[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
19/06/2019 - 01:15:22
    [Amadeux BiblioForum]                                   Tuo Ip: 3.85.10.62 - Sid: 70793463 - Visite oggi: 9992 - Visite totali: 33.375.950

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?




 Tutti i Forum
 Network NEWS
 NOVITA' by Amadeux network
 Il peer-to-peer batte l'industria musicale
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione n. 282 Discussione Successiva  

admin
Webmaster

8hertz

Regione: Italy
Prov.: Pisa
Città: Ponsacco


21898 Messaggi

Inserito il - 03/12/2002 : 09:56:42  Mostra Profilo
Il peer-to-peer batte l'industria musicale

Gli sforzi delle major contro lo scambio di file musicali sono solo una perdita di denaro, la battaglia ormai è perduta. Lo dice una ricerca commissionata da Microsoft.

[ZEUS News - www.zeusnews.it - Prima Pagina, 02-12-2002]

Secondo il sito Tv Meets The Web, una ricerca commissionata da Microsoft sarebbe arrivata alla conclusione che la battaglia, da parte dell'industria musicale, contro lo scambio peer-to-peer (P2P) di file musicali è ormai perduta, e che gli sforzi per contrastare questo scambio sono essenzialmente una perdita di tempo e di denaro.
La ricerca enfatizza come fattori determinanti la diffusione dei network P2P, la commercializzazione di masterizzatori CD e DVD sempre più tecnologicamente evoluti, e il fallimento dei sistemi DRM (Digital Right Management) finora sviluppati. Nonostante qualche vittoria (ricorderete i recenti casi Napster e Madster) la disponibilità di memorie di massa sempre più capaci ed economiche, la diffusione della banda larga e il numero di fonti (coloro che mettono a disposizione i propri file musicali) è in continuo aumento. Soltanto chiudendo queste fonti l'industria musicale potrebbe vincere; visto il loro numero, in continua crescita, si tratta essenzialmente di una battaglia persa in partenza.

Anche gli sforzi compiuti nella direzione DRM sono finora falliti: l'utente è sempre riuscito ad aggirare le protezioni anti-copia. Tecnologie alternative, come la digital water-marking sono considerate troppo restrittive, limitando il numero di sistemi sui quali un CD può essere ascoltato, e potenziali fonti di ricorsi legali da parte dei consumatori.

La ricerca si conclude con l'affermazione che la sola via praticabile dall'industria musicale per ridurre il danno economico causato dai networks P2P consiste nel ridurre i prezzi dei loro prodotti e migliorarne la distribuzione.


Massimo Nespolo
  Discussione Precedente Discussione n. 282 Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:





CLICCA QUI per andare su Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti




[Amadeux BiblioForum] © 2001-2019 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina