perceptual Systems Laboratory (CNRS/ENS PSL) hanno condotto una serie di esperimenti (4) per capire come decidiamo, in base alla voce, se un parlante è onesto e fiducioso, o al contrario disonesto e incerto.

Il team ha anche dimostrato che questa firma è stata percepita in modo simile in un certo numero di lingue (francese, inglese, spagnolo) e che è registrata “automaticamente” dal cervello: anche quando i partecipanti non stavano giudicando la certezza o l'onestà di chi parla, questo suono caratteristico ha influenzato il modo in cui memorizzavano le parole. Di conseguenza, la prosodia trasmette informazioni sul valore di verità o certezza di una proposizione.

Si è dimostrato che le percezioni degli ascoltatori della certezza e dell'onestà di altri oratori dal loro discorso si basano su una firma prosodica comune. Utilizzando un metodo basato sui dati, si è decodificato separatamente le caratteristiche prosodiche che guidano le percezioni degli ascoltatori della certezza e dell'onestà di un oratore in termini di altezza, durata e volume.

Si è scoperto che questi due tipi di giudizi si basano su una firma prosodica comune che viene percepita indipendentemente dalla conoscenza concettuale degli individui e dalla lingua madre. Infine, si è dimostrato che gli ascoltatori estraggono automaticamente questa firma prosodica e che ciò influisce sul modo in cui memorizzano le parole pronunciate. Questi risultati fanno luce su un adattamento uditivo unico che consente agli ascoltatori umani di rilevare e reagire rapidamente all'inaffidabilità durante le interazioni linguistiche.

Gli scienziati stanno ora cercando di capire come i diffusori producano tale prosodia in base alle loro intenzioni.

Riferimenti & note:

(1) La prosodia si riferisce alla "melodia" di una frase o di una parola: la sua altezza, velocità e intensità.

(2) Listeners’ perceptions of the certainty and honesty of a speaker are associated with a common prosodic signature
https://www.nature.com/articles/s41467-020-20649-4

(3) Jean-Julien Aucouturier ora lavora presso il laboratorio FEMTO-ST (CNRS/Université de Bourgogne-Franche Comté/ENSMM/UTBM) e Louise Goupil presso l'Università di East London.

(4) Gli scienziati hanno utilizzato tecniche di elaborazione del segnale vocale per creare pronunce casuali di parole (tono crescente, tono decrescente, ecc.), Quindi hanno chiesto a più gruppi di partecipanti se queste parole fossero pronunciate con certezza o onestà. Il software che hanno sviluppato come parte di questo sforzo, CLEESE, è open source: FREE- C.L.E.E.S.E. (Combinatorial Expressive Speech Engine)
https://forum.ircam.fr/projects/detail/cleese/

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano
Articolo originale: Recognizing liars from the sound of their voice?
https://www.cnrs.fr/en/recognizing-liars-sound-their-voice



  Discussione Precedente Discussione n. 22640 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2021 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina