[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/04/2019 - 16:47:54
    [Amadeux BiblioForum]                                   Tuo Ip: 18.234.236.14 - Sid: 85746222 - Visite oggi: 8759 - Visite totali: 32.655.941

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Cervello femminile e' piu' giovane del maschile
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 21498 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21776 Messaggi

Inserito il - 05/02/2019 : 09:57:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il cervello femminile e' piu' giovane di quello maschile

Il cervello femminile e', a parità di età, di tre anni più giovane di quello maschile

La scoperta, basata sul metabolismo degli zuccheri, potrebbe spiegare perché le donne anziane tendono a essere lucide più a lungo rispetto agli uomini della stessa età.

Le donne sono sempre più giovani: e non solo per una questione di galanteria, ma proprio in termini biologici - per lo meno, lo è il loro cervello. In base a uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Science, dal punto di vista metabolico il cervello femminile risulta in media di tre anni più giovane di quello degli uomini della stessa età.

I risultati dello studio potrebbero spiegare in parte perché le donne in età avanzata siano spesso, nei compiti cognitivi di memoria, ragionamento e risoluzione di problemi, più "in forma" rispetto ai coetanei maschi. O - detto in altri termini - i meccanismi del metabolismo cerebrale potrebbero spiegare alcune differenze osservate tra uomini e donne in età avanzata.

UN UTILIZZO DIVERSO DELLE RISORSE. Il cervello consuma zuccheri, ma il modo in cui lo fa cambia con la crescita. Bambini e adolescenti impiegano parte di queste riserve energetiche in un processo chiamato glicolisi aerobica, che sostiene lo sviluppo e la maturazione cerebrale. La percentuale del glucosio investito in questo compito cala progressivamente con il passare degli anni. Se questa parabola era nota, pochissimo si sapeva sulle differenze nel metabolismo degli zuccheri tra uomo e donna.

Così gli scienziati della Scuola di Medicina dell'Università di Washington a St. Louis hanno usato la tomografia a emissione di positroni (PET) per misurare il flusso di sangue e glucosio nel cervello di 205 volontari, 121 donne e 84 uomini, tra i 20 e gli 82 anni di età. Per ciascuno è stata valutata la percentuale di zuccheri impegnata nella glicolisi aerobica in varie aree cerebrali. Questi dati, insieme a quelli relativi all'età anagrafica dei partecipanti maschi, sono stati dati in pasto a uno speciale software, per cercare una relazione tra i due fattori.

IL RISULTATO NON CAMBIA. Quando al programma è stato chiesto di calcolare l'età delle volontarie donne a partire dal loro metabolismo cerebrale, il software ha dato come risultato un'età, in media, di 3,8 anni in meno rispetto alla reale età anagrafica. I ricercatori hanno allora provato il procedimento opposto. Hanno istruito il programma con i dati su metabolismo cerebrale ed età delle donne, per calcolare l'età dei maschi a partire dagli esiti delle PET. I risultati hanno confermato la validità del modello di calcolo: i cervelli dei volontari maschi apparivano in media 2,4 anni più vecchi rispetto alla loro età.

Studi passati avevano dimostrato che, se è vero che il cervello tende a restringersi con l'avanzare dell'età, quello maschile perde volume più velocemente di quello femminile. In quell'occasione, le cause erano state ricondotte a differenze ormonali e alle differenti modalità di risposta delle varie aree cerebrali alle sollecitazioni ormonali.

«La differenza media tra l'età cerebrale calcolata tra uomini e donne è significativa, e il nostro metodo è riproducibile», spiega Manu Goyal, tra gli autori dello studio pubblicato su PNAS, che tuttavia sottolinea la necessità di ulteriori studi di approfondimento.

http://dx.doi.org/10.1073/pnas.1815917116

04 FEBBRAIO 2019 | ELISABETTA INTINI Focus.it


  Discussione Precedente Discussione n. 21498 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:

CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti





[Amadeux BiblioForum] © 2001-2019 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina