[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
09/08/2020 - 04:28:18
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.228.220.31 - Sid: 865861796 - Visite oggi: 19711 - Visite totali: 38.787.960

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Cambiare il linguaggio per cambiare la mente
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 22380 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


22532 Messaggi

Inserito il - 16/07/2020 : 09:51:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cambiare il linguaggio per cambiare la mente

Cambiare il linguaggio per cambiare prospettiva significa essere consapevoli della mappa linguistica in uso e modificarla.

Forse perché il suo approccio terapeutico fu difficile da imitare, Milton H. Erickson è ancora consideratoun genio creativo. Questo psichiatra e psicologo americano ha aperto la strada alla psicoterapia ipnotica e ha sviluppato, tra gli atri strumenti, strategie terapeutiche basate sull’idea che cambiare il linguaggio consente di cambiare la mente.

In tutto il mondo sono presenti scuole di ipnosi ericksoniana. La terapia breve, la terapia centrata sulla soluzione, la terapia strategica e la terapia familiare sistemica sono state influenzate dal pensiero di Milton Erickson, il quale ha ispirato anche i fondatori della PNL (Programmazione Neurolinguistica).

La vera eredità di Erickson

Si chiama Milton Model, in onore di questo prestigioso psicoterapeuta. Gli ideatori della PNL hanno elaborato il sistema di Erickson e attualmente questo modello viene utilizzato con successo in ambito terapeutico e non solo. È un esempio di come si possa sfruttare in modo strategico il linguaggio per cambiare la mente.

Gli elementi caratteristici di questo approccio sono essenzialmente tre:

La nominalizzazione: è la trasformazione delle parole in sostantivi, in genere a partire dai verbi. Un esempio di espressione sostantivata è la parola “conoscenza” (dal verbo conoscere). Ognuno di noi personalizza il significato ultimo di “conoscenza” in base all’esperienza personale.
Uso del “No”. L’espressione della negazione non esiste in quanto tale nelle immagini mentali, nei suoni o nelle sensazioni. La negazione esiste solo nel linguaggio parlato, scritto o nelle rappresentazioni simboliche. Mai nelle immagini mentali. L’esempio più noto è il comando “non pensare a un elefante blu”. La mente non percepisce il “no”, ma “vede” solo un elefante blu.
Sottolineatura analogica. Strumento di persuasione creato da Erickson e basato sull’idea che solo una parte della nostra comunicazione avviene a livello cosciente. La sottolineatura per analogia si applica enfatizzando la parola che si desidera fissare nel subconscio di chi ascolta. Si ottiene, ad esempio, facendo seguire una pausa o un gesto alla parola in questione oppure cambiando il tono di voce.

La mappa linguistica

Sebbene spesso avvenga in modo inconsapevole, nel processo comunicativo – che sia rivolto agli altri oppure a noi stessi – il linguaggio usato assume la forma di una mappa. Questa influenza l’immaginazione, i pensieri e le emozioni. Insomma, la mappa del linguaggio filtra la nostra realtà. Cambiare il linguaggio per cambiare la mente passa, tra le altre cose, attraverso la capacità di riconoscere questo schema e cambiarlo.

È mediante questa mappa che si esprimono elementi come l’ambiente, le convinzioni, l’identità, i valori e i comportamenti, nostri e altrui. Oltre a ciò, attraverso il linguaggio abbiamo l’enorme potere di influenzare noi stessi e chi ci sta davanti. Possiamo, tuttavia, essere consapevoli di ciò che diciamo, ma non essere consapevoli di come lo stiamo dicendo.

Cambiare il linguaggio: le parole tolgono e danno potere

Spesso acquisiamo dal nostro ambiente il modello linguistico che usiamo. Lo facciamo nostro acriticamente, in una ripetizione senza analisi. Diventare consapevoli dei termini e del modo in cui ne facciamo uso, tuttavia, fa assumere una prospettiva diversa alle relazioni che intrecciamo con gli altri e con noi stessi.

Esiste un tipo di linguaggio, interiore o esterno, che toglie potere. In realtà ne esiste più di uno. Un esempio è la frase “mia madre mi fa innervosire”. Questa espressione non solo riduce il nostro potere, ma lo mette nelle mani di un’altra persona.

Per cambiare i nostri schemi linguistici, il primo passo è sapere come li stiamo applicando. Lo stesso concetto, detto invertendo le parole (divento nervoso quando sono con mia madre), sembra apparentemente lo stesso; in realtà cambia tutto. In quest’ultimo caso io stesso ho il potere di cambiare un fatto sgradevole o addirittura deleterio.

Cambiare il linguaggio per cambiare la mente

Il linguaggio ipnotico usato da Milton Erickson e dalla PNL è uno degli strumenti con cui possiamo assumere consapevolezza e cambiare i nostri modelli linguistici. L’obiettivo è migliorare la percezione e l’atteggiamento nei confronti di aspetti specifici della vita.

Essere coscienti di come questi schemi influenzino le emozioni positive e negative, secondo il paradigma ideato da Erickson, è il primo passo verso il cambiamento.

https://psycnet.apa.org/record/1986-04295-001

da lista mente

  Discussione Precedente Discussione n. 22380 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2020 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina