[AmaDeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
22/12/2014 - Ore 15.49.57 - Ip: 54.145.252.85 - Sid: 1043359951
    [AmaDeux BiblioForum]                                  Visite realtime: 32 (max gg.: 143) - Sessioni gg.: 2031 - Pagine visitate: 15.556.049
Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Dissonanza cognitiva
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 7293 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


17288 Messaggi

Inserito il - 06/06/2007 : 11:17:19  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di admin  Rispondi Quotando
Dissonanza cognitiva

di: Francesco Raiola - ecplanet.net

«La dissonanza cognitiva è una teoria che si basa sull'assunto che ‘l'individuo mira alla coerenza con se stesso. Le sue opinioni e i suoi comportamenti, per esempio, tendono a comporsi in complessi intimamente coerenti’». [Festinger, A theory of cognitive dissonance, Standford University, 1957].

In altri termini quando si presenta un conflitto tra pensieri, emozioni o comportamento, quelli in conflitto tenderanno a cambiare per minimizzare la contraddizione e il disagio che ne deriva.

La persona può infatti tollerare solo un certo numero di discrepanze tra questi componenti che formano la sua identità. Tenderà perciò a diminuire le cognizioni dissonanti, a rafforzare e aumentare quelle consonanti con una particolare scelta, visione del mondo o condotta...

Festinger riassume dicendo che «Se cambiate il comportamento di una persona, i suoi pensieri e sentimenti cambieranno per minimizzare la dissonanza». (1)

Generalizzando la dissonanza può essere ridotta in tre modi:

1) producendo un cambiamento nell'ambiente;
2) modificando il comportamento;
3) modificando il proprio mondo cognitivo. (2)

Il fenomeno è inquadrabile nel cosiddetto «lavaggio del cervello»; si tratta, come noto, dell'applicazione di un complesso insieme di tecniche finalizzate al cambiamento d'identità; l'individuo completamente «riscritto», non è più capace di opporre resistenze di tipo razionale all'insorgenza massiccia di input esterni, in grado, oramai, di influenzarne pesantemente non solo il comportamento ma perfino le proprie più intime convinzioni.

Edgar Schein (1956), nel suo libro «Coercive Persuasion», definì tale metodologia persuasione coatta. Basandosi sulle sue ricerche concluse che il processo di persuasione coatta comportava tre fasi: decongelamento, consistente nella rottura dello schema di fede e di comportamento che costituisce l'identità della persona; modifica, corrispondente al processo di indottrinamento vero e proprio; ricongelamento, che attraverso l'uso di tecniche di ricostruzione e rinforzo produce una nuova identità. (3)

Questo fenomeno, pur connotando in maniera particolare la diffusione dell'evento delle cosiddette «sette religiose», costituisce comunque uno strumento il cui utilizzo è proprio di certi poteri forti mondialmente costituiti ed è finalizzato al cambiamento delle idee di massa; si tratta, a ben vedere, del pensiero (che si decida debba essere) dominante inoculato a gocce allo scopo ultimo di pervertire l'habitus, ossia la veste comportamentale assunta dalla massa ed in ultima analisi dal singolo individuo.

Normalmente si tratta di un processo lento; in esordio si veicola l'assioma che si vuole propagandare in maniera molto subdola e successivamente, a dosi omeopatiche, si introduce il principio nella sua pienezza; ciò che più crea impatto (e quindi un effetto emotivo, capace di muovere i sensi, i quali a loro volta condizioneranno l'intelletto) nell'ascoltatore/spettatore/lettore è il trovarsi di fronte ad uno «stato di fatto», un comportamento. Ora, normalmente, per l'assunzione nel ruolo di protagonista di tali contegni si scelgono testimonial di eccezione, le cui credenziali sono direttamente collegate alla loro fama (maggiore è il carisma esercitato, migliore sarà l'imprinting spirituale); più un personaggio sarà di impatto, più risulterà utile in quella parte.

Ecco, quindi, la saga dei talk-show imbevuti delle (sole) opinioni che si vogliano propinare, il dilagare delle cronache rosa ed il pubblico diffondere (o spiare) in piazza la conoscenza delle vite degli altri (meglio se vip). Modificando, in questo modo, il comportamento dei «modelli di vita» prescelti (i quali incarnano l'aspirazione a divenire, soprattutto dei più giovani), si cerca di influenzare le idee ed i giudizi riguardanti siffatti modi di essere. La tolleranza è d'obbligo; si impone come un assoluto incontestabile il dover accettare necessariamente tutto, persino il male (e proprio questo è stato uno dei primi assiomi ad essere imposto).

Esempi pratici di alcuni evidenti effetti ottenuti da tale «evangelizzazione» sono facilmente rivenibili: pensate alla cosiddetta «omosessualizzazione» della società (all'idea di considerare «normale», ciò che è effettivamente diverso, perché «contro natura») oppure all'«iniziazione esoterica» iniettata nell'animo dei più giovani, attraverso il fascino di romanzi, cinema o cartoni animati completamente saturi dell'argomento «magia»: attraverso l'esempio di alcuni personaggi di rilevante influenza (può trattarsi anche di un protagonista di un noto romanzo, oramai oggetto di culto o di una fortunata serie televisiva) si «indottrina» il popolo (in entrambi i casi citati la perseveranza nel tempo ha fatto il suo corso e, come goccia che scava la roccia, ha ottenuto alcuni notevoli risultati). Tale meccanismo di persuasione (per cui si possono utilizzare - e si sono utilizzati di fatto - diversi mezzi, non ultimo il mondo del subliminale) pur potenzialmente applicabile a veicolare qualsivoglia idea, è stato sempre sfruttato dai «poteri forti» a svantaggio della fede e della morale (in particolare della Chiesa cattolica).

Queste semplici considerazioni ci inducono ad una riflessione. In primo luogo, il fatto che l'essere umano sia necessariamente strutturato come unità. L'uomo è creato da Dio come persona avente una propria corporeità e spiritualità; un unicum non ripetibile, costituito da una complessità di elementi, che però convergono in un solo essere. La dissonanza cognitiva è manifestazione di quella necessità di coerenza interiore che appartiene all'uomo, ma che è pienamente possibile soltanto al generato a vita nuova, per la potenza della Grazia sacramentale. L'unità dispersa dal peccato, che è in grado di disintegrare la persona umana, separandone l'anima dal corpo, è evidente già nella prima domanda, formulata da Dio subito dopo il peccato: «dove sei ?» (Genesi 3,9). Del resto, oltre al dato scritturistico e a quello scientifico, è un’evidenza il fatto che l'equilibrio personale dell’individuo sia subordinato alla sua capacità di «essere in pace con se stesso» (per usare un'espressione tanto di moda, oggi).

L'uomo in pace è quindi colui che riesce a vivere l'interna armonia delle proprie facoltà, coordinando, perfettamente e secondo logica, il suo modus vivendi al mondo delle proprie personali convinzioni. Detto altrimenti: l'uomo, per essere persona felice, deve vivere come pensa (e pensare come crede). In caso contrario, subirà quel processo «dissonante», il cui primo allarme è già dato dalla coscienza; quest'ultima, tuttavia, col passar del tempo e senza la luce che viene dall'alto (ossia senza un confronto oggettivo con la verità) si potrebbe «abituare» all'accondiscendenza di queste «non corrispondenze comportamentali», al punto di dover cercare razionalmente una giustificazione artefatta ed ipocrita: è il momento in cui l'intelletto si vede costretto dal suo intimo sentire a prestare il proprio assenso al falso e non al vero. Quel che prima era considerato peccato mortale, dopo un po' di tempo (cioè con il reiterarsi del peccato, con l'habitus al peccato), non lo si reputa più cosa così grave. È il medesimo principio a molti assai noto: una rana gettata in una pentola con acqua bollente tenterà di fuggire quanto prima; la medesima rana, invece, messa in una pignatta con acqua tiepida e (badate bene) con il fuoco accesso, resterà tranquilla; l'acqua inizierà a scaldarsi lentamente e questo susciterà in lei anche una certa sensazione di benessere e rilassamento, ma alla fine, avremo una rana bollita.

Così accade nella vita dello spirito: il nemico toglie a poco a poco piccole cose, inavvertitamente «abitua al male» (cioè all'assenza di un bene dovuto) e lascia intorpidire lo spirito, annebbiandone l'intelletto, fino a consumarlo del tutto nel non-senso del peccato. A ben vedere, la stretta correlazione che intercorre tra essere, pensare, credere (quest'ultimo rappresenta la fase «oggettiva» del proprio pensiero; siamo lontani dal libero arbitrio. Il credere implica necessariamente un confronto con un elemento a sé esterno e non altrimenti «reperibile») è palese e si manifesta con coerenza soltanto nella religione cattolica. Il relativismo (ideologico nel protestantesimo e morale nell’ortodossia) e la matrice gnostica (che, trasversalmente, interessa, per esempio, le religioni orientali nonché il giudaismo kabbalistico) impediscono, visto il loro presupposto rifiuto dell'assoluto, una coerenza interna non solo a livello «di sistema», ma anche e necessariamente a livello «personale».

Certamente il «principio» non opera in maniera meccanica, ma appartiene solo a coloro che, completamente abbandonati alla volontà divina, sappiano armonizzare le opere del corpo alle mozioni dello spirito. Non è possibile tale armonica soluzione dell'essere senza l'esperienza di un silenzio interiore volto a tacitare le tentazioni dispersive e a sanare le ferite grondanti dello spirito. Il silenzio è figlio della preghiera ed è padre della contemplazione, aiuta l'uomo ad accedere all'unico silenzio, dove la pace e l'armonia sono un solo Essere. «Il silenzio perfetto è l'armonia di tutto l'essere con tutte le sue tendenze poste in Dio in un sì incondizionato e gaudioso». (4)

Note

1) http://www.cesap.net/index.php?option=com_content&task=view&id=604&Itemid=58
2) http://it.wikipedia.org/wiki/Dissonanza_cognitiva
3) http://www.cesap.net/index.php?option=com_content&task=view&id=522&Itemid=58
4) http://www.laobradelaiglesia.org/ita/escritos/fdo/itafdo15.pdf

Data articolo: giugno 2007
Fonte: Tratto da www.effedieffe.com & ripreso da www.nexusitalia.com


  Discussione Precedente Discussione n. 7293 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:




[AmaDeux BiblioForum] © 2001-2014 AmaDeux MultiMedia NetWork. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina
Pagina generata in 0,31 secondi. - Powered by Snitz