[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
20/08/2018 - 12:40:43
    [Amadeux BiblioForum]                               Ip: 54.198.41.76 - Sid: 193063960 - Visite oggi: 7134 - Visite totali: 30.570.966

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 La capacita' del cervello di compensare un deficit
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 21141 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21279 Messaggi

Inserito il - 03/08/2018 : 09:05:37  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La capacita' del cervello di compensare un deficit estremo

02 agosto 2018

Un bambino sottoposto alla rimozione chirurgica dei lobi occipitale e temporale destro per una grave epilessia ha recuperato la capacità di riconoscere visi e parole anche se non ha più le regioni cerebrali che controllano queste importanti funzioni. Le scansioni di risonanza magnetica nucleare dimostrano che è l'emisfero sinistro a supplire al deficit, documentando ancora una volta l'estrema plasticità del cervello, soprattutto durante l'età evolutiva (red)

da lescienze.it/news

La funzione visiva può essere recuperata almeno in parte anche quando le regioni cerebrali che ne sono responsabili sono state anatomicamente alterate. Lo rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Neuron” in cui si è documentata la ripresa funzionale in un paziente di soli sette anni sottoposto a lobectomia nel tentativo di risolvere una grave forma di epilessia. Le scansioni cerebrali hanno infatti rivelato che, dopo alcuni anni dall’intervento, il bambino è riuscito a compensare il deficit, recuperando la facoltà di riconoscimento visivo di visi e oggetti.

Lo studio rappresenta un’ennesima conferma della plasticità neuronale, in particolare nel periodo dello sviluppo infantile, anche in un caso di deficit estremo come questo. Al piccolo paziente, indicato con le iniziali UD, infatti manca l’intero lobo occipitale, che include la corteccia visiva, in cui avviene l’elaborazione primaria delle informazioni dell’organo della vista, e gran parte del lobo temporale destro, che riceve ed elabora gli input sensoriali visivi e uditivi.

Per studiare l’impatto di questa vasta lobectomia, i ricercatori hanno sottoposto UD a una serie di test per verificare in che modo il piccolo paziente riuscisse a svolgere alcuni compiti visivi e comportamentali. Al contempo, hanno utilizzato una tecnica di imaging di risonanza magnetica nucleare, focalizzando l’attenzione in particolare su cinque differenti punti del cervello, per individuare le aree rimaste inalterate e quelle che si sono ristrutturate nell’arco di tre anni.

Con sorpresa, gli autori hanno scoperto che il paziente era in grado di riconoscere in modo pressoché normale visi, oggetti e parole, una facoltà che in un cervello intatto dipende in modo cruciale dai lobi rimossi. Nello specifico, hanno scoperto che il cervello di UD era mutato, coinvolgendo alcune aree dell’emisfero sinistro per compensare alcune funzioni di ordine più elevato, come riconoscere e analizzare elementi visivi e con elaborare visi e parole in modo normale.

“Eseguendo le scansioni in tempi diversi, in modo da seguire l’evoluzione del cervello nel tempo, siamo riusciti a evidenziare quali parti del cervello erano rimaste stabili, e quali invece si erano riorganizzate: questo studio getta una luce sui meccanismi che consentono al cervello di ristrutturare la funzione visiva all’interno della corteccia”, ha spiegato Marlene Behrmann, docente della Carnegie Mellon University, coautrice dell’articolo. “L’unico deficit che rimasto al paziente è nel campo visivo: se guarda in avanti, UD non è in grado di elaborare le informazioni che riguardano il lato sinistro; a questa mancanza, il piccolo fa fronte girando la testa o gli occhi”.

“Il risultato offre una caratterizzazione dettagliata della plasticità del sistema visivo durante lo sviluppo cerebrale del bambino”, ha concluso Behrmann. “E getta anche una luce sul sistema visivo della corteccia e potenzialmente potrebbe aiutare neurologi e neurochirurghi a comprendere i tipi di cambiamenti che sono possibili nel cervello."

http://dx.doi.org/10.1016/j.celrep.2018.06.099


  Discussione Precedente Discussione n. 21141 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:

CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti






[Amadeux BiblioForum] © 2001-2018 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina