[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
18/12/2017 - 00:15:01
    [Amadeux BiblioForum]                               Ip: 54.227.126.69 - Sid: 745178582 - Visite oggi: 13038 - Visite totali: 27.331.558

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Il timbro universale del "mammese"
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 20279 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


20594 Messaggi

Inserito il - 13/10/2017 : 10:23:17  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il timbro universale del "mammese"

12 ottobre 2017

Nel rivolgersi ai figli piccoli le mamme non modificano solo il ritmo e l'intonazione della voce, ma anche il timbro. Una ricerca ha scoperto che questa alterazione timbrica è universale, ossia identica in tutte le lingue (red)

da lescienze.it

Quando parlano con i figli piccoli le mamme alterano il timbro della voce in un modo caratteristico e unico, quale che sia il paese in cui vivono e la lingua che usano. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori della Princeton University, che firmano un articolo pubblicato su "Current Biology".

Precedenti ricerche avevano già dimostrato che parlando con i figli piccoli le madri modificano il loro modo di esprimersi adottando il cosiddetto baby talk, o “mammese”, che, esagerando gli accenti e il ritmo del parlato per renderlo più musicale, ha un ruolo importante per l'apprendimento della lingua. Questa parlata stimola il coinvolgimento emotivo del piccolo ed evidenzia la struttura del linguaggio, aiutando i bambini a decodificare sillabe e frasi.

Finora però non era stata effettuata un'approfondita ricerca sul timbro della voce, perché a differenza dell'altezza, della durata e dell'intensità di un suono, tutte caratteristiche facilmente quantificabili, il timbro è una grandezza multidimensionale, non rappresentabile cioè con un unico semplice valore. E' tuttavia possibile tracciarne un profilo che – come hanno ora mostrato Elise A. Piazza e colleghi – è chiaramente distinguibile da quello della parlata fra adulti.

Data la complessità delle variabili in gioco, i ricercatori non hanno cercato di ricavare una "formula" che descrivesse il passaggio da una parlata all'altra, ma sono ricorsi a una differente strategia: sfruttando le risorse dell'intelligenza artificiale hanno messo a punto un algoritmo di riconoscimento vocale e apprendimento automatico che hanno "allenato" sulle voci di 12 madri di lingua inglese mentre giocavano con i loro bambini e quando parlavano con altri adulti. In breve l'algoritmo è stato in grado di stabilire correttamente quando le donne usavano il timbro "da neonato" e quando quello da adulto.

A questo punto i ricercatori hanno sottoposto all'algoritmo addestrato con l'inglese le voci di donne che parlavano altre lingue (cantonese, francese, tedesco, ebraico, ungherese, mandarino, polacco, russo e spagnolo) per controllare se fosse in grado di distinguere comunque fra i due tipi di palata. Cosa che l'algoritmo è stato perfettamente in grado di fare.

"Ciò significa – ha concluso Elise Piazza – che questi cambiamenti nel timbro rappresentano una forma universale di comunicazione con i neonati".

http://www.cell.com/current-biology/fulltext/S0960-9822(17)31114-4


  Discussione Precedente Discussione n. 20279 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi alla discussione
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:







[Amadeux BiblioForum] © 2001-2017 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina