[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
17/11/2018 - 13:58:45
    [Amadeux BiblioForum]                               Ip: 54.167.18.170 - Sid: 1069864589 - Visite oggi: 611 - Visite totali: 31.319.095

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 L'energia che possedete da sempre
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 21303 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21475 Messaggi

Inserito il - 23/10/2018 : 09:09:44  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
L'energia che possedete da sempre

QUELL'INVINCIBILE ENERGIA CHE POSSEDETE!...

di Guido Da Todi


<Indosso> un corpo fisico che - come anelli della corteccia di un vetusto
albero - porta il segno di non poche stagioni.

E credo di potere fare il riassunto delle mie esperienze reincarnative, con
una certa serenita'.

In particolar modo, di quelle spirituali.

Vorrei rendervi partecipi di poche, parche sperimentazioni costanti, che m'
accompagnano nella mia <quotidianità>; e lo faccio perche' le considero,
appunto, quel riassunto reincarnativo di cui vi dicevo sopra. E lo faccio
anche perche' vi è, in fondo al mio animo, la tremula speranza che qualcuno
di voi si avvantaggi di esse, e renda conseguentemente piu' libera di
ostacoli e di dolorose interruzioni, la propria esistenza.

Solo per questo. Ritengo oramai acquisito dai piu' dei listanti il fatto che
ognuno di noi si esprima, verso gli altri, oramai, in un atto - consapevole
o meno - di servizio.

Vi e' un' <articolazione> magica, nella sfera di ogni individuo, che va
conquistata.

All'inizio, esiste solo come teorema. In seguito - quando la si e' talmente
acquisita, sì che essa si manifesti in un automatismo spontaneo e senza
sforzo, nel nostro susseguirsi di giornate - diventa e si rivela come la piu
' ineffabile e magica forza del creato.

E lo fa nel circuito concreto della nostra vita <tridimensionale>. Cioe', e'
prova a se stessa del suo valore; e constatazione individuale, ogni volta
che la esprimiamo in noi, e fuori di noi.

Sta a voi rendervene conto.

Si fa un gran parlare dell'amore. A destra ed a sinistra; nei Vangeli, e
nelle Scritture; in lista e fuori della lista.

E, cio', sicuramente, e' un bene ed una benedizione. Anche se <soppesato> a
livello teorico, questo sentimento costruira', man mano, in chi prende
confidenza - pur letteraria - con esso, uno sfondo stabile alla propria
anima: di equilibrio, di spiritualita' e di benessere futuri.

Io sono qui a darvi una testimonianza leggermente diversa sulla natura di
questa <energia>. Ed a riproporvene un aspetto sperimentale e - se volete -
occulto.

La mia abitudine - da molto, molto tempo - e'stata quella di considerare
questa forza un fenomeno energetico, alla pari di ogni altro che esiste nel
mondo: il tuono, il fulmine, la produzione di latte materno, il miele dell'
ape, e così via.

Ogni studio esoterico porta a codeste considerazioni. In piu', lo studio e
la tecnica del Kriya Yoga insegnano a considerare a fondo il pulsare dei
chakras umani, ed a riconoscere quello del cuore come <l'emittente sovrano>
dell'amore, nell'uomo. Ed io ho praticato il Kriya Yoga; che, di sicuro,
lascia una traccia indelebile in chi lo mette a prova integralmente.

Ora, spostiamo un po' la nostra attenzione dai problemi esistenziali di
rapporto umano che molti indicano, in questa lista; oppure, da quelli di
inadeguatezza produttiva che si ha, sovente, verso la vita in genere.

Ci troviamo - che lo si voglia, oppure no - a convivere in un consorzio
contingente, stratificato in un complesso intreccio di relazioni: il lavoro,
l'amicizia, l'amore, la parentela, gli incontri mondani, e così via.

Questo e' un fatto, e nessuno lo nega.

Tuttavia, mentre ci esprimiamo nello <snodo> di una simile esistenza,
risentiamo - in minima, o massima parte - tutto il peso dell'attrito, della
mancanza di sincronizzazione, del vuoto con il nostro simile, e con il
nostro destino.

E nasce lo stress, la frustrazione, l'inadeguatezza. Si potenzia il <male
oscuro>, e il sordo dolore , che non ha una forma palese.

Dov'e' l'amore? Non sono, questi, litigi, nervosismi, arrabbiature, gelosie,
prepotenze, egoismi, e ancora altro (nostri, e altrui)?

Di solito, appare, dopo la <manciata di sale> di cui ci siamo nutriti, in
questa elettrica sede della nostra quotidianita', la visione dell'isola
dorata, rappresentata dai nostri ideali; o, dal nostro <appuntamento> con
la lista; o, dalle vere motivazioni del nostro buon cuore e della nostra
indole.

Si', come una palla di gomma, tutto cio' riesce sempre a riemergere, dal
fondo palustre dei nostri insuccessi, e, puntualmente, torna a disporsi in
posizione preminente sul nostro orizzonte ideale.

Salvo, poi e di nuovo, scomparire nel nostro mini viaggio carontico, li',
nelle giornate dharmiche costanti e immancabili.

Ed allora, ecco l' <articolazione> apparire.

Quel famoso <amore>, di cui tanto si parla, e' necessario che si mostri,
prima o poi.

Non si trattera' di semplice e sola <buona volonta' generica verso il
prossimo>; ne' di un'apertura, ancora soggettiva e, forse, potenziale verso
la vita intera.

Parliamone, quindi, di questo amore.

Tutto il palcoscenico delle esperienze da noi vissute nel consorzio umano a
cui si accennava prima ci continuera' ad apparire con il solito sapore di
legno stantio, di uno schema fatto di materia urticante, di un quadro
ostile e statico se non indaghiamo sull'aspetto che esso assumerebbe sotto l
'influsso del nostro amore; che puo' illuminarlo, sin nelle piu' intime
fibre, di una calda natura, di un rigenerante flusso cicatrizzante; e puo',
di certo, mutarne la generale lunghezza d'onda, da pigra ed inalterata, in
dinamica e sempre nuova creativita'.

La vita abituale, e mediocre, che ci ritroviamo a sperimentare prima di ogni
insegnamento spirituale - e anche dopo - continua a raffrontarci - per forza
di cose - con i soliti personaggi e la solita commedia di quel palcoscenico.
Ci sono il nostro capo ufficio, oppure il datore di lavoro ostili ed
esigenti; ci sono la compagna, oppure il compagno che non apprezzano le
nostre aspirazioni e tendenze spirituali; la nostra noia, e gli abituali
<filtri> di varie neghittosita' che costituiscono la zavorra personale di
ognuno di noi.

Insomma, amici miei, chi piu' ne ha, piu' ne metta.

Eppure, credo che pochi - fra i numerosissimi studiosi della nostra
magnifica metafisica - abbiano veramente sperimentato cosa possa significare
<mutare il voltaggio della nostra lampada interiore>.

Mi spiego meglio.

Il mio discorso non riguarda alcuna religione, in particolare; e neppure
alcuna corrente spirituale, dell'occidente, o dell'oriente.

E' stato appurato dalla scienza biologica l'esistenza della conduzione
elettrica dei nostri neuroni cerebrali. Qualunque sforzo mentale e'
automaticamente accompagnato da una liberazione di energie contemporanee ad
esso, che scorre nelle cosiddette <sinapsi>; ossia, le strutture molecolari
dedicate, che collegano neurone a neurone.

In larga misura lo stesso fenomeno si estende ad ogni emittenza emozionale,
di coscienza e d'animo che ognuno di noi produce, mentre si esprime in
questo mondo.

Come una lampada al neon che abbia la potenzialita' di aumentare e di
diminuire il suo arco luminoso, in modo ritmico, si' da rischiarare o
diminuire, in modo corrispondente, la visibilita' delle cose attorno ad
essa, cosi' noi - con ogni sentimento provato nell'intimo - accentuiamo,
oppure oscuriamo lo spazio soggettivo del nostro universo.

E' un dato di fatto che forma la base empirica di ogni ricerca e conclusione
dell'illuminato esoterismo.

Una cosa, pero', bisogna aggiungere a tutto cio'. E cioe' che, se noi
mutiamo ottica interiore - e, di conseguenza, vediamo allinearsi a tale
nostra azione interiore anche il nostro mondo esteriore - constateremo che
lo schema della nostra individualita', attivata in tale direzione, produrra'
pure un risultato energetico.

Ogni trama della nostra mente e' accompagnata, quindi, da un suo flusso di
forza dinamico.

Siamo padroni, o meno, di accettare queste sottili rivelazioni. Cio'
nonostante, esse affermano un'incontrovertibile realta' dei fatti, che la
medesima scienza inizia ad esplorare.

In definitiva, il bandolo della matassa e' nelle nostre mani.

Sarebbe, di certo, improponibile affermare che - di primo acchitto - colui
che si decide a variare le sue strutture mentali raggiunge immediatamente
dei risultati eclatanti, sin dai primi sforzi.

Non sarebbe ne' equilibrato, ne' onesto.

Tuttavia, a noi e'sufficiente indicare l'origine del problema, ed affermare
con forza che il controllo delle nostre pulsioni fondamentali non e' poi
tanto difficile a conquistarsi, come sembra.

Basterebbe un piccolo esperimento che ognuno di voi puo' fare adesso -
interrompendo la lettura - per dare a tutti una prima intuizione delle
possibilita' incredibili che ha questa facolta' di mutazione dell' ottica
mentale.

Identificate un individuo con il quale non avete un buon rapporto; non
penso che arriviate a provare odio verso di lui (.), ma, comunque,
fastidio, disturbo, ostilita': questo, si'.

Immergetevi nel profondo del vostro io (lo spazio dinamico chiamato, in
altro luogo, <centro del cuore>). Di sicuro, rintraccerete, nel <sancta
sanctorum>, quella abituale e nota fonte di dolcezza e di tenerezza, che
risiede, per sua natura, in quell'angolo di amore posseduto
indiscutibilmente da tutti noi.

E, da questo momento, sorridete, interiormente, verso l'individuo ostile.
Vedetevi e sentitevi unito a lui con un forte affetto, quasi fosse un
componente caro della vostra famiglia.

Oh, certo, può non essere facile (e chi ha detto che e' facile, all'
inizio?).Ma, bastano due secondi - orologio alla mano - per la durata dell'
esperimento. Solo due secondi.

Poi, portate l'attenzione a quanto e' successo, nel frattempo.

Intanto, vi accorgerete - se avrete sinceramente sorriso all'oggetto del
vostro problema - che in quei <due secondi> e' accaduto l'inimmaginabile; la
vampata di affetto emessa e 'riuscita a dissolvere <tutto il problema>. Che,
magari, subito dopo si e' ricomposto - questo si'; ma, a ben vedere,
restando orbato di gran parte della coesione che, prima, lo teneva in vita.

Bastano due secondi di forte affetto impersonale, emessi verso chiunque
abbia un rapporto disarmonico nei nostri riguardi, per demolire delle
resistenze che sarebbero durate -stratificandosi - anni ed anni.

Abbiate bene a mente che questo semplice esperimento non ha nulla a che fare
con la vuota e teorica costruzione di un'intelaiatura mentale. No!

Dopo ogni <sorriso d'amore dinamico> verso un ostacolo esterno, permane a
pulsare anche quell'energia di cui parlavamo poco fa; la magica energia
che - in misura evidentemente archetipica e cosmica - i grandi Guru
gestiscono costantemente, emanandola verso tutta l'umanita'.

Ma, ogni cento chilometri cominciano con il primo passo.

Ed allora iniziate con il farvi una lista accurata di quanti - in
definitiva - rendono la vostra vita dolorante e <piagata>. E rendeteli
oggetto di un flusso soggettivo di simpatia e di amore.

Cosa vi costa, a fronte dei benefici che ne riceverete?

Intanto, l'amore toglie la paura.

Quell'uomo, o quella donna vi facevano paura? Amateli, con il cuore; inviate
il <raggio oltre ogni dimensione> nella loro direzione occulta. E vi
garantisco che - sempre se lo farete con sincerita' - quelle persone
cesseranno di intimorirvi, sin dalle prime volte.

Esistono degli angoli <compressi> di angoscie e di timori (formulati, o
astratti) nel vostro orizzonte soggettivo? Illuminateli con il potere
gocciante del vostro luminoso amore interno; metteteli in evidenza
improvvisa, con il caldo raggio creatore che ogni anima possiede, ben celato
in se', dall' eternita'. Trasmettete verso di loro la fiamma del vostro
calore, ed essi cominceranno a squamarsi, a bruciare - a loro volta- ed a
trasformarsi in <roveto ardente>.

Pochi conoscono il potere dinamico dell'amore. Pochi sanno che il semplice
sedersi in una poltrona, con atteggiamento amorevole, pieno di simpatia per
tutto cio' che esiste, ed il visualizzare le note discordanti che esistono
nella nostra vita, irrorandole con il nostro cuore medesimo, e con la forza
della nostra dedizione costituisce l'atto di piu' alta armonizzazione
pratica con l'universo.

Ma, a lungo andare, diverrete padroni di questa facolta'. E, camminando per
la strada, entrando in qualunque ambiente, incontrando amici e persone
ostili avrete il potere di radiare, a volonta', questo unguento
cicatrizzante e benefico; lo farete automaticamente, senza pensarci.

Sono convinto che la facolta' di cui sto parlando sia una delle prime
attivita' spontanee di ogni Guru e Spirito elevato. In ognuno dei quali la
gente percepisce - e praticamente tocca - questo grande alone <vivente> di
amore, che avviluppa ogni cosa, non gia' come velleita' e desiderio, ma in
qualita' di una energia sovrana, comune ad ogni <Risvegliato>.

E di questa energia, oggi, abbiamo toccato il seme. Essa risiede in tutti
voi. Da sempre.

Possa costituire la vostra benedizione e lo strumento della vostra non
lontana liberta' dal dolore!

Dedicatele un po' del vostro tempo, fratelli miei. Non avrete da pentirvene!


  Discussione Precedente Discussione n. 21303 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:

CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti





[Amadeux BiblioForum] © 2001-2018 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina