[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
09/08/2020 - 04:09:01
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.228.220.31 - Sid: 865861520 - Visite oggi: 19435 - Visite totali: 38.787.685

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Civilta' aliena ed energia dai buchi neri
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 22356 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


22532 Messaggi

Inserito il - 02/07/2020 : 11:13:16  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Una civilta' aliena avanzata potrebbe davvero estrarre energia dai buchi neri

28 GIUGNO 2020

Un team di dell’università di Glasgow ha dimostrato sperimentalmente la teoria di Roger Penrose sulla possibilità di estrarre energia dai buchi neri: è stato sufficiente – si fa per dire – attorcigliare il suono.

Da qualche parte nell’Universo potrebbe davvero esserci una civiltà aliena avanzatissima che usa i buchi neri come centrali energetiche, come cinquant’anni fa propose – tra il serio e il faceto – il fisico britannico Roger Penrose esponendo la sua teoria che fosse possibile estrarre energia dalla rotazione dei buchi neri. Ecco, quest’idea, ai tempi una mera speculazione, oggi è stata dimostrata sperimentalmente da un team di ricercatori dell’università di Glasgow. Come simulare un buco nero in laboratorio? Attorcigliando il suono.

La teoria di Penrose

L’idea che dalla rotazione dei buchi neri si potesse estrarre energia venne a Penrose nel 1969. Il fisico teorizzava che un oggetto posto nell’ergosfera (la parte più esterna dell’orizzonte degli eventi) assumesse un’energia negativa. Scindendolo in due parti, una metà può essere regalata al buco nero mentre l’altra può sfuggire alla sua presa rubando addirittura un po’ di energia dalla sua rotazione. Si trattava solo di una speculazione all’epoca, un’ipotesi che sembrava impossibile da dimostrare e un’eventualità che comunque gli esseri umani non avrebbero potuto sfruttare per evidenti limitazioni tecnologiche. E tuttora non possiamo, ma magari gli alieni sì.

Un paio di anni dopo il fisico Yakov Zel’dovich tornò sulla teoria di Penrose sostenendo che potesse essere provata con un esperimento qui sulla Terra usando onde luminose attorcicliate (twisted waves). Queste, colpendo un cilindro di metallo mentre ruota alla giusta velocità, sarebbero state riflesse con un’energia maggiore strappata alla rotazione del cilindro per effetto doppler rotazionale. Peccato che, conti alla mano, il cilindro di metallo avrebbe dovuto ruotare a una velocità minima di un miliardo di volte al secondo. E tutt’oggi i nostri migliori ingegneri non sarebbero in grado di creare simili condizioni.

Dalla luce al suono
Quella di Penrose sembrava dunque destinata a rimanere una teoria ancora per molto tempo. Ma all’Università di Glasgow hanno trovato un modo molto più semplice per ricreare in laboratorio (ovviamente in scala infinitamente ridotta) l’effetto predetto dai due fisici: la chiave è stata passare dalla luce al suono, sfruttando onde sonore attorcigliate a bassa frequenza. Decisamente più pratiche da gestire sulla Terra.

Come spiegano nell’articolo pubblicato su Nature Physics, i ricercatori hanno costruito un piccolo anello di altoparlanti da cui i suoni attorcigliati venivano emessi e diretti contro un disco di schiuma fonoassorbente in rotazione. Dietro il disco hanno posizionato dei microfoni per registrare le onde sonore di passaggio: se Penrose avesse ragione la frequenza e l’ampiezza delle onde passate attraverso il disco dovrebbero essere diverse da quelle che avevano in uscita dall’anello di altoparlanti.

“La versione lineare dell’effetto doppler è familiare alla maggior parte delle persone poiché il fenomeno che si verifica quando il tono di una sirena di un’ambulanza sembra aumentare mentre si avvicina all’ascoltatore ma cala mentre si allontana”, ha spiegato Marion Cromb, che ha condotto gli esperimenti. “Sembra alzarsi perché le onde sonore raggiungono l’ascoltatore più frequentemente mentre l’ambulanza si avvicina, e meno frequentemente quando questa si allontana. L’effetto doppler rotazionale è simile, ma è limitato a uno spazio circolare. Le onde sonore attorcigliate cambiano il loro tono quando misurate a livello della superficie rotante. Se la superficie ruota abbastanza velocemente, la frequenza del suono può fare qualcosa molto strano: può passare da una frequenza positiva a una negativa e, così facendo, rubare un po’ di energia dalla rotazione della superficie”.

Come si può apprezzare dal video (sotto) realizzato dagli scienziati, man mano che la velocità del disco aumenta il tono del suono diminuisce fino a non essere più udibile, ma poi risale fino a superare il valore iniziale, con un’ampiezza fino al 30% maggiore rispetto al suono originale proveniente dagli altoparlanti.

https://www.youtube.com/watch?v=ES2VxhRAkUM

“Ciò che abbiamo ascoltato durante il nostro esperimento è stato straordinario”, ha aggiunto Cromb. “La frequenza delle onde sonore viene spostata a zero mentre la velocità di centrifuga aumenta. Quando il suono si riavvia, è perché le onde sono passate da una frequenza positiva a una frequenza negativa. Quelle onde a frequenza negativa sono in grado di prelevare parte dell’energia dal disco di schiuma che gira, diventando più rumorose nel processo, proprio come proposto da Zel’dovich nel 1971#8243;.

Oltre all’entusiasmo per essere riusciti finalmente a dimostrare una teoria vecchia di mezzo secolo, gli scienziati ritengono che questo successo aprirà diverse altre porte all’esplorazione scientifica. “Siamo ansiosi di vedere – ha commentato Daniele Faccio, responsabile del progetto di ricerca – come potremo studiare l’effetto su diverse fonti come le onde elettromagnetiche nel prossimo futuro”.

https://www.nature.com/articles/s41567-020-0944-3

Mara Magistroni

wired.it


  Discussione Precedente Discussione n. 22356 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:



Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2020 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina