[Amadeux BiblioForum]
Clicca qui per andare al sito di Audioterapia, Musica ed elementi subliminali benefici
26/10/2020 - 04:22:21
    [Amadeux BiblioForum]                                     Ip: 54.236.35.159 - Sid: 655565186 - Visite oggi: 19693 - Visite totali: 40.147.536

Home | Forum | Calendario | Registrati | Nuovi | Recenti | Segnalibro | Sondaggi | Utenti | Downloads | Ricerche | Aiuto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?



 Tutti i Forum
 Forums e Archivi PUBBLICI
 SUBLIMEN BiblioForum
 Le realta' che dobbiamo accettare

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista Inserisci Faccine
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
    

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
admin Inserito il - 26/08/2020 : 09:42:49
Le realta' che dobbiamo accettare

Quando la realtà non ci piace, abbiamo più possibilità. Una di queste è cambiarla, un'altra è accettarla. In alcuni casi, le circostanze assumono caratteristiche tali da lasciarci solo la seconda opzione.

Quando dobbiamo fare i conti con una realtà che non ci piace, possiamo assumere diverse posizioni. Possiamo lamentarci della nostra sfortuna, rimboccarci le maniche e cercare di cambiarla oppure accettarla e lavorare in modo che non diventi il centro della nostra attenzione. Possiamo includerla nei nostri discorsi p possiamo escluderla, ovvero accettarla tra i nostri pensieri oppure gettare nel nostro “cestino mentale” ogni possibile riferimento sgradevole. In un modo o nell’altro, però, esistono realtà che dobbiamo accettare.

Si tratta, in altre parole, di eventi o situazioni che esistono ed esisteranno sempre. Affinché non ci condizionino o non intacchino il nostro benessere, non abbiamo altra scelta che imparare a convivere con essi, proprio come facciamo con alcune manie delle persone che ci circondano, che dobbiamo imparare a sopportare.

Quali sono le realtà che dobbiamo accettare, ma che non ci piacciono?

Non siamo perfetti

Possiamo adottare l’atteggiamento, un po’ romantico, di considerare lo sbaglio una fortuna. Senza di esso non potremmo mai imparare, migliorare noi stessi, provare la meravigliosa sensazione di crescere. Ieri abbiamo agito male o in modo mediocre, ma oggi faremo meglio.

Però… quante dimenticanze ci hanno fatto arrabbiare? Quanti bicchieri abbiamo rotto per la nostra goffaggine? Non abbiamo calcolato bene la distanza con la macchina dietro e l’abbiamo urtata. Abbiamo dimenticato l’appuntamento con il medico e non siamo andati.

Per quanta rabbia susciti in noi o per quanta attenzione presteremo, continueremo a commettere stupidi errori, di quelli che non insegnano molto. È una realtà che dobbiamo accettare.

Le aspettative

Gli eventi raramente si dispongono in modo da seguire esattamente i piani che abbiamo in mente. Dovremmo avere un camion invece di una valigia per avere una risposta pronta a tutti gli imprevisti previsti. se avessimo voglia di enumerarli, nell’elenco troveremmo la voce “altri”.

Ma conviene? Assumere una posizione troppo cauta o contenuta per evitare gli imprevisti è una pretesa eccessiva. Significa frenarci quando siamo dinamici o mutevoli. D’altra parte, non possiamo sbarazzarci delle aspettative, così come non possiamo sbarazzarci delle prime impressioni e dei pregiudizi o dell’effetto alone.

Quello che ci aspettiamo condiziona gli elementi del gioco psicologico, alcuni molto importanti come l’autoefficacia o il controllo della nostra attenzione da parte dell’esecutivo centrale.

Lavorare con la percezione, non con la realtà

Una statua non è brutta. Una persona non è onesta o bugiarda. Può comportarsi spesso così, ma questo non significa che lo faccia sempre o che non scelga il comportamento in base al contesto. In realtà tutti possiamo mentire, ma non significa per questo che siamo interessati o falsi come una moneta da tre euro.

In una mappa, due punti sono più o meno distanti a seconda della scala o dello zoom che applichiamo. Possiamo rendere Roma e Venezia molto vicine o molto lontane.

Il dialogo consente di adottare la stessa unità di misura e attribuire un valore assoluto, senza esprimere giudizi. Tuttavia trasferire questo sistema di misurazione al mondo psicologico presenta le sue difficoltà. Immaginate che Venezia e Roma si muovano continuamente sulla mappa.

Cosa useremmo come punto di riferimento? Probabilmente quello che vediamo in quel momento sullo schermo. Perché? Perché è comodo lavorare dal nostro punto di vista e tenendo conto solo delle informazioni che provengono dai nostri sensi in un dato momento. In altre parole, tendiamo a lavorare con le foto quando ciò che vorremmo è lavorare con un video e per di più con una telecamera in grado di ruotare di 360 gradi. Purtroppo, però, non è possibile ed è un’altra realtà che dobbiamo accettare.

Vuoti di memoria, un’altra realtà che dobbiamo accettare

Ce l’avete sulla punta della lingua. La parola che volete raggiungere è come un’isola: sapete dove si trova, ma non riuscite a trovare il percorso per accedervi e sdraiarvi sulla sua spiaggia. Il suo significato, l’ultima volta che l’avete adoperata, la lettera con cui inizia o finisce.

Quella faccia non è nuova, veniva all’università con voi. Ma come si chiama? Si sedeva accanto a Claudio. Un’altra realtà che siamo costretti ad accettare riguarda il funzionamento un po’ anarchico della nostra memoria.

In questo articolo abbiamo elencato solo alcune realtà scomode che non possiamo far altro che accettare e che possono causare non poca frustrazione. E voi, cosa includereste in questa lista e perché?

https://www.repubblica.it/rubriche/passaparola/2013/05/30/news/ossessioni_e_manie-59969619/

da lista mente




Macrolibrarsi


English French German Italian Spanish


[Amadeux BiblioForum] © 2001-2020 Amadeux MultiMedia network. All Rights Reserved. Torna all'inizio della Pagina