[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
04/12/2022 - 05:42:36
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 44.200.169.3 - Sid: 475610108 - Visite oggi: 9249 - Visite totali: 56.895.081

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Il cannabidiolo (CBD): cosa ci dice la scienza?

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista Inserisci Faccine
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
    

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
admin Inserito il - 20/09/2022 : 10:16:17
Il cannabidiolo (CBD): cosa ci dice la scienza?

L'uso del cannabidiolo per scopi terapeutici si è diffuso in tutto il mondo. Tuttavia, vi sono ancora molte controversie in merito alla sua efficacia. Cosa ci dice la scienza?

Popolarmente conosciuta come marijuana, la cannabis è una pianta psicoattiva che contiene più di 500 componenti, tra cui sono stati identificati 104 cannabididi. Di questi, solo due sono stati studiati dalla comunità scientifica: delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD).

La cannabis è una delle droghe più consumate al mondo. L’OMS stima che circa 147 milioni di persone (2,5% della popolazione mondiale) ne facciano uso rispetto allo 0,2% che abusa di cocaina e allo 0,2% che fa uso di oppiacei.

Il THC è la parte della marijuana che provoca l’euforia tipica dopo il consumo. Gli effetti comunemente associati alla cannabis, di fatto, sono causati da questo componente.

D’altra parte, il cannabidiolo non provoca lo “sballo” ed è presente in quantità molto basse nella marijuana ricreativa. Cos’altro si sa su questo composto?

Cos’è il cannabidiolo (CBD)?

È il secondo composto più comune nella marijuana dopo il delta-9-tetraidrocannabinolo. La cannabis contiene più di 400 diverse sostanze attive e il THC e il CBD sono solo due delle sue 60 diverse molecole di cannabinoidi.

È interessante notare che, a differenza del THC, il CBD non è inebriante, in quanto non è psicoattivo. Inoltre, esercita numerosi effetti farmacologici positivi. Nello specifico, ha un’azione analgesica e antinfiammatoria mediata dall’inibizione della ciclossigenasi e della lipossigenasi.

Negli ultimi anni, molte ricerche hanno dimostrato che certi livelli di CBD possono anche avere un impatto positivo sulla salute. Il CBD può agire come agente protettivo contro alcuni effetti psicologici negativi del THC. Allo stesso modo, è un antagonista degli effetti negativi legati al THC.

Gocce di cannabidiolo.

Il cannabidiolo è una sostanza chimica presente nella marijuana che non contiene tetraidrocannabinolo (THC).

Tipi di cannabidiolo

Il CBD è disponibile in varie forme e può essere trovato in un’ampia varietà di prodotti. I tre tipi principali sono i seguenti:

Spettro completo. Contiene altri composti presenti nella pianta di cannabis, comprese quantità variabili di THC.
Ampio spettro. Contiene altri composti presenti nella cannabis, ma non THC.
Isolare. Non contiene nessun altro composto della cannabis.

I prodotti che possono contenere cannabidiolo includono: oli, spray, capsule, lozioni, caramelle e bevande. Può essere somministrato per via orale, topica, commestibile o inalato.

Prove dei benefici per la salute del cannabidiolo

Il CBD è stato approvato solo per bambini di età pari o superiore a due anni con disturbi convulsivi, sindrome di Lennox-Gastaut e sindrome di Dravet.

La Food and Drug Administration ha approvato il CBD nel 2018 ed è l’unico trattamento approvato per i pazienti con sindrome di Dravet. L’Epidiolex, che contiene CBD, è il primo farmaco derivato dalla cannabis approvato dalla FDA per queste condizioni.

Questo prodotto è attualmente in fase di studio per un possibile utilizzo in varie malattie psichiatriche, neurodegenerative, infiammatorie e cancerose.

Sono stati condotti, inoltre, diversi studi sui potenziali effetti del CBD come terapia complementare per i disturbi d’ansia sociale, la schizofrenia, i sintomi non motori del morbo di Parkinson e i disturbi da uso di sostanze.

Ansia sociale

una delle ansie più comuni che colpisce in modo significativo la vita della persona. In questo contesto, il cannabidiolo ha mostrato effetti ansiolitici sia nell’uomo sia negli animali.

In uno studio si è scoperto che il CBD è in grado di ridurre significativamente lo stato di vigilanza, l’ansia, il declino cognitivo e il disagio nelle persone con ansia sociale generalizzata.

Schizofrenia

È un disturbo psicotico caratterizzato da allucinazioni, deliri e disturbi del pensiero, della percezione e del comportamento. Tradizionalmente, la schizofrenia può presentarsi con sintomi positivi (allucinazioni, deliri, disturbi del pensiero formale) e sintomi negativi (linguaggio confuso, anedonia e mancanza di motivazione).

La ricerca rivela che un gruppo di pazienti affetti da schizofrenia che avevano assunto il cannabidiolo per sei settimana presentava minori sintomi psicotici positivi. Mostravano anche migliori facoltà cognitive e migliori prestazioni generali.

Sebbene il CBD sia stato testato su pazienti con disturbi psicotici, resta ancora molto da fare.

Morbo di Parkinson (PD)

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa cronica caratterizzata da sintomi motori come bradicinesia, tremori, alterazioni della postura e rigidità. Allo stesso modo, da sintomi non motori come disturbi del sonno, deficit cognitivi e disturbi psichiatrici come psicosi, depressione e ansia.

Tre studi clinici su pazienti con PD hanno ottenuto significativi benefici a seguito di somministrazione di cannabidiolo. Questi consistevano nel miglioramento dei sintomi non motori (psicosi, disturbi del sonno, scarsa qualità della vita, difficoltà a svolgere le attività quotidiane).

È stato anche scoperto che il CBD ha effetti antidepressivi, ansiolitici e neuroprotettivi/procognitivi. Grazie a ciò, si riscontra un miglioramento della qualità di vita e del benessere della persona con PD.

Cannabidiolo per il disturbo da uso di sostanze

I disturbi da uso di sostanze derivano dall’uso prolungato di sostanze che creano dipendenza e dalla loro successiva dipendenza mentale e fisica. Ciò può causare difficoltà a livello sociale, accademico e lavorativo, insieme a effetti negativi sulla salute.

Una revisione sistematica supporta l’ipotesi che il CBD possa avere proprietà terapeutiche nei confronti di oppioidi, cocaina e psicostimolanti. Alcuni dati preliminari indicano anche che potrebbe essere utile nella dipendenza da cannabis e tabacco negli esseri umani.

Conclusioni

I dati scientifici riportati in questo articolo devono essere presi con grande cautela. Le prove in merito all’efficacia del cannabidiolo per condizioni diverse dall’epilessia pediatrica sono ancora limitate, così come le considerazioni sulla sicurezza.

Gli studi clinici sono limitati in quanto a disegni, campioni e durata dell’osservazione. Ciò non rende possibile generalizzare i risultati e i dati a lungo termine.

Si rivelano necessari, pertanto, ulteriori studi al fine di valutare appieno il potenziale del cannabidiolo come sostanza efficace per trattare varie disturbi psicotici e mediche.

Bibliografia

Bergamaschi, M. M., Queiroz, R. H. C., Chagas, M. H. N., De Oliveira, D. C. G., De Martinis, B. S., Kapczinski, F., … & Crippa, J. A. S. (2011). Cannabidiol reduces the anxiety induced by simulated public speaking in treatment-naive social phobia patients. Neuropsychopharmacology, 36(6), 1219-1226.
Crippa, J. A. S., Hallak, J. E., Zuardi, A. W., Guimarães, F. S., Tumas, V., & Dos Santos, R. G. (2019). Is cannabidiol the ideal drug to treat non-motor Parkinson’s disease symptoms?. European archives of psychiatry and clinical neuroscience, 269(1), 121-133.
Hany, M, Rehman, B, Azhar., y Chapman, J. (2022). Schizophrenia. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK539864/
Hartney, E. (2021, 09 de octubre). What is cannabidiol (CBD). https://www.verywellmind.com/what-is-cannabidiol-22318
Jahan, A. R., & Burgess, D. M. (2021). Substance Use Disorder. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK570642/
Lafaye, G., Karila, L., Blecha, L., & Benyamina, A. (2022). Cannabis, cannabinoids, and health. Dialogues in clinical neuroscience.
Lattanzi, S., Brigo, F., Trinka, E., Zaccara, G., Striano, P., Del Giovane, C., & Silvestrini, M. (2020). Adjunctive cannabidiol in patients with Dravet syndrome: a systematic review and meta-analysis of efficacy and safety. CNS drugs, 34(3), 229-241.
Meissner, H., & Cascella, M. (2021). Cannabidiol (CBD). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK556048/
McGuire, P., Robson, P., Cubala, W. J., Vasile, D., Morrison, P. D., Barron, R., … & Wright, S. (2018). Cannabidiol (CBD) as an adjunctive therapy in schizophrenia: a multicenter randomized controlled trial. American Journal of Psychiatry, 175(3), 225-231.
Prud’homme, M., Cata, R., & Jutras-Aswad, D. (2015). Cannabidiol as an intervention for addictive behaviors: a systematic review of the evidence. Substance abuse: research and treatment, 9, SART-S25081.
Rapin, L., Gamaoun, R., El Hage, C., Arboleda, M. F., & Prosk, E. (2021). Cannabidiol use and effectiveness: real-world evidence from a Canadian medical cannabis clinic. Journal of Cannabis Research, 3(1), 1-10.
Silvestro, S., Mammana, S., Cavalli, E., Bramanti, P., & Mazzon, E. (2019). Use of cannabidiol in the treatment of epilepsy: efficacy and security in clinical trials. Molecules, 24(8), 1459.
Cannabis. Alcohol, Drugs and Addictive Behaviours Unit. https://www.who.int/teams/mental-health-and-substance-use/alcohol-drugs-and-addictive-behaviours/drugs-psychoactive/cannabis

https://jcannabisresearch.biomedcentral.com/articles/10.1186/s42238-021-00078-w

https://journals.sagepub.com/doi/full/10.4137/SART.S25081

https://link.springer.com/article/10.1007/s00406-019-00982-6

https://ajp.psychiatryonline.org/doi/full/10.1176/appi.ajp.2017.17030325

https://www.nature.com/articles/npp20116

https://link.springer.com/article/10.1007/s40263-020-00708-6

https://www.mdpi.com/1420-3049/24/8/1459

https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyt.2013.00130/full

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK556048/

da lista mentem gg





Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2023 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina