[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
27/03/2019 - 03:51:00
    [Amadeux BiblioForum]                                   Tuo Ip: 34.236.145.124 - Sid: 288876513 - Visite oggi: 5703 - Visite totali: 32.402.974

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Ippocampo e autostima
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 21573 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21721 Messaggi

Inserito il - 14/03/2019 : 10:07:59  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ippocampo e autostima

La relazione tra ippocampo e autostima è talmente diretta che è stato possibile osservare che le persone con una visione negativa di se stesse presentano dimensioni più ridotte di questa struttura cerebrale.

L’ippocampo ha un legame diretto con il senso d’identità, con i ricordi e con la storia interna che creiamo in base a come vediamo e parliamo di noi. Nel caso in cui la nostra autostima è scarsa e abbiamo ricordi traumatici, questa struttura cerebrale avrà addirittura dimensioni ridotte. È dunque evidente la stretta relazione tra ippocampo e autostima.

L’anatomista del XVI secolo, Giulio Cesare Aranzio, denominò così questa piccola regione per una certa somiglianza al cavalluccio marino.

Per quasi quattro secoli nessuno è stato in grado di cogliere la relazione tra ippocampo e autostima e, dunque, l’importanza che tale struttura ha sulla nostra vita. All’inizio era stata relazionata all’olfatto e solo all’inizio del XX secolo Vladimir Bejterev scoprì la stretta relazione con la memoria e, soprattutto, con il nostro mondo emotivo.

D’altro canto, durante il XXI secolo, ricercatori come Tim Keller della Facoltà di Psicologia dell’Università di Carnegie Mellon, Pittsburg, hanno scoperto che alcune persone presentano un ippocampo molto più grande rispetto ad altre. I tassisti, esperti di memoria spaziale, ne sono un esempio.

Le persone che praticano sport e che, inoltre, hanno un punto di vista ottimista e con una solida autostima sono un’ulteriore fascia di popolazione con questa caratteristica neurologica. Un dato certamente interessante che approfondiamo a seguire.

“Avere scarsa autostima è come percorrere la strada della vita con il freno a mano tirato.”
-Maxwell Maltz-

Come si spiega la relazione tra ippocampo e autostima?

La relazione tra ippocampo e autostima può essere spiegata soprattutto grazie al legame con un’altra struttura: l’amigdala. Questa piccola regione del sistema limbico è nota in particolare perché evoca sensazioni di paura, allarme e minaccia. In questo modo, se l’amigdala non è sempre attiva e funziona in modo adeguato, l’ippocampo svolge le sue funzioni con normalità.

Spesso quando proviamo a definire in modo semplice la felicità, ricorriamo sempre alla stessa frase: “felicità è mancanza di paura”. Non possiamo tralasciare quanto può essere devastante questa emozione per la vita e per il cervello. L’angoscia, la sensazione di minaccia perenne e sentirsi indifesi crea una neurochimica molto dannosa che colpisce soprattutto l’ippocampo.

Ippocampo, emozioni, identità e salute

Alla fine del 2018, l’università di Renming, in Cina, ha condotto un interessante studio per comprendere la relazione tra ippocampo e autostima. Nonostante esistesse già una letteratura relativa a questo legame, i ricercatori volevano ottenere più dati. Vennero così condotti degli esami di risonanza magnetica su un vasto campione della popolazione:

A tutte le persone dello studio venne applicata la scala dell’autostima di Rosenberg; successivamente, si misurò tramite risonanza magnetica il volume dell’ippocampo. Fu così possibile notare effettivamente la suddetta relazione. Le persone con alta autostima presentavano un ippocampo con maggiore connettività e grandezza.

Questo dato divenne più evidente con l’aggiunta di un terzo fattore: una vita attiva, attività fisica.

Bassa autostima, ricordi traumatici e ippocampo

La relazione tra ippocampo e autostima è alquanto evidente. Esiste un circuito neurale che presenta maggior connettività, purché la persona alleni ogni giorno alcuni aspetti basilari:

Ottimismo;
Gratitudine;
Allegria;
Rilassamento;
Immagine positiva di se stessi;
Fiducia in se stessi;
Esercizio fisico.

Detto questo, cosa succede se manifestiamo una scarsa autostima? È importante dire che questa dimensione di solito varia nel tempo. Ci sono momenti in cui ci sentiamo più sicuri, fiduciosi, giorni in cui ci apprezziamo di più. Altre volte, e in base ai fattori che ci circondano, questa visione positiva può indebolirsi.

Tutto ciò non influenzerà il nostro ippocampo. In realtà, questa struttura viene colpita soltanto quando una persona soffre di stress post-traumatico e presenta una scarsa autostima cronica. Questo aspetto è molto comune, ad esempio, in persone che hanno subito maltrattamenti durante l’infanzia.

In queste situazioni, i ricordi rievocati che si inseriscono nell’ippocampo, hanno sempre un aspetto negativo e doloroso. Questa sensazione di vulnerabilità e immagine di se stessi negativa attiva l’amigdala. Si manifesta di nuovo la paura. Compare la sensazione di allarme, di pericolo costante. Poco dopo nel sangue entra in circolo il cortisolo, il quale può danneggiare l’ippocampo riducendone le dimensioni.

Si tratta senz’altro di un dato singolare che deve farci riflettere.

Come potenziare la relazione tra ippocampo e autostima?

Come possiamo migliorare la relazione tra ippocampo e autostima? Come possiamo prenderci cura di quest’area neurologica e di questo costrutto psicologico?

Bene, bisogna considerare un aspetto. Non basta tener conto della nostra identità, dell’autoconcetto o immagine di sé. L’autostima riguarda anche la nostra storia interna, ossia, il modo in cui parliamo a noi stessi. Farlo con compassione, affetto e rispetto migliorerà di molto questo muscolo della nostra personalità.

D’altra parte, ci sono altri aspetti da tenere a mente. La buona salute dell’ippocampo, così come la memoria e le emozioni, dipendono dalla nostra salute. In questo modo, cercare a tutti i costi di tenere sotto controllo lo stress, ci aiuterà in maniera diretta.

Realizzare attività fisica, ritagliare del tempo per il riposo fisico e soprattutto mentale sono due strategie sensazionali da praticare ogni giorno. Iniziamo ad avviare i cambiamenti per vincere in benessere, ne vale la pena. Ne va della nostra salute.

da lista mente

  Discussione Precedente Discussione n. 21573 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:

CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti





[Amadeux BiblioForum] © 2001-2019 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina