[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
25/07/2021 - 06:02:57
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 3.95.131.146 - Sid: 487712765 - Visite oggi: 19741 - Visite totali: 49.218.528

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Assistenza e HELPDesk
 ASSISTENZA & HelpDesk BiblioForum
 Mail-truffa fingono venire da Facebook e WhatsApp

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista Inserisci Faccine
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML OFF
* Il Codice Forum ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
    

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
admin Inserito il - 03/02/2016 : 10:52:36
Mail-truffa fingono di provenire da Facebook e WhatsApp

Le regole generali di difesa

di Paolo Attivissimo

02-02-2016

L'allerta diramato a proposito delle finte mail della Polizia Federale svizzera una buona occasione per ripassare le regole di difesa principali contro questi attacchi molto diffusi, visto che oltretutto stata segnalata un'ondata internazionale di spam rivolto agli utenti di Facebook e WhatsApp.

- Non sono attacchi personali e i truffatori non sanno niente di voi. Sanno soltanto il vostro indirizzo di e-mail, ma non sanno se avete o no WhatsApp o Facebook: vanno a caso. Molte vittime si fidano del messaggio-truffa perch hanno l'impressione che sia rivolto personalmente a loro e pensano che solo i legittimi gestori di questi servizi possano sapere chi utente e chi no.

- ll mittente quasi sempre un indirizzo che non c'entra nulla con quello legittimo del servizio citato dal messaggio. Per esempio, vedere un messaggio che dice di provenire dal servizio clienti di Whatsapp ma ha come mittente un indirizzo di Yahoo un chiaro segno truffaldino. Tuttavia alcuni truffatori falsificano bene anche il mittente, per cui un indirizzo anomalo sicuramente un sintomo d'inganno, mentre un indirizzo autentico non garanzia di nulla.

- Se vedete che da qualche parte nel titolo del messaggio c' una sequenza di caratteri senza senso, una trappola. Si tratta solitamente di codici usati dai truffatori per gestire l'ondata di messaggi che inviano.

- Non cliccate sui link presenti nei messaggi inattesi che sembrano provenire dal servizio clienti di nessuna azienda. Spesso questi messaggi contengono link che portano a siti-trappola, dove risiede il malware o c' una pagina che sembra quella legittima nella quale si immette la propria password per accedere a un servizio ma in realt una copia gestita dai truffatori. Se non siete stati voi a chiedere di ricevere una mail dal servizio clienti, per esempio perch avete richiesto un recupero password, cestinate tutto.

- Non aprite nessun allegato a messaggi di questo tipo. Il malware di solito si annida l. Se cestinate il messaggio senza aprire il suo allegato o cliccare sui suoi link non dovreste correre pericoli.

- Usate applicazioni e sistemi operativi aggiornati e procuratevi un antivirus aggiornato.

- Prevenire molto pi facile che curare. L'attacco che sta bersagliando gli utenti di Facebook, per esempio, convince la vittima ad aprire un allegato. Questo allegato malware che, spiega Microsoft, scrive nel Registro di Windows in modo da riavviarsi automaticamente ogni volta che viene riacceso il computer, blocca l'accesso ai siti dei produttori di antivirus, cos il computer non pu scaricare gli aggiornamenti che rivelerebbero l'infezione, e inibisce le notifiche del Centro Sicurezza di Windows. Fatto questo, si mette a rubare dati dal computer infettato.

da zeusnews.it






Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2021 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina