[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
23/08/2019 - 22:54:45
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 18.232.124.77 - Sid: 907060762 - Visite oggi: 11354 - Visite totali: 34.201.827

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 I gatti sanno riconoscere il proprio nome
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 21624 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21997 Messaggi

Inserito il - 05/04/2019 : 10:42:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Quello e' il mio nome, parola di gatto

04 aprile 2019

I gatti domestici sanno riconoscere il proprio nome in base alla sua struttura fonetica, distinguendolo da parole della stessa lunghezza e pronunciate con la stessa intonazione, e indipendentemente da chi lo pronuncia

da lescienze.it/news

I gatti domestici sanno distinguere perfettamente il proprio nome dalle altre parole, compresi i nomi di altri gatti.

La cosa non stupirà chi vive con questi piccoli felini, ma un conto è fare appello alla propria esperienza, un altro dimostrare scientificamente che i gatti sono in grado di riconoscere il complesso fonetico del loro nome, e non solo di reagire all'intonazione con cui è pronunciato o a fattori come la direzione dello sguardo. A dissipare i dubbi è uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Tokyo, che firmano un articolo su "Nature Scientific Reports".

Atsuko Saito e colleghi hanno preso in esame 78 gatti provenienti da diverse famiglie giapponesi e da un neko cafè (neko vuol dire gatto in giapponese), un tipo di locale pubblico particolarmente diffuso in Giappone in cui la consumazione è allietata dalla presenza di un certo numero di questi animali.

Dagli esperimenti condotti è risultato che i gatti erano in grado di distinguere il proprio nome da parole che avevano la stessa lunghezza, pronunciate con la stessa intonazione e lo stesso volume, e indipendentemente dalla persona che le pronunciava, anche se si trattava di un perfetto estraneo.

Per valutare le reazioni dei gatti agli stimoli, i ricercatori hanno registrato il movimento delle orecchie, della testa e della coda, le eventuali vocalizzazioni e spostamenti, e l'entità di quella reazione. In ogni prova venivano pronunciate quattro parole, evitando che il nome dell'animale fossa la prima: questo perché di fronte a un suono iniziale gli eventuali movimenti avrebbero potuto essere solo una reazione di allerta, reazione che però tende a scemare con le parole successive. Un aumento della reazione, soprattutto alla terza o alla quarta parola, indica quindi che quel suono ha qualcosa di particolare.

La valutazione delle reazioni degli animali è stata poi affidata a una decina di ricercatori che non avevano assistito ai test e che disponevano solo della registrazione video priva di audio, in modo da garantire che non fossero influenzati dall'ascolto delle parole stimolo.

https://www.nature.com/articles/s41598-019-40616-4



  Discussione Precedente Discussione n. 21624 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:





CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti




[Amadeux BiblioForum] © 2001-2019 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina